Non sei registrato? Registrati.
VENEZIA | CORTILE UNIVERSITA’ CA’ FOSCARI | FINO AL 7 APRILE 2019

Inaugurata in occasione del Festival per la Terra (leggi qui) svoltosi a Venezia il 3 e il 4 dicembre scorsi, la grande installazione Sowers, installata nel cortile di Ca’ Foscari e visibile fino al prossimo 7 aprile, è il risultato del “sapere e fare” di diversi interlocutori, in primis gli ideatori – l’artista Maria Rebecca Ballestra (che da sempre indaga le problematiche legate alla sostenibilità ambientale, politica e sociale, attraverso il tema del viaggio e l’espressione multidisciplinare) e gli architetti Lino ed Elia Barone (padre e figlio, che vantano una lunga esperienza nell’interpretare il tema delle contaminazioni culturali) – e l’azienda VENINI, eccellenza dell’arte vetraria italiana con la quale hanno collaborato designer, architetti ed artisti del calibro di Gio Ponti, Mimmo Rotella, Alessandro Mendini, Massimiliano Fuksas, Gae Aulenti, Peter Marino, Ettore Sottsass, Tadao Ando, Ron Arad e Carlo Scarpa, così come altri designer di fama mondiale si sono confrontati con la tradizione secolare della lavorazione del vetro, creando opere che in alcuni casi sono entrate a far parte delle collezioni dei più importanti musei o hanno raggiunto cifre da record alle aste di richiamo internazionale.

Nella foto: Daniela Carrea (Project manager Festival per la Terra), Carlo Longagnani (AD Venini), Michele Buglisi (Rettore Università Ca’ Foscari), l’artista Maria Rebecca Ballestra, Flavio Gregori (Università Ca’ Foscari) e gli architetti Lino ed Elia Barone. Courtesy Venini

La grande opera – composta da circa 800 formelle di vetro disposte in una straordinaria composizione cromatica e agganciate fra di loro grazie a una struttura portante di metallo a simulare una sezione di DNA – racconta l’unicità di VENINI nel poter offrire una gamma così ampia di sfumature tonali: dal verde al grigio talpa, passando per l’ambra e il pagliesco; dal rosso allo zaffiro con declinazioni rosa, uva e acquamare.
La preziosa installazione architettonica è stata inaugurata il giorno 2 dicembre come anteprima del Festival per la Terra che ha portato artisti, premi Nobel e Pulitzer, nonché personalità come il principe Alberto II di Monaco e Youba Sokona, il Vicepresidente del Comitato Intergovernativo sul Cambiamento Climatico dell’Onu, ad animare la laguna sviluppando un percorso di riflessione e consapevolezza che sfrutta le potenzialità della creatività per stimolare un processo di trasformazione in ambito scientifico, umanistico, economico ed ecologico.

Sowers, installazione firmata dall’artista Maria Rebecca Ballestra e dagli architetti Barone. Courtesy Venini

Cross pollination between art, technology and nature, questo il sottotitolo dell’installazione Sowers, invita i visitatori ad addentrarsi al suo interno, attraversandone i caleidoscopici corridoi e gli avvolgenti passaggi, rimanendo affascinati dai preziosi dettagli che si scoprono in questa personale esplorazione. Essa infatti, come in un’ideale Via della seta, custodisce nella sua struttura curva i semi di quaranta diverse varietà di piante o fiori, selezionate dall’Orto Botanico di Padova, e introdotte in Europa grazie alle attività commerciali dei paesi del Medio Oriente e dell’Asia citate anche da Marco Polo. La fruizione di questa installazione si completa attraverso la realtà aumentata che consente di visualizzare la pianta corrispondente a ogni seme, realizzata da CardMap.

Sowers, dettaglio dell’installazione firmata dall’artista Maria Rebecca Ballestra e dagli architetti Barone. Courtesy Venini

Il tema del viaggio che spesso stimola il pensiero creativo dell’artista torna anche in questo emozionante archivio culturale sulla biodiversità: un simbolo sempre attuale dell’incontro fra Oriente e Occidente.
Mettendo a disposizione dell’artista Maria Rebecca Ballestra le proprie competenze artigianali e la capacità dei maestri soffiatori di plasmare la materia prima in capolavori artistici, VENINI continua a contribuire alla sostenibilità economica e al rinnovamento culturale della Laguna per rendere visibile al mondo intero il prezioso patrimonio di questo territorio. Già a metà degli anni Cinquanta, infatti, VENINI era stata chiamata a realizzare il grande progetto di illuminazione dell’Aula Magna dell’Università Ca’ Foscari, di cui l’architetto Carlo Scarpa stava seguendo l’importante opera di restauro.

Sowers. Cross pollination between art, technology and nature
Installazione architettonica nel Cortile dell’Università Ca’ Foscari
Dorsoduro 3246, Venezia

3 dicembre 2018  – 7 aprile 2019

Orari: lunedì – venerdì | 8.00 – 19.00

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •