Non sei registrato? Registrati.
Genova | Palazzo Ducale – Sala del Munizioniere | 21 luglio – 31 agosto 2019

di Livia Savorelli

Nel segno – “fisicamente immateriale, immaterialmente fisico”, come ben sottolinea Viviana Conti nel testo in catalogo – della luce e dell’acqua, leitmotiv della quarta edizione della Biennale Le Latitudini dell’arte Olanda/Italia si sviluppa l’intenso dialogo tra due diverse aree dell’Europa, l’Olanda contemporanea che si pone in relazione con la mediterraneità del nostro Paese.
L’evento, a cura di Virginia Monteverde, si sviluppa nella suggestiva sede del Munizioniere di Palazzo Ducale a Genova, mettendo in atto – tra pubblico e privato – un confronto, che evidenzia approcci contrapposti ma anche tangenze ed ideali rispecchiamenti tra i plurali linguaggi di 60 artisti che vivono e operano in Italia e in Olanda.

Veduta di allestimento della Biennale Le latitudini dell’arte. Foto di Mihail Ivanov

In un’epoca caratterizzata da molteplici urgenze – prime fra tutte quelle ambientali e quelle legate agli epocali flussi migratori – le opere in mostra si snodano in tutto il percorso espositivo, alternandosi dal punto di vista dei media utilizzati: fotografia, video, installazioni e tanta pittura di grande qualità (ad esempio, gli olandesi Annemieke Alberts, Roland Berning, Wim Claessen, Lara de Moor e, last but not least, Hidenori Mitsue, autore di una delle opere più curiose dell’esposizione che fonde perfettamente le fascinazioni della pittura fiamminga con le sue influenze orientali, in un armonioso mix di abilità tecnica e contemplazione; mentre tra gli italiani, ricordiamo ad esempio Mirko Baricchi ed Andrea Chiesi).

Veduta di allestimento della Biennale Le latitudini dell’arte. Foto di Mihail Ivanov

Una Biennale, che crea interessanti dialoghi tra le opere in mostra, stabilisce inaspettate relazioni, tocca tematiche attuali e contemporanee muovendosi tra mondi onorici ma anche sui confini di arte e scienza, mondo naturale, ricercando la modernità nel dialogo con la storia e la tradizione, evidenziando così con forza la sua attualità perché l’artista – sempre per citare la già nominata Viviana Conti – “come sensibile sismografo creativo del contesto che lo circonda” riflette nella sua arte i segni, i simboli ed i conflitti del suo tempo.


Gli artisti della della Biennale “Le Latitudini dell’arte” – IV edizione – Olanda e Italia

Olanda:
Annemieke Alberts, Roland Berning, Federico Bonelli, Wim Claessen, Lin de Mol, Lara de Moor, Kitty Doomernik, Stephen Eastaugh, Peter Edel, Theo Eissens, Kim Habers, David Lascaris, Lynne Leegte, Danielle Kwaaitaal, Kiki Lamers, Raquel Maulwurf, Hidenori Mitsue, Jef Nassenstein, Pieter Obels, Monica Ragazzini, Joseph Sassoon Semah, Charlotte Schrameijer, Ingrid Simons, Ellen Schippers, Hugo Tieleman, Willem van den Hoed, Aaron van Erp, Roos van Haaften, Marc Philip van Kempen, Tessa Verder.

Italia:
Maria Rebecca Ballestra, Mirko Baricchi, Carla Bedini, Stefania Beretta, Stefano Cagol, Loris Cecchini, Andrea Chiesi, Davide Coltro, Vania Comoretti, Philip Corner, Roberto de Luca, Chiara Dynys, Federico De Leonardis, Franco Donaggio, Inés Fontenla, Mauro Ghiglione, Riccardo Gusmaroli, Carla Iacono, PierPaolo Koss, Federica Marangoni, Giulia Marchi, Viviana Milan, Anna Oberto, Nicolò Paoli, Angelo Pretolani, Saverio Rampin, Roberto Rossini, Silvano Tessarollo, Valentina Vannicola, Stefano Mario Zatti.

Veduta di allestimento della Biennale Le latitudini dell’arte. Foto di Mihail Ivanov

BIENNALE “LE LATITUDINI DELL’ARTE” – IV edizione
OLANDA E ITALIA

“Acqua e Luce”

a cura di Virginia Monteverde
presentazione critica a cura di Viana Conti

21 luglio – 31 agosto 2019

Palazzo Ducale
Sala del Munizioniere, Piazza Matteotti – Genova

Orari: dal martedì alla domenica 16.00 – 19.30

Info:
www.palazzoducale.genova.it/acqua-e-luce-biennale-le-latitudini-dellarte/
www.facebook.com/lelatitudinidellarte/

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •