Ti sarà inviata una password per E-mail
RIVOLI (TO) | Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea – Collezione Cerruti | Dal 2019

Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea ha presentato l’importante accordo che, siglato con la Fondazione Francesco Federico Cerruti per l’Arte, concede la gestione, secondo il mandato per il suo studio e la sua valorizzazione, della collezione dell’imprenditore Francesco Federico Cerruti (1922-2015).
Il cospicuo patrimonio dell’illustre collezionista torinese conta oltre 300 opere scultoree e pittoriche che coprono un ampio arco temporale i cui estremi spaziano dal Medioevo al periodo contemporaneo, cui si devono aggiungere poi i 200 rari libri antichi, le legatorie e fondi d’oro per completarsi con più di 300 mobili, arredi, tappeti e scrittoi di celebri ebanisti.

Francis Bacon, Studio per ritratto IX, 1957
, olio su tela, 152.5x118 cm, Collezione Fondazione Francesco Federico Cerruti per l'Arte, Deposito a lungo termine Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

Francis Bacon, Studio per ritratto IX, 1957
, olio su tela, 152.5×118 cm, Collezione Fondazione Francesco Federico Cerruti per l’Arte, Deposito a lungo termine Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

Dalla metà degli anni Cinquanta del Novecento, Cerruti, collezionista schivo e riservato, che ha sempre custodito gelosamente i tesori da lui acquisiti nel tempo, ha riunito, fino al 2014, un consistente patrimonio culturale che fornisce al futuro visitatore l’esperienza di un viaggio non solo nel gusto di chi ha raccolto questi pezzi, ma anche nella storia dell’arte. Dal Rinascimento al Novecento, infatti, la collezione si fregia di capolavori assoluti come le opere di Pontormo, Segno di Bonaventura o Bernardo Daddi per arrivare, in tempi più recenti, ai lavori di maestri come Renoir, Modigliani, Kandinsky, Klee, Boccioni, Balla e Magritte e, ancora, a Bacon, Burri, Warhol, De Dominicis e Paolini.
Cerruti ha dato un’identità precisa alla sua collezione che ora viene salvaguardata nella sua interezza, bellezza e complessità e viene resa patrimonio fruibile alla collettività; lo stesso collezionista ha voluto lasciare nello statuto della Fondazione queste sue esplicite volontà secondo quanto avesse:

“[…] Deciso di volgere a beneficio della collettività nazionale e internazionale la Collezione nell’auspicio di poter perpetuare i valori che lo avevano animato, nonché il senso di mecenatismo, così da contribuire a rendere la Collezione Cerruti realtà sempre viva e motore di crescita culturale.”

Interno della villa di Federico Cerruti, Rivoli-Torino, Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, Rivoli-Torino Foto Gabriele Gaidano

Interno della villa di Federico Cerruti, Rivoli-Torino, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino Foto Gabriele Gaidano

Scrigno di tanta bellezza, voluto dallo stesso Cerruti, è la bellissima villa in stile provenzale che fu costruita sulle colline di Rivoli in una posizione che, dall’invidiabile panorama, si colloca a pochi passi dal Castello, andando in tal modo a costituire un polo culturale allargato al territorio. In occasione dell’accordo di gestione e valorizzazione della collezione, questa sede sarà oggetto, in previsione della definitiva apertura al pubblico nel gennaio del 2019, di un ambizioso progetto di ristrutturazione che consta soprattutto nella messa in sicurezza della villa e nella creazione di luoghi di ricezione, bookshop e strutture di accessibilità con interventi che non inficeranno la preesistente struttura dell’edificio e del parco-giardino che la circonda.
Un’acquisizione importante per il Castello di Rivoli che amplifica con questo oneroso e impegnato lascito di gestione le offerte del suo programma di polo culturale italiano tra i più attivi e significativi.

Collezione Cerruti
in collaborazione con Fondazione Francesco Federico Cerruti per l’Arte 

Dal 2019

Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli (TO) 

Info: +39 011 9565222
info@castellodirivoli.org
www.castellodirivoli.org

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi