Ti sarà inviata una password per E-mail

TORINO | Galleria Alberto Peola | 11 maggio – 30 giugno 2012

Ogni cosa è illuminata

di MARIA CRISTINA STRATI

Giovedì 10 maggio inaugura a Torino, presso la Galleria Alberto Peola, la mostra personale di Dubravka Vidovic con la curatela di Gigliola Foschi.
Classe 1970, Dubravka Vidovic nasce a Zara, in Croazia, per trasferirsi a Milano nella seconda metà degli anni novanta, dove è stata allieva di Luciano Fabro presso l’Accademia di Brera. Ha esposto i suoi lavori in sedi prestigiose in Italia e all’estero e ora vive e lavora tra Milano e Shangai.

In occasione della mostra torinese, che porta il titolo Exil, Vidovic presenta una serie di lavori la cui poetica consiste nel cercare di ricondurre lo sguardo di ciascuno sulle piccole cose dell’esistenza umana: qui anche il più piccolo e umile oggetto può rappresentare una storia densa di poesia.
Per comprendere appieno il lavoro è possibile ricorrere a due fondamentali chiavi di lettura. La prima riguarda la formazione della Vidovic: come suggerisce Gigliola Foschi, curatrice della mostra, benché l’artista ricorra a vari e diversi mezzi espressivi – dalla fotografia, al video, alla fotografia d’archivio, all’installazione – è forse possibile rintracciare nell’attenzione alle piccole cose, a oggetti “poveri”, una derivazione dalla scuola dell’arte povera, pur con le dovute differenze a livello espressivo e formale.

Anche la seconda chiave di lettura è indicata dal testo di Gigliola Foschi. Il testo porta il titolo: Dichterish wohnet der Mensch, che in tedesco sta per “poeticamente abita l’uomo”: si tratta di una citazione da Heidegger, che a sua volta faceva proprie le parole del poeta Hoelderlin. Interpretando il testo heideggeriano, si può allora dire che l’abitare poetico dell’uomo si rivela anche così: in un atteggiamento attento e non superficiale, che sa cogliere la meraviglia della vita, la poesia del ricordo e lo splendore di una bellezza interiore ed entusiasta persino nelle più piccole, fragili esperienze dell’esistenza umana.

La poetica di Dubravka Vidovic si può allora sintetizzare in questo concetto: ogni singola, piccola cosa è piena di poesia, ricordo, entusiasmo, ed è anche a partire da essa che possiamo rileggere il nostro mondo e le nostre vite. Tocca al nostro sguardo il compito di essere abbastanza sveglio e attento, per saper cogliere la bellezza nascosta nella quotidianità. Allora, come recita un detto yhiddish ripreso da un famoso film di qualche anno fa, davvero ogni cosa è illuminata e diviene potenziale e ogni volta esclusiva via di accesso a un mondo poetico pieno di inattesa intensità e vita.

Dubravka Vidović – Exil
A cura di Gigliola Foschi

Alberto Peola Artecontemporanea
Via della Rocca 29, Torino

Info: +39 011 8124460
www.albertopeola.com

Orario: da lunedì a sabato dalle 15.30 alle 19.30 mattino su appuntamento

Inaugurazione giovedì 10 maggio 2012 alle ore 19.00
11 maggio – 30 giugno 2012

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi