Iscrivendomi a questo sito dichiaro di aver letto e accettato l’Informativa sulla Privacy.

Ti sarà inviata una password per E-mail
PARIGI | Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris | 2 ottobre 2015 – 7 febbraio 2016

di Stefano Bianchi 

Andy Warhol, Shadows, 1978-79, Installation view, Dia: Beacon, Beacon, New York - Photo: Bill Jacobson Studio, New York, © Courtesy Dia Art Foundation, New York, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. / ADAGP, Paris 2015
Stavolta non c’è l’Andy Warhol “prêt-à-porter” che pur di riempire ogni spazio possibile snocciola il visto e stravisto a colpi di grafiche, copertine di Interview, “memorabilia” e solo qualche (trascurabile) pezzo unico. Al contrario, al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (dove peraltro l’artista di Pittsburgh allestì nel 1970 una memorabile retrospettiva) c’è Warhol Unlimited con 102 minimaliste Shadows di 17 differenti colori, l’una accanto all’altra lungo 130 metri lineari. Warhol le dipinse fra il 1978 e il ‘79 su commissione dell’”art dealer” Heiner Friedrich e di sua moglie Philippa de Menil, provengono dalla Dia Art Foundation di New York, vengono esposte per la prima volta in Europa e sono ombre che da sole valgono la visita.

Andy Warhol, Flowers, 1965, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. / ADAGP, Paris 2015

Ma c’è dell’altro (e molto, ai massimi livelli) in questa mostra davvero senza limiti che coglie la capacità dell’artista seriale di variare cromatismi e dimensioni per ogni suo iconico soggetto, a seconda della “messa in scena” e dello spazio espositivo che gli venivano messi a disposizione. Se con i Self-Portraits replicati in uno psichedelico technicolor Warhol identifica se stesso come “brand” pubblicitario legittimamente autorizzato a confrontarsi con le Campbell’s Soup Cans, i Flowers si presentano da infinitamente piccoli a straordinariamente grandi col preciso intento di esibire il loro effetto decorativo (parecchi collezionisti, negli Anni ’60, avrebbero voluto infatti utilizzarli come carta da parati) mentre la sfilata dei Mao si trasforma pluri/ossessivamente in Maonotony svelando pennellate gestuali che si ispirano (meccanicamente, però) all’Action Painting.

Andy Warhol, Mao, 1973, Fondation Carmignac, © Fondation Carmignac – Photo: Thomas Hennocque, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. / ADAGP, Paris 2015
C’è poi l’artista dell’American Way of Death che mischia “glamour” e morte fagocitando plumbei ritratti di Jackie, prima e dopo l’assassinio di John Fitzgerald Kennedy datato 22 novembre 1963: in tailleur Chanel, sorridente, all’arrivo a Dallas; pietrificata dal dolore, durante la cerimonia funebre. E le Electric Chairs? Blu, verdi, rosse, eccetera, non sono altro che “merchandising”: a maggior ragione se vengono appese a una parete rivestita con la Cow Wallpaper riprendendo l’allestimento della retrospettiva del 1971 al Whitney Museum of American Art di New York.

Andy Warhol under Silver Cloud, during his exhibition at the Ferus Gallery, Los Angeles, 1965, © Steve Schapiro/Corbis, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. / ADAGP, Paris 2015
Fra un capolavoro e l’altro (non c’è Marilyn, eppure non se ne avverte la mancanza), Warhol Unlimited è arricchita da filmati (gli Screen Tests che riprendono i primi piani di Marcel Duchamp, Salvador Dalí, Bob Dylan, Edie Sedgwick e Nico, nonché il voluttuoso Kiss e i trasgressivi Blow Job e Mario Banana); schegge videomusicali tratte dall’Exploding Plastic Inevitable coi Velvet Underground e i seguaci della Factory; le fluttuanti Silver Clouds (fedeli riproduzioni delle nuvole in poliestere argentato, riempite d’aria e di elio create nel 1965) che si meritano una sala a parte dando l’opportunità di interagire con loro, immersi in un ambiente mutevole, incerto, che coinvolge. E, se avete tempo da perdere, c’è la proiezione di Empire (1964): 8 ore filate, dal tramonto a notte fonda, d’inquadratura fissa sul grattacielo newyorkese. Più Unlimited di così.

Andy Warhol, Self-Portrait, 1966, New York, Museum of Modern Art (MoMA), Gift of Philip Johnson, © 2015 Digital Image, The Museum of Modern Art, New York/Scala, Florence, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. / ADAGP, Paris 2015

Warhol Unlimited
a cura di Sébastien Gokalp ed Hervé Vanel
catalogo Éditions Paris Musées

2 ottobre 2015 – 7 febbraio 2016

Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris
11 Avenue du Président Wilson, Parigi

Orari: da martedì a domenica 10.00 – 18.00; chiuso il lunedì
Ingresso intero € 12.00, ridotto € 9.00

Info: +33 1 53674000
www.mam.paris.fr

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi