Ti sarà inviata una password per E-mail
ROMA | Tempio Adriano | 19 dicembre 2013

“Partecipazione, selezione, sintesi. Sono queste le parole che riassumono le fasi cruciali del PT05, contrassegnato quest’anno anche da un’estrema rapidità, che si avvicina all’immediatezza del sentimento solidale e alla necessità di tradurlo nel più breve tempo possibile in azioni concrete. La partecipazione è stata consistente, la selezione ardua, la sintesi solidale, le opere vincitrici sono infatti non solo emblematiche del tema proposto ma veicolano il senso e la tensione di tutte le altre, esprimono e traducono con determinazione e con grazia le parole che hanno accompagnato questo percorso: il desiderio di essere, di esserci e soprattutto di essere e esserci con gli altri” [Cristiana Collu e Gianluca Marziani, curatori di Premio Terna 05]

Si chiude oggi a Roma la quinta edizione del Premio Terna per l’arte contemporanea con la vittoria di David Reimondo (Genova, 1969; vive a Milano) con la sua Poesia di 3 metri: io e gli altri, una scultura sonora di 3 metri, composta di numerosi tubi di diverso diametro che nascondono all’interno 50 altoparlanti che riproducono voci, sussurri d’artista e altre presenze. I suoni, celati agli occhi, parlano una lingua inedita che suggerisce l’esistenza di un intero mondo al quale è necessario prestare orecchio e a cui la scultura cerca di dare una forma tangibile.

David Reimondo, Poesia di 3 metri: io e gli altri

Seconda classificata Vanessa Alessi (Palermo, 1979; vive a Berlino) che ha presentato W-Hole, un’opera fotografia che riflette sull’evanescenza del concetto di Patria e di identità mutevole e si è aggiudicato il terzo premio Gianluca Vassallo (San Teodoro, Olbia, 1974) con Next, una serie di ritratti fotografici compositi in cui i soggetti “indossano” i volti altrui, lasciando poi ad altri la propria effige da indossare, dando vita ad un processo simbolico e reale di inclusione dell’altro e di cessione del sé.

Vanessa Alessi, W-HOLE    Fotografia su plexiglass, 105 x80 cm

Il premio, quest’anno intitolato Essere o non essere. Con gli Altri. La Rete Sociale a regola d’Arte, curato da Cristiana Collu e Gianluca Marziani, ha raccolto in un solo mese, interamente online, le opere di oltre 1.500 artisti restituendo uno spaccato molto significativo del panorama artistico contemporaneo, ma ha soprattutto ha sottolineato, grazie al suo tema incentrato sulla relazione tra l’uomo e la solidarietà , le sensibilità più diffuse nel panorama contemporaneo ed evidenziando anche la necessità di una rinnovata attenzione e vicinanza all’altro. La forte vocazione sociale dell’iniziativa quest’anno si concretizza anche nella scelta di devolvere una consistente parte del montepremi totale (60.000 euro circa) al progetto finalista di Sodalitas Social Innovation, Arrivano i Nonni di Arci Milano.
Gianluca Vassallo, Next, 86 foto 20x20 cmIl tema selezionato cerca, infatti, di porre l’attenzione su un elemento focale per la mission dell’azienda che da 5 anni ormai promuove l’iniziativa, come ha dichiarato il Presidente di Terna, Luigi Roth:

“Il principio che anima il lavoro di tutti noi in Terna è semplice: non c’è vero sviluppo se non è sostenibile. Abbiamo trasposto questo nostro principio nel campo specifico dell’arte contemporanea: per noi non c’è vera arte se non è anche solidale. Abbiamo segnato una svolta nel nostro percorso di ricerca sulla cultura contemporanea e appreso insegnamenti preziosi. Dalla conferma che senza cultura non c’è sviluppo, arriva una indicazione di lavoro chiara: tutto il mondo privato è oggi chiamato a dare il proprio contributo, promuovendo l’evoluzione delle persone e della società”.

La giuria che ha decretato i tre artisti più meritevoli, a cui andrà un premio acquisto rispettivamente di 4.000 euro per il primo, 3.000 euro per il secondo e 2.000 euro per il terzo classificato, è stata presieduita da Luigi Roth e Flavio Cattaneo, Amministratore Delegato di Terna. Giurati d’eccezione alcuni tra i più noti collezionisti nel panorama italiano e internazionale: Pietro Caccia Dominioni, Anna Rosa e Giovanni Cotroneo, Giorgio Fasol, Camilla Nesbitt, Giuseppina Panza di Biumo, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, che sono stati affiancati dall’artista che si è aggiudicata la precedente edizione, Daniela De Lorenzo.

A conclusione dell’iniziativa, da domani 20 dicembre 2013 fino all’8 gennaio 2014, saranno in mostra al Tempio di Adriano di Roma le opere dei finalisti e dei vincitori: W-Hole di Vanessa Alessi, Crazy Lines#2 di Pierpaolo Curti, Family di Elisabetta Di Sopra, Eden Olympia di Andrea Dojmi, Orizzonte su orizzonte man mano che il tempo si autocancella di Francesco Irnem, Primo esercizio di Protezione di Gianni Moretti, Moss di Massimiliano Pelletti, 14.12 (Roma) di Valerio Rocco Orlando, Poesia di 3 metri: io e gli altri di David Reimondo, Ad Lib di Michele Spanghero, Klingensammlung di Michele Tajariol, Transenna di Enzo Umbaca, Next di Gianluca Vassallo, Suburban Rhapsody di Devis Venturelli, Difesa personale di Lucia Veronesi.

Premio Terna 05
Essere o non Essere. Con gli Altri. La Rete Sociale a regola d’Arte
A cura di Cristiana Collu e Gianluca Marziani

Vincitori: David Reimondo,Vanessa Alessi e Gianluca Vassallo

Mostra finale

20 dicembre 2013 – 8 gennaio 2014

Tempio di Adriano, Roma

www.premioterna.it

 

 

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi