Non sei registrato? Registrati.
FABRIANO (AN) | sedi varie | 10 – 15 giugno 2019

di VALERIA CARNEVALI

Una cittadina in una conca dell’appennino umbro-marchigiano, dalla storia antica e dal nome celebre che evoca subito arte, cultura e perizia artigiana: chi non associa il nome di Fabriano a quello dei famosi album da disegno e della carta fatta a mano? Grazie a questo fondamentale retaggio, la “città della carta” è stata insignita dall’UNESCO nel 2013 della prestigiosa menzione di City of Crafts and Folk Art ed inserita nel network delle Creative Cities, ovvero nell’elenco che l’organizzazione internazionale che si occupa di educazione, scienza e cultura nel mondo ha stilato per supportare, valorizzare e connettere quei centri, grandi o piccoli che siano, che in tutto il mondo contribuiscono alla crescita dell’umanità attraverso la tradizione e l’innovazione creativa. Capita proprio in questi giorni, dal 10 al 15 giugno, che la piccola e suggestiva città medievale tra i monti diventi capitale, ospitando il XIII Unesco Creative Cities Annual Conference, ovvero il meeting del network delle 180 città, appartenenti a 72 paesi diversi, che vantano il blasone di “Città Creativa Unesco”.

Francesca Merloni presenta la Madonna Benois con lo storico dell’arte Carlo Bertelli e la delegazione del Museo Ermitage. Photo Studio Cico.

Un anticipo di festa la città della carta lo ha offerto già da sabato 1 giugno, quando è arrivata per l’occasione una vera e propria star della storia dell’arte: estremamente godibile, grazie ad un allestimento suggestivo ed emozionale, la Madonna Benois di Leonardo da Vinci si mostra nella sua luminosa tenerezza nel buio vellutato di una delle sale della Pinacoteca Civica “Bruno Molajoli”; l’opera giunge dopo 35 anni di assenza dall’Italia dall’Ermitage di San Pietroburgo, confermando la volontà di collaborazione tra l’importante museo russo e le istituzioni culturali del nostro Paese, già attiva per altri prestiti reciproci. Presentata da Francesca Merloni, Goodwill Ambassador fo Creative Cities, organizzatrice e mediatore dell’intera manifestazione, ed introdotta dallo storico dell’arte Carlo Bertelli, che ha curato anche il catalogo, la tavola giovanile vinciana, immagine iconica dell’intera manifestazione, attenderà il pubblico fino al prossimo 30 giugno.

Il Padiglione Craft&Folk Arts presso il Museo della Carta e della Filigrana

Un po’ “forum” e un po’ “kermesse”, durante i cinque giorni si succederanno appuntamenti di approfondimento e di confronto tra le delegazioni invitate ed eventi di intrattenimento aperti al pubblico, con un programma serrato che va sotto il titolo La città ideale: concerti, conferenze, spettacoli per la gente, incontri tematici e workshop per gli addetti ai lavori, che rifletteranno e si confronteranno sulle strategie legate alla cultura e allo sviluppo sostenibile sia a livello generale che settoriale. Le città creative sono infatti suddivise tra loro in sette cluster, a seconda della specifica attività creativa che le contraddistingue (Artigianato, Design, Cinema, Gastronomia, Letteratura, Media Arts, Musica), ed ognuno di essi trova casa in altrettanti padiglioni diffusi nel centro storico della città.

Il Padiglione Cinema presso il Cinema Teatro Montini.
Studio C28

Meritano inoltre particolare attenzione i due padiglioni ulteriori, quello relativo alla carta, situato nel complesso storico delle Cartiere Miliani, sede oggi della Fondazione Fedrigoni, e il padiglione “Rinasco”, quello che ospita i progetti di rinascita delle città colpite da guerre e da disastri naturali. Non va dimenticato che Fabriano è nel “cratere sismico” dei terremoti del 2016 e che conosce bene, già dal 1997, il nesso tra calamità e ricostruzione, e che il suo territorio, un tempo distretto d’eccellenza per la produzione di elettrodomestici, sta vivendo un duro momento di crisi economica ed occupazionale. Un evento del genere è quindi salutato con favore e speranza sia dalla popolazione che dalla politica, sia per gli effetti immediati di popolarità e immagine, che per la possibilità di ragionare e rivalutare la propria identità di “città della carta”.

 

XIII Unesco Creative Cities Annual Conference

10 – 15 giugno 2019

Fabriano, sedi varie

Info: FABRIANO 2019
Via Gioberti 5
Fabriano (AN)
+39 0732 880542
segreteria@unescofabriano2019.org
www.unescofabriano2019.org

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •