Non sei registrato? Registrati.
VENEZIA | Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna | 9 maggio – 11 settembre 2019

di MATTEO GALBIATI

Tra i numerosi progetti espositivi di significativa qualità aperti in concomitanza con La Biennale, La Fondazione Musei Civici di Venezia propone, nella suggestiva cornice di Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna, una rilevante mostra che ha per protagonista Arshile Gorky (1904-1948). Artista di origini armene, ma naturalizzato statunitense dopo il trasferimento oltreoceano nel 1920, la sua figura, centrale per la definizione della “nuova” arte americana, resta ancora troppo poco conosciuta: questa esposizione, prima grande retrospettiva allestita in Italia, porta nel museo veneziano oltre 80 capolavori che, grazie a prestiti concessi in via eccezionale che hanno coinvolto direttamente gli eredi e la famiglia dell’artista, costituisce la giusta e preziosa occasione per studiare in modo ravvicinato la pittura di questo grande protagonista della prima metà del Novecento.

Arshile Gorky: 1904-1948, veduta della mostra, Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna, Venezia © 2019 The Arshile Gorky Foundation / Artists Rights Society (ARS), New York. Foto Lorenzo Palmi

Tra spettacolari capolavori e opere raramente esposte al pubblico, il percorso espositivo raccoglie esempi di una pittura che delinea una personalità complessa e sfaccettata, attenta, pronta e aperta alle tensioni estetiche del suo tempo e capace, recependo la lezione dei maestri che l’hanno preceduto, di essere lui stesso innovatore e sperimentatore di nuovi canoni artistici. Le sue intuizioni si sono sempre tradotte in un lessico cromatico di notevole ampiezza, facendo evolvere la figurazione in un’astrazione libera e fluttuante, eternamente prolifica, di forme che, rimando più o meno dichiarato ed evidente agli artisti del passato, hanno contribuito ad allargare ed estendere i confini della pittura moderna.

Arshile Gorky, Liver Is the Cock’s Comb (Il fegato è la cresta del gallo), 1944, olio su tela, cm 186.1×249.9, Collection Albright-Knox Art Gallery, Buffalo, New York, dono di Seymour H. Knox, Jr., 1956, K1956:4 Courtesy Albright-Knox Art Gallery

Veloce nel tratto, incisivo nelle proposte, Gorky innesta, nell’ormai ricettivo terreno culturale americano del suo tempo, le istanze aggiornate dell’arte europea, pronunciando le intonazioni di una nuova sensibilità  visiva. La sua energia compositiva si dichiarava con una spontanea, raffinata e coerente immediatezza nell’invenzione del dipinto e, attraverso quest’avvicendarsi continuo di opere, ha sempre teso il suo immaginario creativo all’esplorazione di territori liberi dell’arte, restando in questo modo lontano dalle maglie strette dell’appartenenza a gruppi e/o di definizioni ultimative.

Arshile Gorky: 1904-1948, veduta della mostra, Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna, Venezia © 2019 The Arshile Gorky Foundation / Artists Rights Society (ARS), New York. Foto Lorenzo Palmi

Il colore, le forme e i segni – in mostra ci si sposta dai primi ritratti e si giunge alle ultime opere dense di evocazioni e di sensibili personalismi – elaborano quella capacità di leggere aldilà dell’opera, di attraversare la visione per cogliere quell’altrove dell’immaginazione che si fa metafora dell’anima.
Il risultato proposto in questa mostra, quindi, risulta davvero un momento imprendibile per avvicinarsi alla forza e all’espressione sensibile di Arshile Gorky, qui tradotte in un puntuale riassunto non solo artistico-estetico, ma anche in una lettura profondamente intellettuale ed esistenziale della sua umanità.

Arshile Gorky: 1904-1948
a cura di Gabriella Belli, storica dell’arte e direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia; Edith Devaney, curatrice alla Royal Academy of Arts di Londra
in collaborazione con The Arshile Gorky Foundation

9 maggio – 11 settembre 2019

Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna
Santa Croce 2076, Venezia

Orari: 1 aprile-31 ottobre tutti i giorni 10.30-18.00 (biglietteria 10.30-17.30); chiuso il lunedì; 1 novembre-31 marzo 10.30-16.30 (biglietteria 10.30-16.00)

Ingresso Ca’ Pesaro – Galleria internazionale d’Arte Moderna + Museo d’Arte Orientale intero €14.00; ridotto €11.50 (qui maggiori informazioni)

Info: +39 041 721127
capesaro@fmcvenezia.it
www.capesaro.visitmuve.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •