Ti sarà inviata una password per E-mail
VENEZIA | Padiglione Spagna | 9 maggio – 22 novembre 2015
#biennalearte2015 #newsbiennale

Gli artisti Cabello/Carceller, Francesc Ruiz e Pepo Salazar, ispirati da Salvador Dalí, sono i protagonisti del Padiglione Spagnolo della 56. edizione della Biennale di Venezia. Il curatore Martí Manen ha orchestrato un progetto collettivo in cui Dalí sarà presente come ‘soggetto’ e non attraverso le sue opere.
Una rilettura e un nuovo posizionamento di Dalí dal punto di vista contemporaneo attraverso le voci di Cabello/Carceller, Francesc Ruiz e Pepo Salazar.

CABELLO/CARCELLER The State of the Art (still), 2015, HD video

Il Padiglione Spagnolo mostra il Dalí delle interviste, delle parole, del soggetto Dalí. Mostra un Dalí con altre voci. Un percorso che parte dalla sensualità del soggetto-personaggio per arrivare ad altri soggetti che permetteranno letture straordinarie. Salvador Dalí è contestualizzato nel presente come un artista che capiva e conosceva l’uso dei media, un artista in costante simbiosi tra il pubblico e il privato.

FRANCESC RUIZ GARY, 2013 Installation with comics and photocopies

Il progetto di Cabello/Carceller ruota attorno all’idea di identità multiple e alla possibilità di non-definizione. Il loro lavoro, filmico-performativo e installativo, parte da posizioni femministe e dalle teorie queer, concetti che possono permettere un sorprendente approccio critico su alcuni aspetti intimi della vita di Dalí.
Francesc Ruiz, usando il fumetto come mezzo espressivo, ha creato uno spazio per la narrazione surreale e sensuale. La presenza di Ruiz sarà duplice dal momento che, oltre all’opera presente all’interno del Padiglione Spagnolo, l’artista occuperà i Giardini della Biennale durante la prima settimana dell’evento. Lo spirito di Dalí sarà presente anche con il suo giornale e i suoi contributi in diverse riviste.

PEPO SALAZAR Untitled Installation (La fiesta de los metales), 2009 Fluorescent tube, stainless steel, 2G, paint, DM, stainless steel sheets, tripods/lamps, wig, botles

Pepo Salazar presenta un lavoro in linea con il suo particolare modus operandi: una creazione atomizzata che mescola momenti e tipologie, creando una struttura in cui sono possibili tutte le opzioni. Come Dalí, Pepo Salazar amplia il raggio dell’azione artistica attraverso il superamento dagli standard e delle convenzioni, coltivando una profonda conoscenza di ciò che significa lavorare nel campo dell’arte. Ci invita a pensare alla difficoltà di accesso come ad una opzione sensuale, al peso linguistico dei materiali, e all’impatto come strategia. Il progetto di Salazar per il padiglione è legato alla “Dichiarazione di indipendenza dell’immaginazione e dei diritti dell’uomo ai Suoi Madness” di Salvador Dalí del 1939.

56.Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia

Los Sujetos [I Soggetti]
con la partecipazione di Salvador Dalí, Cabello/Carceller, Francesc Ruiz e Pepo Salazar
Curatore: Martí Manen

9 maggio – 22 novembre 2015

Padiglione Spagnolo
Giardini, Venezia

Info: www.renzomadrid.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi