Ti sarà inviata una password per E-mail
BAGNOLO DI LONIGO (VI) | Villa Pisani Bonetti | 24 giugno – 6 novembre 2016

di MATTEO GALBIATI

Gli ingredienti sono noti, il risultato sempre una sorprendente meraviglia e un piacevole incanto che rinnova nel tempo il desiderio di vedere come, di volta in volta, tutto cambia rispettando sempre il pensiero di fondo. Abbiamo una villa del Palladio (già da sola sufficiente!) e artisti contemporanei, il cui rigore di ricerca si mette a dialogo con l’antica dimora non soverchiando con brusche imposizioni, ma lasciando che l’arte attuale generi un ritmo preciso con le frequenze che dal passato trasmigrano al presente. Questi sono i presupposti fondanti di Arte Contemporanea a Villa Pisani, progetto che mai, nelle sette edizioni (compresa l’attuale), ha lasciato lo sguardo scontento e inappagato.

Mauro Staccioli, Scultura intervento. Villa Pisani Bonetti ‘16, 2016, acciaio corten, 300x900x77 cm, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art Foto Bruno Bani, Milano

Mauro Staccioli, Scultura intervento. Villa Pisani Bonetti ‘16, 2016, acciaio corten, 300x900x77 cm, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art. Foto Bruno Bani, Milano

La passione dei proprietari Manuela Bedeschi e Carlo Bonetti – che non ci stancheremo mai di definirli mecenati nell’accezione più nobile del termine – ci ha regalato un luogo magico dove le nature, le tensioni, i linguaggi, le storie, le identità e le morfologie dell’arte hanno modo di calibrarsi in una miscela davvero unica, frutto non solo di una regia critico-curatoriale consolidata in questa peculiare esperienza (Francesca Pola e Luca Massimo Barbero), ma anche dalla sapienza misurata degli artisti che – tutti – hanno saputo “entrare” nella villa mettendosi in contatto con essa, non prendendola mai come banale sfondo per le loro opere, ma concedendole veri e propri interventi specifici.
Fino a novembre (oltre alle opere acquisite dai proprietari in precedenza) si potranno ammirare i progetti realizzati da due grandi maestri, chiamati per questa edizione, del calibro di Mauro Staccioli (1937) e Pino Pinelli (1938), i cui segni cromatici (di tutti e due), concreti e spessi, si legano agli ambienti di una dimora che viene vissuta e abitata e non è un semplice, asettico, spazio espositivo.

Pino Pinelli, (da sinistra a destra) Pittura GR.B., 1995, tecnica mista, 160x100 cm; Pittura N.B., 1994, tecnica mista, 236x103 cm; Pittura B., 2008, tecnica mista, 160x120 cm, veduta parziale dell’esposizione, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art Foto Bruno Bani, Milano

Pino Pinelli, (da sinistra a destra) Pittura GR.B., 1995, tecnica mista, 160×100 cm; Pittura N.B., 1994, tecnica mista, 236×103 cm; Pittura B., 2008, tecnica mista, 160×120 cm, veduta parziale dell’esposizione, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art Foto Bruno Bani, Milano

Questa dimensione di quotidianità del vivere l’arte – testimonianza e prova del sapore mecenatistico dell’operazione – induce negli artisti stimoli senza stravolgere il loro linguaggio e la propria identità artistica, l’idea e la suggestione di interpretare il luogo come mai in altra circostanza: il gioiello giovanile palladiano diventa un complesso macchinario in cui tutte le componenti, vecchie e nuove, concertano il loro meccanismo per far deflagrare la magnificenza di una bellezza, mai assoluta, mai isolata, e sempre viva e rinnovata, stagione dopo stagione.
Ritroviamo il segno minimo e “primitivo” di Staccioli nel giardino, nel perimetro esterno, dove la sua opera si appoggia ad un vecchio muro di recinzione. Questa porzione concreta di una sfera (forse frammento di un’ideale scultura di maggiore proporzione o suo “resto”), con proporzioni che rimandano a quelle rinascimentali del piano architettonico del Palladio, si accentua come aliena presenza, eppure, il principio atavico della sua entità, la fa sentire appartenente al luogo, forse prima ancora che il celebre architetto vi intervenisse nel XVI secolo.

Mauro Staccioli, Senza titolo, 1974-75, cemento, ferro e acciaio inox, 130x150x60 cm, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art Foto Bruno Bani, Milano

Mauro Staccioli, Senza titolo, 1974-75, cemento, ferro e acciaio inox, 130x150x60 cm, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art Foto Bruno Bani, Milano

Precaria, leggera, sospesa, ma forte e salda nell’ambiente, testimonia la sensibilità di Staccioli di “scrivere” con la scultura impronte che si pongono in logica dialettica tra la bellezza della natura e l’artificio dell’architettura umana. La scultura pare letteralmente essere germogliata in questo spazio, perché qui ha avuto le giuste coordinate, i giusti innesti che la rendono parte di un processo conoscitivo che genera idee e pensieri sempre nuovi.
Pinelli ha pensato le sue Pitture per l’enorme salone centrale, dove hanno modo di raccogliere il medesimo spirito di Palladio che ha posto, nella creazione di questo spazio, un dialogo tra i due poli opposti della razionalità e dell’espressività architettonica: qui il maestro catanese abbandona i suoi colori forti, tipici della sua poesia pittorica, e, lasciati per l’occasione il rosso, il blu, il giallo, favorisce la presenza, quasi discreta ed antica, di toni derivati dal bianco, dal grigio e dal nero.
Queste tavole concrete paiono danzare nell’ambiente, cogliendo intonazioni e accenti cromatici campionati in situ, sono opere che coreografano il colore segnando l’ambiente in cui si inseriscono e modificandolo con la sobrietà di un’energia potente e squillante, per quanto accorta e rispettosa.

Pino Pinelli, Veduta parziale dell’esposizione, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art Foto Bruno Bani, Milano

Pino Pinelli, Veduta parziale dell’esposizione, Villa Pisani Bonetti, Bagnolo di Lonigo 2016 Courtesy Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art Foto Bruno Bani, Milano

Il gesto pittorico di Pinelli si vivifica ulteriormente, traendo un beneficio dal contesto antico che conferisce alla sua opera un accento ancor più dinamico e guizzante; i corpi solidi di colore, macro-estensioni di gesti che non si fanno da tempo bastare la superficie della tela, escono nello spazio-tempo del presente e accadono come esternazione di una concretezza del pensiero e, senza mai invadere il campo della plastica scultorea, sanno infondere alla pittura una nuova regola, una nuova grammatica. Un linguaggio di cui Pinelli ha saputo esplorare, detenere e tradurre ogni più piccolo segreto.
Ancora una volta dobbiamo ricordare bene che, come chiosa Manuela Bedeschi, a Villa Pisani il visitatore non è mai solo spettatore, ma resta sempre, in primo luogo, un ospite. Un ospite che, come l’arte, gli artisti, la famiglia e i loro conoscenti, abita la casa del Palladio e, deponendo le contingenze della propria quotidianità, sa riscoprire o accedere ex-novo (in questo le opere degli artisti contribuiscono ad un vero e proprio miracolo percettivo, valido per quel connubio assolutamente peculiare che qui si genera) nuove e sempre uniche sfere di conoscenza.

Pino Pinelli, Mauro Staccioli. Arte Contemporanea a Villa Pisani
mostra a cura di Francesca Pola
progetto coordinato da Luca Massimo Barbero
organizzazione Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art
in collaborazione con A arte Invernizzi di Milano
due cataloghi monografici bilingue editi da Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art 

24 giugno – 6 novembre 2016

Villa Pisani Bonetti
via Risaie 1, Bagnolo di Lonigo (VI) 

Orari: da lunedì a venerdì 10.00-12.00 e 15.00-17.00; sabato 10.00-12.00; la prima domenica di ogni mese 10.00-12.00; tutti i giorni su appuntamento  

Info: +39 0444 831104
villapisani.mostre@alice.it
www.villapisani.net

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi