Ti sarà inviata una password per E-mail
Pieve di Soligo (TV) | Villa Brandolini | 29 novembre – 21 dicembre 2014

Lo scorso sabato 29 novembre ha inaugurato a Villa Brandolini la mostra collettiva – curata da Carlo Sala e che durerà sino al 21 dicembre – dedicata ai finalisti del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee, giunto alla sua terza edizione. Durante l’opening sono stati inoltre annunciati i vincitori che oltre ad aggiudicarsi un premio acquisto di 5.000 euro vedranno le loro opere entrare a far parte della collezione della Fondazione Francesco Fabbri Onlus che porta avanti il suo impegno nella valorizzazione dei linguaggi del contemporaneo e che attraverso questa selezione restituisce uno spaccato sulle migliori tendenze internazionali del panorama visivo odierno.

Barbara Prenka, Trofeo, 2013, Tecnica mista, Vincitore Premio Fabbri 2014_sezione Arte emergente
La vincitrice della sezione Arte emergente, rivolta agli under 35, è Barbara Prenka con l’opera Trofeo (2013), un dipinto, realizzato ad acrilico e olio, si libera infatti dei confini della tela, entrando nel territorio della pittura espansa attraverso l’amplificazione della dimensione oggettuale, quasi a tradurre il tentativo di superare i vincoli materiali imposti dalle due dimensioni.

A vincere la sezione Fotografia contemporanea è il collettivo The Cool Couple, con l’opera Cossackboots, Arta Terme #001 del 2013, parte del ciclo Approximation to the West. Gli autori sono partiti da un fatto storico, che è divenuto il pretesto per ragionare sulla geopolitica odierna, sulla complessità e sulla stratificazione dei paesaggi culturali, sul ruolo dell’artista. L’immagine – realizzata con la tecnica oggi del tutto desueta, dell’anaglifo – mostra degli stivali militari, utilizzati durante l’invasione della Carnia in Friuli da parte di un’armata cosacca, assoldata durante il secondo conflitto mondiale.

The Cool Couple, Cossackboots, Arta Terme #001_2013_Fotografia_Premio Fabbri_Vincitore Premio Fabbri_sezione Fotografia contemporaneaLa giuria ha attribuito anche alcune menzioni speciali come quelle Bim Piave andate – per la sezione arte emergente – a Martin-Emilian Balint con il video MEM-NON | The Butterfly Process (2014) e a Silvia Giambrone per il video della performance Teatro anatomico (2012), un sublime intreccio tra bellezza e violenza. E per la sezione dedicata alla fotografia sono stati premiati il collettivo IOCOSE con Drone Selfies (2014) e a Enrico Smerilli con Here is where we meet #15 (2013).

Per il secondo anno viene attribuito anche il Premio Acquisto Rotary Club di Asolo e Pedemontana del Grappa che, istituzionalizzando una forma di sostegno, crea una connessione con il collezionismo del territorio e premia Christian Fogarolli (1983) con Dreamers (2014) opera nata dall’interesse dell’artista nei confronti dei fondi fotografici storici a carattere scientifico, come le immagini manicomiali, realizzate tra l’Ottocento e l’alba del Novecento.

 

Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee. Terza Edizione
a cura di Carlo Sala

29 novembre – 21 dicembre 2014

Villa Brandolini
Piazza Libertà 7, Solighetto di Pieve di Soligo (TV)

Orari: venerdì e sabato 16.00-19.00; domenica 10.00-12.30 e 16.00-19.00.

Info: www.fondazionefrancescofabbri.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi