MILANO | Banca Sistema | 24 febbraio – 27 maggio 2016

Il 24 febbraio verrà inaugurata la prima mostra – premio dell’Arteam Cup 2015. Si tratta della mostra personale “Ossimori” di Thomas Scalcovincitore del premio Arteam Cup 2015, Categoria Under 30, che si terrà negli spazi di Banca Sistema in Corso Monforte 20 a Milano; l’artista, infatti, sarà il nuovo protagonista del progetto no-profit Banca SISTEMA ARTE dedicato al sostegno e alla promozione di giovani artisti italiani.

In “Ossimori” Thomas Scalco propone numerose opere, frutto della sua ricerca tra legami opposti come il corporeo e l’incorporeo – in continua attrazione e in un dialogo silente –, rivelando il suo tratto visionario e simbolico, giungendo pittoricamente alla sospensione di forme in trasformazione nei paesaggi dell’anima.

Thomas Scalco, Monochrono, Tecnica mista su tela, 100x70 cm, 2015

La mostra e il testo critico del catalogo, come di consueto realizzato da Banca Sistema e pubblicato e distribuito da Vanillaedizioni, sono curati da Antonio D’Amico.

“Thomas Scalco – scrive D’Amico – è un navigatore solitario sperduto in un mare di silenzio e, allo stesso tempo, è un visionario che dipinge con la forza dell’immaginazione, addentrandosi in un mondo altro dal reale.
Con la capacità di chi sa vedere scenari surreali, intrisi di una figurazione latente, compone elementi strutturali di architetture sospese in fase di assestamento, che appaiono sui suoi dipinti come singoli pensieri della mente e, con esattezza, come una credibile e consapevole ricerca d’identità”.

Thomas Scalco, Senza titolo, 29,7x21 cm, 2015 - 2016

“Ossimori” resterà allestita negli spazi di Banca Sistema fino al 27 maggio 2016. Ingresso su invito (per informazioni: tel. 02 802801).

Thomas Scalco | “Ossimori”
Vincitore Arteam Cup 2015, Categoria Under 30

a cura di Antonio D’Amico

24 febbraio – 27 maggio 2016

Banca Sistema
Corso Monforte 20, Milano

Ingresso su invito

Catalogo: Vanillaedizioni

Info: tel. +39 02 802801
www.bancasistema.it
www.arteam.eu

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •