Non sei registrato? Registrati.
MILANO | Museo del Novecento | Fino al 24 febbraio 2019
ROVERETO (TN) | Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto | Fino al 24 febbraio 2019

Sono due e diverse, ma integrate e congiunte, le mostre dedicate alla figura di Margherita Grassini Sarfatti (1880-1961), donna che fu perno della cultura italiana del primo Novecento, inaugurate lo scorso fine settimana: al Museo del Novecento di Milano si può leggere un’analisi dell’arte milanese degli anni Venti, mentre al Mart – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto si può osservare il ruolo che ebbe come ambasciatrice dell’arte italiana a livello internazionale.
Margherita Grassini, il cui cognome divenne Sarfatti dopo il matrimonio con il marito Cesare, di origini veneziane, nata in una nota famiglia ebrea, fu figure chiave del nostro sistema culturale: fu lei che, da giornalista influente, curatrice, intellettuale, a definire la nuova linea della critica dell’arte italiana dalla fine della Prima Guerra Mondiale ai primi anni Trenta, scrivendo tra le pagine più importanti dell’arte del nostro paese, col suo sostegno rivolto a movimenti artisti capaci di definire un’epoca intera.
Le due mostre documentano in modo ampio e intenso non solo le frequentazioni con intellettuali ed artisti, il sodalizio stretto con Benito Mussolini, ma anche le suggestioni, le idee e le sperimentazioni attuate da una donna intraprendente e ambiziosa, potente, la cui cultura e preparazione straordinarie influenzarono e orientarono i salotti culturali del suo tempo. Nonostante fosse inserita nell’alta società italiana, non riuscì a sfuggire, per le sue origini, nemmeno lei alle turpi leggi razziali del 1938 e, a seguito di quell’odioso provvedimento, fu costretta a lasciare il nostro paese per tornarvi poi guerra conclusa, quando, però, il clima culturale era profondamente cambiato e fu a lei del tutto estraneo.

Umberto Boccioni, Ritratto della signora Cragnolini Fanna (dettaglio), 1916, olio su tela, Collezione privata

La mostra di Milano si compone di 90 capolavori, tra dipinti e sculture, di 40 artisti, protagonisti soprattutto del movimento Novecento, di cui Sarfatti fu teorica e critica: il percorso offre opere di Boccioni, Borra, Bucci, Carrà, Casorati, de Chirico, Dudreville, Funi, Malerba, Marini, Medardo Rosso, Sironi e Wildt per citarne alcuni, a cui si aggiungono anche fotografie, lettere, inviti dei vernissage di allora, libri d’epoca, abiti, vetri e arredi, tutti materiali che aiutano ad approfondire la Milano tra gli anni Dieci e Venti del XX secolo, epoca in cui si comincia ad affermare un moderno “sistema dell’arte”.
A Rovereto, invece, si documenta il progetto, che Sarfatti aveva avviato, di espansione culturale facendo riferimento alle esposizioni internazionali organizzate in Europa e nelle Americhe, tra il 1926 e il 1932, a sostegno e promozione dell’eccellenza dell’arte italiana: tutte le opere esposte, circa circa 100 capolavori di 30 grandi maestri, ripercorrono la politica e l’attività intellettuale di Sarfatti dagli esordi giovanili alla fondazione di Novecento Italiano, caratterizzato dalla sua “moderna classicità”.

Margherita Sarfatti. Segni, colori e luci a Milano
a cura di Anna Maria Montaldo, Danka Giacon
con la collaborazione di Antonello Negri
promossa e prodotta da Comune di Milano – Cultura Museo del Novecento con la casa editrice Electa
in collaborazione con Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
organizzazione, comunicazione Electa
unico catalogo Electa

21 settembre 2018 – 24 febbraio 2019

Museo del Novecento
piazza Duomo 8, Milano

Orari: lunedì 14.30-19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30-19.30; giovedì e sabato 9.30-22.30; il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura
Ingresso intero €10.00, ridotto €8.00

Info: +39 02 88444061
c.museo900@comune.milano.it
www.museodelnovecento.org

Margherita Sarfatti. Il Novecento Italiano nel mondo
a cura di Daniela Ferrari
con la collaborazione di Ilaria Cimonetti e dell’Archivio del ’900 del Mart
promossa e prodotta da Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
in collaborazione con Comune di Milano – Cultura, Museo del Novecento con la casa editrice Electa
organizzazione, comunicazione Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
unico catalogo Electa

22 settembre 2018 – 24 febbraio 2019

Mart – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
corso Angelo Bettini 43, Rovereto (TN)

Orari: da martedì a domenica 10.00-18.00; venerdì 10.00-21.00;  lunedì chiuso; il servizio di biglietteria termina mezz’ora prima della chiusura Ingresso
Ingresso intero €11.00; ridotto €7.00; gratuito fino ai 14 anni e persone con disabilità

Info: 800 397760
+39 0464 438887
info@mar t.trento.it
www.mar t.trento.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •