Ti sarà inviata una password per E-mail
VENEZIA | Marignana Arte | 10 maggio – 9 settembre 2017

di IGOR ZANTI

In occasione della 57. Biennale di Venezia, lo spazio espositivo veneziano Marignana Arte ha inaugurato il secondo capitolo del progetto The Hidden Dimension (sul primo capitolo leggi qui), curato a quattro mani da Clarissa Tempestini ed Ilaria Bignotti. Al timone di questo secondo capitolo troviamo Ilaria Bignotti che interpreta in maniera coerente, per quanto differente rispetto alla sua collega, il tema della prossemica, tema che è il filo conduttore che lega le due esposizioni, la chiave di lettura per scoprire, per l’appunto, le  “Hidden Dimension”, le dimensioni nascoste.

Sophie Ko, Sull'infinito gorgo, polittico pure pigment 150x70 cm 40x70 cm

Sophie Ko, Sull’infinito gorgo, polittico pure pigment 150×70 cm 40×70 cm

Centrale rimane, di conseguenza, l’interazione e il percorso di scoperta che il pubblico intraprende nel visitare la mostra. Il primo contatto è con le opere di Paola Anziché, sorte di bozzoli in juta che pendono dal soffitto, copricapi apotropaici o uteri portatili, opere che suggeriscono un divenire, l’urna molle e segreta di pascoliana memoria, fantascientifici cocoon dai quali è difficile star lontani, per farne esperienza, per esserne immersi. Ma proprio nella stessa sala il morbido ed uterino universo della Anziché trova come contraltare i pigmenti “geografici” della georgiana Sophie Ko, sorta di opera in divenire dove l’uso del pigmento puro che discivola nelle teche in cui è custodito sembra sottomettersi all’interpretazione dello spettatore, dando forma a composizioni mobili, vive, che rimandano ad immaginarie geografie ed orografie.

The Hidden Dimension, veduta della mostra con opere di Arthur Duff, Paola Anziché, Maurizio Donzelli, Courtesy Marignana Arte

The Hidden Dimension, veduta della mostra con opere di Arthur Duff, Paola Anziché, Maurizio Donzelli, Courtesy Marignana Arte

Aldo Grazzi, Pieno 1 Pieno 2, 1998, cut-fiber-nets-230-x-80-cm

Aldo Grazzi, Pieno 1 Pieno 2, 1998, cut-fiber-nets-230-x-80-cm. Courtesy Marignana Arte

Chiude, idealmente, questo primo momento, tutto volutamente femminile, la brutale e metallica installazione di Verónica Vázquez (che avrà una personale in galleria, The struggle for raw, dal prossimo 23 settembre). Opera potente, per quanto minimale, che utilizza elementi provenienti da antichi telai per creare delle sorte di codici visivi, quasi delle grammatiche cuneiformi, in bilico tra archeologia e contemporaneità.Le sale successive si risolvono in una dimensione di inganno visivo che si alterna tra i mondi segreti e nascosti di Maurizio Donzelli, e i rebus ottici di Arthur Duff, in cui l’elemento prossemico si configura come inganno, una sorta di rapimento dello spettatore che in maniera irreversibile cerca un punto di vista, un approccio, un contatto con l’opera, fino a perdersi all’interno della stessa, ad essere rapito e fagocitato in un mondo che sta dietro o dentro l’opera stessa, creando una sorta di vertigine.

Arthur Duff, Nera Luce_Dust in my eye, 2017, Polyester rope and wooden framework, diameter 140 cm

Arthur Duff, Nera Luce_Dust in my eye, 2017, Polyester rope and wooden framework, diameter 140 cm

La galleria Marignana Arte riserva però una sorpresa preziosa, una piccola stanza che si sta configurando nel tempo come una project room, adatta ad installazioni site specific, ed è proprio in questo piccolo luogo, che segna idealmente la conclusione della visita, trova spazio la bella installazione di Aldo Grazzi con i suoi velari sospesi, intitolati suggestivamente le Pieno 1, Pieno 2, sorta – come li definisce la Bignotti nel testo critico del catalogo – di stele di Rosetta in attesa di nuovi e coraggiosi esegeti e con Singolare, Plurale, raffinate transenne incrostate di micro perline che delimitano confini tra spazi immaginati e metaforicamente esistenti. Un secondo capitolo potente e seducente, una conclusione in crescendo di un viaggio nel rapporto tra opera e spettatore che lascia sospesi in una dimensione di profonda poeticità, non saziando, ma aumentando piuttosto gli appetiti di conoscere e di veder di più.

Aldo Grazzi, Singolare e Plurale, Hurdles-in-glass-beads

Aldo Grazzi, Singolare e Plurale, Hurdles-in-glass-beads. Courtesy Marignana Arte

The Hidden Dimension. Capitolo II
a cura di Ilaria Bignotti

10 maggio – 9 settembre 2017

MARIGNANA ARTE
Rio Terà dei Catecumeni
Dorsoduro 141, Venezia

Info: +39 041 5227360
info@marignanaarte.it
www.marignanaarte.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi