Non sei registrato? Registrati.
MATERA | MUSMA | 12 ottobre 2019 – 12 gennaio 2020

In occasione della XV Giornata del Contemporaneo, promossa da AMACI, il MUSMA inaugura la personale di Jasmine Pignatelli.
Sabato 12 ottobre
alle 18.00 l’opening della mostra HEIMAT | SHARING THE LAND di Jasmine Pignatelli, a cura di Tommaso Evangelista.

Heimat è un’opera ad alta intensità poetica che tocca la sfera individuale, collettiva e critica.

LA TERRA DI LAMPEDUSA raccolta da Maurizio Brignone – abitante dell’isola

Su invito dell’artista, tredici manciate di terra sono state raccolte in tredici luoghi simbolo della recente storia d’Italia da altrettanti, emblematici, interlocutori. Sono piccoli cumuli di terra che si mescolano e che appartengono a luoghi della memoria, portatori di immagini e storie che hanno contribuito a creare una identità e una coscienza collettiva italiane.

Nel cuore del Museo di Matera si mescolano, tra le altre, le terre del pozzo di Alfredino, della scuola di Barbiana, di Riace e Lampedusa, del quartiere Tamburi di Taranto, la terra su cui sorge l’albero dedicato a Giovanni Falcone e di un luogo d’arte come Morterone.

LA TERRA DEL POZZO DI ALFREDINO raccolta da Emiliano Zucchini artista

Uno “sharing the land” collettivo e condiviso in cui si celebra l’appartenenza a una ideale HEIMAT, complessa parola tedesca traducibile come “PATRIA” e dalla forte componente emozionale, emotiva e sentimentale.

“Il nostro Zeitgeist – scrive il curatore, Tommaso Evangelista – è formato da disastri e chiarori, trionfi e lamenti, i quali oltre a segnare i corpi caratterizzano le terre. Jasmine Pignatelli ha lavorato su questo confine immobile facendo da catalizzatore di terreni dalle diverse regioni d’Italia. Ha messo in moto uno scavo del vissuto, un corteo di polvere e ombre denso come una lamentazione collettiva confluita in un semplice cubo di acciaio, in forma creatrice e disfatta, sonora e rigenerante”

L’opera consiste, infatti, in un cubo in ferro che custodisce e mescola in un’unica terra, in un’unica memoria collettiva, le terre provenienti dai vari luoghi d’Italia. Su una faccia del cubo sono incise le coordinate geografiche delle terre di provenienza, raccolte e sigillate al suo interno con una performance dell’artista.

LA TERRA DI MATERA raccolta dagli studenti della VF liceo Classico G.Tarantino di Gravina

Ma Heimat è soprattutto un’opera video generata dal contributo di tutte le performances delle parti invitate, che ritraggono l’azione della raccolta della terra, del “rito” della condivisione, dell’atto del donare. Volti e voci, luoghi e azioni, nel procedere del video, finiscono per sovrapporsi fino quasi a creare un unico volto, un unico suono, un’unica memoria, un’unica terra, un’unica Heimat.

In occasione della Giornata del Contemporaneo, inoltre, l’artista donerà al Museo una scultura a parete in ceramica che traduce in codice morse (punti e linee), la parola Heimat.

Un importante apporto alla realizzazione di Heimat è stato dato degli allievi della sezione F del Liceo Classico Giuseppe Tarantino di Gravina di Puglia (BA), impegnati al MUSMA in un progetto di Alternanza scuola – lavoro. Guidati dai tutor scolastici prof. Tommaso Evangelista e prof.ssa Rosa Maria Spartà e dalla referente dell’Impresa culturale Synchronos, dott.ssa Simona Spinella, i ragazzi hanno avuto la possibilità di lavorare a stretto contatto con la Pignatelli.

LO SHARING THE LAND degli studenti della VF liceo classico G.Tarantino Gravina

Attraverso un confronto dialettico e pratico degli studenti con l’artista e con il museo si è definita, nell’arco di tre anni, l’idea di mostra e di ricerca. Tale ricerca, che ha visto il supporto dei ragazzi chiamati in causa nella realizzazione dell’opera e nella stesura dei testi critici, è stata un momento di presa di coscienza individuale e collettiva, una riflessione di ordine artistico e storico nata dall’azione del mettersi in gioco partecipando attivamente alla costruzione del senso.

Il fecondo contributo degli studenti conferma e potenzia l’alto valore civico di Heimat, frutto di un’azione condivisa, in cui le storie individuali diventano collettive a viceversa; volti e nomi del passato scorrono e si fanno volti e nomi del presente, in un afflato lirico di grande impatto.


HEIMAT | SHARING THE LAND
di Jasmine Pignatelli

12 ottobre 2019 – 12 gennaio 2020

MUSMA, Museo della Scultura Contemporanea. Matera
Palazzo Pomarici – Via San Giacomo (Sasso Caveoso), Matera

Orari: dal martedì alla domenica
1 ottobre – 31 marzo h 10.00 – 18.00
1 aprile – 30 settembre 10.00 – 20.00
Giorno di chiusura: lunedì (eccetto festivi)

Info: +39 366 9357768
info@musma.it
www.musma.it

Facebook: MUSMA Museo della Scultura Contemporanea. Matera

Twitter: @MUSMAmuseo

Instagram: musmamuseo

Canale youtube: MUSMA Museo della Scultura Contemporanea Matera

Condividi su...
  •  
  •  
  • 0
  •  
  •  
  •  
  •  
  •