Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Albergo Diurno Venezia | #report

di CARLOTTA PETRACCI

Umorismo britannico e un punto di vista critico sui tabù e sui costrutti che definiscono misoginia e maschilismo nella vita quotidiana. Con irriverenza e ambiguità inizia da qui la storia di Sarah Lucas e la sua riflessione sul corpo, capace di transitare tra simboli e stereotipi maschili e femminili. La capacità di oltrepassare le definizioni, compresa quella di “artista femminista”, la guida sin dagli esordi negli anni Novanta. All’interno del contesto degli Young British Artists manifesta da subito una naturale tensione verso l’esplorazione del sessismo, facendolo capitolare all’interno delle sue fantasie.

Sarah Lucas, INNAMEMORABILIAMUMBUM, Albergo Diurno Venezia, 8/10 aprile, Milano. Foto: Marco De Scalzi

Sarah Lucas, INNAMEMORABILIAMUMBUM, Albergo Diurno Venezia, 8/10 aprile 2016, Milano. Foto: Marco De Scalzi

Fotografie, collage, sculture, disegni rivelano desideri e pulsioni represse, mentre i suoi autoritratti mettono in scena una galleria di personaggi dalla sessualità provocante.
Nella sua pratica artistica c’è molto del surrealismo, ma viene coniugato con una sensibilità pop e ironica e con una carica espressiva misteriosa e viscerale.

Sarah Lucas, INNAMEMORABILIAMUMBUM, Albergo Diurno Venezia, 8/10 aprile, Milano. Foto: Marco De Scalzi

Sarah Lucas, INNAMEMORABILIAMUMBUM, Albergo Diurno Venezia, 8/10 aprile, Milano. Foto: Marco De Scalzi

La critica lanciata allo sguardo maschile la posiziona in continuità col filone delle artiste femministe degli anni Sessanta, ma il suo lavoro risente molto anche di un’esplosione della dimensione urbana, tra kebab, uova fritte e bagni pubblici, e di una introspezione psicoanalitica che la spingono a rappresentare il corpo senza paura, filtri e preconcetti.

L’anatomia come bellezza e trauma è un tema ricorrente, tanto quanto l’incoraggiamento rivolto alle donne a prendere confidenza con sé stesse. Dalla collaborazione tra Fondazione Nicola Trussardi e MiArt, iniziata nel 2013 col progetto Liberi tutti, quest’anno, durante la diciottesima edizione della fiera d’arte è stato presentato l’intervento site-specific di Sarah Lucas INNAMEMORABILIAMUMBUM, all’Albergo Diurno Venezia, edificato tra il 1923 e il 1925, su progetto dell’architetto Piero Portaluppi e definitivamente chiuso al pubblico nel 2006.

Sarah Lucas, INNAMEMORABILIAMUMBUM, Albergo Diurno Venezia, 8/10 aprile, Milano. Foto: Marco De Scalzi

Sarah Lucas, INNAMEMORABILIAMUMBUM, Albergo Diurno Venezia, 8/10 aprile, Milano. Foto: Marco De Scalzi

Tra le affascinanti rovine di questo pezzo di storia milanese, ora sotto la tutela del Fondo Ambiente Italiano, ci siamo lasciati stupire dalle provocazioni dell’artista britannica, già protagonista indiscussa della 56. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, con la mostra I SCREAM DADDIO.

 

 

 

 

 

 

 


Sara Lucas INNAMEMORABILIAMUMBUM
a cura di Massimiliano Gioni e Vincenzo de Bellis
realizzato da Fondazione Nicola Trussardi e MiArt, Fiera Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
in collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italiano e il Comune di Milano | Palazzo Marino
in occasione di ‪MiArt 2016

8/10 aprile 2016

Albergo Diurno Venezia
Piazza Oberdan, Milano

Info: www.fondazionenicolatrussardi.com
www.fondoambiente.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi