Non sei registrato? Registrati.
BUSTO GAROLFO (MI) | Villa Brentano | 9 febbraio – 2 marzo 2019

Un confronto serrato tra universo femminile e maschile, sintetizzato dal dialogo ultimo attraverso la coscienza universale. È questo il succo del lavoro di confronto artistico tra le sensibilità di Galiano, Biondo, Carnaghi e Sokolovski. Quattro artisti europei con alle spalle un percorso di esposizioni internazionali. Quattro differenti medium artistici.
Elyse Galiano è nata nel 1980 a Strasburgo, in Francia, vive e lavora a Bruxelles, in Belgio. Dopo la sua formazione in arti applicate a Strasburgo, ha studiato belle arti a Besançon, città francese, dove ha completato il master di livello nel 2004. La sua opera artistica intreccia sartoria e installazione. Elyse tratta i capelli naturali utilizzandoli come materiali di installazioni scultoree. Il suo particolare utilizzo dei capelli, è dovuto ad un esplicito interesse per la storia femminile e il ruolo delle donne nella società.
Nazareno Biondo, Torino 1985, ha completato la sua formazione artistica all’Accademia Albertina di Belle Arti. Dal 2008 partecipa a simposi di scultura nazionali e internazionali, vincendo premi e concorsi e realizzando monumenti. Nell’opera di Biondo il marmo di Carrara diventa riflessione sul tempo e sul concetto di abbandono, traendo ispirazione tanto da prodotti di uso comune, quanto dalle icone consumistiche del nostro tempo. Si spiegano così nel marmo una serie di oggetti riconoscibili e incredibilmente riprodotti nel marmo.
Riccardo Carnaghi, nato a Legnano nel 1993, artista e architetto laureato al Politecnico di Milano. Affianca alla pratica professionale una ricerca artistica con la consapevolezza che il progetto architettonico va affrontato come opera d’arte. La sua produzione artistica è quindi una continua analisi dei temi che caratterizzano l’architettura con l’intento di usare queste conoscenze al fine di potenziarne la ricerca estetica. I suoi lavori, presenti in collezioni private in Europa, America e Medio Oriente, si possono definire come indagine analitica delle forme proprie dell’architettura attraverso le figure del corpo umano.
Krzysztof Sokolovski, nato nel 1985 a Eišiškės in Lituania. Dal 2003 vive e crea in Polonia. Si è laureato presso l’Università di tecnologia di Danzica (Facoltà di ingegneria energetica) e all’Accademia di Belle Arti di Varsavia – Facoltà di Pittura. Con il suo percorso di ricerca artistica crea l’Arte Neosacrale: dipinti, oggetti luminosi, installazioni e pittura monumentale. Il suo approccio è estremamente moderno – reinterpreta l’icona tradizionale, rimanendo fedele alla vecchia tecnica e alla precisione artigianale, grazie alla quale le ope-re trasudano bellezza spirituale e materiale. Le opere di Sokolovski si possono trovare in musei e collezioni private in Polonia e all’estero. È autore di diverse monumentali policromie murarie, di cui la più importante è la cappella neosacrale nel Convento delle suore Salesiane a Gerusalemme.
L’esposizione, disposta nelle tre sale principali di Villa Brentano, percorre un’analisi dei due universi, maschile (visualizzato dalle sculture di Biondo e dalle grafiche di Carnaghi) e femminile (installazioni di Galiano), con le loro contraddizioni e problematiche, inserite nel contesto contemporaneo urbano. Il tutto è in definitiva sintetizzato dalla riflessione ultima di Sokolovski sulla coscienza universale, che riunisce e proietta verso dimensioni superiori, universi paralleli, entità sottili…
La mostra apre al pubblico Sabato 9 Febbraio dalle ore 17:30. Visitabile fino al 2 Marzo 2019 con i seguenti orari: da Martedì a Sabato ore 14:30 – 18:00 presso Villa Brentano, in via Magenta 25 a Busto Garolfo (MI).

MEN, WOMEN & CONSCIENCE
A cura di Manuel Zoia
ARTISTI: Elyse Galiano, Nazareno Biondo, Riccardo Carnaghi, Krzysztof Sokolovski
9 febbraio 2019 – 2 marzo 2019
Inaugurazione: 9 febbraio 2019, ore 17:30
Villa Brentano
Via Magenta, 25 – BUSTO GAROLFO (MI)
Info: 333 4914712
zoiamanuel.art@gmail.com
www.expo-independentartists.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •