Ti sarà inviata una password per E-mail

TAMBURO DI LATTA è la prima mostra che inaugura la stagione espositiva 2011/2012 del nuovo spazio della ROMBERG ARTE CONTEMPORANEA  al 17° piano del grattacielo Baccari.

LATINA | 1 ottobre – 20 novembre 2011

L’esposizione Tamburo di latta, a cura di Italo Bergantini e Alessandro Trabucco, prende titolo e ispirazione dall’omonimo romanzo, pubblicato nel 1959, di Günter Grass, Premio Nobel per la letteratura nel 1999, e dalla successiva versione cinematografica di Volker Schlöndorff uscito 20 anni dopo, nel 1979. E’ il racconto della vita di Oskar, un bambino nato a Danzica negli anni ’20 del secolo scorso e che, alla tenera età di 3 anni, in maniera autonoma e consapevole, prende una decisione esistenziale drastica: procurarsi un incidente domestico per causare l’interruzione della propria crescita, una scelta dettata dall’osservazione disincantata dei comportamenti negativi degli adulti e dal netto rifiuto di diventare come loro. Al momento della nascita, la madre gli promette un particolare regalo, un tamburo di latta da donargli proprio al suo terzo compleanno, oggetto che diventerà inseparabile compagno di vita, unico elemento di contatto col mondo esterno e che scandirà il ritmo delle sue giornate.
Ambientata nel periodo dell’ascesa e caduta del regime nazista e della tragedia della Seconda Guerra Mondiale, la storia riporta le profonde riflessioni e i pensieri del bambino Oskar, in contrasto con l’unico elemento fonetico in suo possesso, la propria voce, che utilizzerà in modo “primitivo”, solo per emettere delle tremende urla in grado di frantumare vetri e lampadine. Ed è proprio questa la sua esistenza terrena, una continua battaglia in difesa della propria dignità umana, contro l’assurdità della vita adulta, agli occhi del bimbo violenta e ipocrita.
La mostra, allestita negli spazi della Galleria Romberg a Latina, al 17° piano del grattacielo, parte da questi spunti sviluppandosi in un percorso che i cinque artisti affrontano delineando le tematiche che meglio rappresentano il complesso mondo dell’infanzia e dell’adolescenza, per certi versi dai contorni indefiniti, per altri strutturato su esigenze vitali e di primaria importanza. Il piccolo Oskar diventa così l’emblema del fragile equilibrio che governa i pensieri, le emozioni, le nuove scoperte che quotidianamente accompagnano e conducono il bambino nel cammino verso l’età della ragione e della consapevolezza:
Paura, ossia la psicologia delle fantasie, dei desideri, dei timori: l’uomo nero, il buio, la solitudine, il dolore, l’incubo, il sentimento di abbandono. Nicola Vinci
Fiducia, ossia il rapporto con il mondo esterno: i coetanei, i familiari, gli adulti, l’ambiente circostante, gli eventi storici. Antonio Cervasio
Gioco, ossia lo svago, la convivialità, la spensieratezza: la cameretta dei giochi, il possesso degli oggetti, la costruzione di un mondo fantastico e l’identificazione in personaggi inventati. Vincenzo Marsiglia
Crisi, ossia crescita, consapevolezza, conoscenza di sé e responsabilità sociali: la sessualità, il lavoro, la quotidianità, la sopravvivenza. Guido Pecci
Ricordo, ossia l’adulto/bambino, il rapporto con il passato e le ripercussioni sul presente: la maturità e la memoria dell’infanzia perduta. Fernando Zucchi

Il giorno 8 ottobre 2011 la mostra partecipa alla 7° Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI con una apertura straordinaria dalle ore 10 alle ore 20.

Info:
Tamburo di latta.
Antonio Cervasio, Vincenzo Marsiglia, Guido Pecci, Nicola Vinci, Fernando Zucchi
a cura di Italo Bergantini e Alessandro Trabucco
ROMBERG Arte Contemporanea
Viale Le Corbusier 39 – Torre Baccari / 17° FLOOR / LATINA
+39 0773 604788
+39 334 7105049
www.romberg.it
info@romberg.it
Inaugurazione sabato 1 ottobre ore 18.00-21.00

1 ottobre – 20 novembre 2011

PHOTORELOAD (NAKED CITY) è la prima mostra che inaugura la stagione espositiva 2011/2012 del nuovo spazio della ROMBERG ARTE CONTEMPORANEA  al piano terra del grattacielo Baccari.

LATINA | 1 ottobre – 20 novembre 2011

Sabato 1 ottobre nello s Roomberg, al piano terra del grattacielo Baccari si inaugura, la prima mostra della stagione espositiva 2011/2012. La nuova stagione aprirà in contemporanea con lo spazio al 17° piano, proporrà una rassegna pensata e costruita per Roomberg project space che vuole tracciare un percorso omogeneo di ricerca sull’attuale ‘stato dell’arte’ della fotografia e della videoarte, incentrato soprattutto sul concetto di ‘analisi’ e di ‘ricarica’ (reload – quindi una sorta di ‘presa di coscienza’) in relazione ad un pensiero digitale che condiziona sempre di più la vita contemporanea.
Obiettivo delle 5 mostre che si alterneranno è presentare lavori fotografici e video nei quali la presenza dell’elaborazione digitale risulterà essere a volte determinante, ma mai predominante, a volte soltanto pensata ma non attuata, ciò significa che la tecnica adottata da ciascun artista accoglie le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie senza esserne dominata, ottenendo risultati al confine tra il reale e l’immaginario, sino alla sensazione di non riuscire ad individuare la natura originaria dell’immagine stessa.
Gli artisti, 15 + 5, avranno quindi come base principale del loro lavoro la realtà, riformulata e reinterpretata in modo da ottenere nuovi ed inediti significati. La prima mostra, dal titolo Naked City, presenta i lavori fotografici di Filippo Centenari, Carlo D’orta, Massimiliano Foscati, e un video di Devis Venturelli.
Ssoggetto privilegiato è la città, osservata, indagata, raccontata, sezionata e restituita allo sguardo come spogliata di ogni copertura visiva che ne mascheri la sua reale identità vitale e formale. La ricerca dei tre fotografi è incentrata soprattutto sul concetto di digitale, inteso sia come tecnica, sia come evoluzione visiva e mentale della contemporaneità. Il pixel, come elemento base dell’immagine elettronica (foscati), il codice binario, come struttura costitutiva del linguaggio digitale (centenari), l’elaborazione delle immagini con software di fotoritocco (d’orta), rappresentano la “materia” di lavoro su cui sviluppare il proprio discorso di analisi sull’attuale ricerca fotografica. il video di devis venturelli, dal titolo superfici fonetiche, è un viaggio ludico all’interno della città, una ricognizione urbana in cui un agente atmosferico, il vento, fa da propulsore ad alcune lingue metalliche che si muovono liberamente per le strade emettendo deboli e delicati suoni.

Info:
PHOTORELOAD (NAKED CITY). Filippo Centenari, Carlo D’Orta, Massimiliano Foscati, [Video] Devis Venturelli

a cura di Italo Bergantini e Alessandro Trabucco
ROMBERG Arte Contemporanea
Viale Le Corbusier 39 – Torre Baccari / Piano terra / LATINA
+39 0773 604788
+39 334 7105049
www.romberg.it
info@romberg.it
Inaugurazione sabato 1 ottobre ore 18.00-21.00
1 ottobre – 20 novembre 2011

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi