Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | GILDA CONTEMPORARY ART | 23 novembre 2017 – 14 gennaio 2018

Dal 23 novembre 2017 al 14 gennaio 2018, Gilda Contemporary Art di Milano ospita un progetto inedito di Florencia Martinez (Buenos Aires, 1962), appositamente pensato per i suoi spazi espositivi.
La mostra, curata da Cristina Gilda Artese, col patrocinio del Consolato d’Argentina, presenta una serie di opere recenti in cui il tessuto e il colore sono gli elementi che caratterizzano il lavoro dell’artista italo-argentina.
È dal 2000 che Florencia Martinez ha scelto il tessuto come materia principale con cui esprimersi, trovando in esso la capacità di raccontare una storia, un vissuto privato e personale. Dopo un primo approccio di natura bidimensionale, le sue opere hanno quindi raggiunto una condizione più prossima alla scultura. “Cucire per me è mettere in ordine il mondo – afferma la stessa Martinez. Trovo l’atto del cucire rivoluzionario, un tornare a ritmi antichi mentre tutto è veloce, un riappropriarsi del tempo della lavorazione, della manualità”.

Florencia Martinez, Home, una caverna mi basta, 2017, tessuto cucito e creta, 80x70x60 cm

Florencia Martinez, Home, una caverna mi basta, 2017, tessuto cucito e creta, 80x70x60 cm

Per l’appuntamento da Gilda Contemporary Art, Florencia Martinez propone delle creazioni realizzate per la prima volta con la juta colorata, una fibra tessile naturale utilizzata di solito per fare sacchi da imballaggio, sulla quale interviene apponendo segni e cuciture.
Ed è proprio il colore a caratterizzare le nuove opere. “Ho costruito per lo spazio della galleria – ricorda ancora l’artista – una “sinfonia” di opere che dialogano attraverso una gamma di colori che va dal bianco al blu e all’arancio: quasi tutto il progetto gira intorno a queste tonalità. Il blu perché è un colore spirituale, l’arancio perché dà una sensazione concreta, terrena, e il bianco perché è luce, spazio vuoto inteso come spazio per l’accoglienza”.

Florencia Martinez, Home, un lugar en el mundo, 2017, ricamo su iuta e olio, 130x130 cm

Florencia Martinez, Home, un lugar en el mundo, 2017, ricamo su iuta e olio, 130×130 cm

Il titolo della rassegna H. Honey Hungry Home richiama tre concetti forti come l’amore (honey), la casa (home)e il soddisfare la fame di vita (hungry). È solo nella sintesi di queste tre parole che si dà senso all’esistere che Florencia Martinez vede compiersi nell’iconografia sacra della pietà, con la madre che sostiene la figura morente del figlio.

Nella sua Pietà – attorno cui ruota tutto il percorso espositivo – le due figure anonime vengono riconosciute solo attraverso i materiali che li vestono. Se da un lato, è la stoffa bianca dell’abito da sposa, impreziosita da pizzi e inserti, a dare forma alla figura esausta, dall’altro, è la presenza del feltro, grigio, ruvido, a caratterizzare l’altro personaggio, tanto oscuro quanto capace di uno sguardo di grande empatia e tenerezza.

Florencia Martinez, Honey, La Pietà, particolare, 2017, scultura in tessuto, 120x70x80 cm

Florencia Martinez, Honey, La Pietà, particolare, 2017, scultura in tessuto, 120x70x80 cm

Tra le altre opere, sono degne di nota Una ragazza come un’altra, una scultura in tessuto da sposa e pizzo, in cui una donna con una maschera con becco da uccello nasce da una pianta, al tempo stesso, simbolo di protezione e di possesso. O ancora, le valigie ricoperte da stoffe preziose, nella cui trama sono incastonate delle fotografie che richiamano la sua storia familiare, e che trasportano dei pesanti sanpietrini che rendono difficile il viaggio e la fuga da un passato che non se ne vuole andare.
Come novità, lo spettatore potrà ammirare i lavori in juta, siano essi agglomerati di stoffa cucita a formare delle palline dure o piccole macchie concentriche, contraddistinti da colori accesi, come il blu e l’arancione, che accolgono un insieme dinamico di ricami e di segni.

Florencia Martinez, Honey, tempo, 2017, ricamo su iuta, 120x60 cm

Florencia Martinez, Honey, tempo, 2017, ricamo su iuta, 120×60 cm

Accompagna la personale di Florencia Martinez, un catalogo edito da Gilda Contemporary Art, con l’introduzione di Cristina Gilda Artese, un testo critico di Alessandra Redaelli e un’intervista della stessa all’artista.
La rivista Or Not, pubblicata dall’associazione arsprima, presieduta da Cristina Gilda Artese, ha dedicato, nel 2015, un numero monografico a Florencia Martinez.

FLORENCIA MARTINEZ. H. Honey Hungry Home
a cura di Cristina Gilda Artese
con il patrocinio del Consolato d’Argentina

23 novembre 2017 – 14 gennaio 2018
Inaugurazione: giovedì 23 novembre, ore 18.00

Gilda Contemporary Art
via San Maurilio 14, Milano

Orari: dal martedì al venerdì dalle 10.30 alle 19. 
Sabato dalle 10.30 alle 13 e il pomeriggio su appuntamento.

Giovedì 30 novembre, in occasione della Notte bianca dell’arte organizzata dall’Associazione 5 vie, la mostra rimarrà aperta fino alle 22.30.

Ingresso libero

Informazioni:
tel. 339.4760708
info@gilda.gallery
www.gilda.gallery

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi