Ti sarà inviata una password per E-mail
GIARDINI DELLA VERSILIANA (LU) | 1 – 31 agosto 2014 esposizione delle opere della seconda edizione del Premio

Mikayel Ohanjanyan vince la Seconda Edizione del Premio Fondazione Henraux per la Scultura in marmo, in memoria di Erminio Cidonio. Si posiziona al primo posto l’opera Materialità dell’invisibile raffinatissima esecuzione in statuario dell’Altissimo.

Mikayel Ohanjanyan, MATERIALITA' DELL'INVISIBILE

“Appena finita è già un capolavoro” dichiara Paolo Carli, Presidente della Fondazione. “L’esecuzione di quest’opera, che ha visto negli ultimi mesi Mikayel Ohanjanyan al lavoro presso la Henraux, è esaltazione pura della pietra per eccellenza, quello statuario delle nostre cave la cui preziosità e bellezza non hanno pari”, prosegue Carli.

Materialità dell’invisibile risponde a tutti i criteri richiesti dal Bando di concorso,che Mikayel Ohanjanyan ha saputo cogliere in pieno. L’opera nasce dalla volontà di di materializzare l’invisibile e di evidenziarne alcuni aspetti concettuali ed estetici. Nella sua lettura, il progetto proposto, è poliedrico: da un lato raffigura lo spazio vuoto come forma e la materia, dall’altro, contemporaneamente, interroga la materia stessa che, compressa dai cavi d’acciaio, crea nuove prospettive intersecate nel confine della materia eFrancesca Pasquali, FRAPPA nel vuoto al centro della scultura. L’estetica dell’opera, marmo e cavi d’acciaio, è simbolica lettura della secolare attività del luogo (il blocco del marmo, la lizzatura), e pone in evidenza le connessioni del marmo e il rapporto fra l’uomo e il suo territorio: il blocco di marmo non nasconde la sua “fragilità” e, fra staticità e dinamicità, pieno e vuoto, visibile e invisibile, nasce un rapporto che plasma continuamente il paesaggio in ottiche nuove, non solo fisiche, ma anche psichiche e sensoriali.

Al secondo posto giunge Francesca Pasquali con Frappa, opera che coniuga, come una grande sfida, la rigidità del marmo, pietra nobile, e la voluttuosità delle frappe plastiche.

Al terzo posto, ex aequo, sono premiati Filippo Ciavoli Cortelli e Massimiliano Pelletti, rispettivamente con le opere Corallo che unisce i dualismi “mare-monti” e “manualità-evoluzione tecnologica”, tipici di una natura e di una cultura caratterizzanti il territorio Apuo-Versiliese e Back To Basic, una testa di matrice classica lavorata dall’artista con un intervento contemporaneo di crivellazione e trattata con alcuni acidi.

Filippo Ciavoli, CORALLOLe quattro opere dall’1 al 31 agosto saranno esposte al pubblico nei giardini della Versiliana, in un percorso espositivo curato da Enrico Mattei e che vede anche la presenza delle tre opere dell’edizione precedente, Arrivederci e grazie di Fabio Viale, vincitore nel 2012, Bue Tractor di Mattia Bosco e Samarà di Alex Bombardieri.

“A partire da questo momento la Fondazione Henraux può già contare su sette opere monumentali, frutto del Premio, che già rappresentano una significativa collezione di respiro internazionale. I protagonisti del Premio, gli artisti, hanno saputo vedere e lavorare il marmo nella direzione che è propria di questo materiale, durezza e plasticità, imponenza e fragilità. Il risultato, quando nasce un’opera dalle mani di chi comprende e ama il marmo, è, come sempre, la sublimazione della bellezza”, ha affermato Paolo Carli nell’annunciare i risultati del premio 2014 davanti ad un pubblico numerosissimo nella sede della Fondazione.

Il Presidente ha dato appuntamento per il 2015 con la nuova edizione di VolareArte, l’altra iniziativa che pone al centro dell’attenzione il marmo e promossa dalla Fondazione.

Massimiliano Pelletti, BACK TO BASIC

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi