Non sei registrato? Registrati.
Albissola Marina | Casa Museo Asger Jorn | 17 maggio – 1 luglio 2018

Nel concorso per artisti Arteam Cup 2017, Gianluca Quaglia (Magenta, 1978) ha ottenuto il premio speciale promosso dall’Associazione di Promozione Sociale Amici di Casa Jorn, che prevede la possibilità di realizzare un’installazione nello studio di Asger Jorn. La filosofia di Quaglia, legata al connubio uomo + natura = paesaggio, si inserisce in modo problematico e fertile nel contesto della Casa Museo Jorn, caratterizzata da un rigoglioso giardino mediterraneo nel quale architettura, scultura e natura si fondono in modo organico e privo di gerarchie pre-assegnate.

Gianluca Quaglia, VOLATILI, intagli su carta, collage, 100x70cm, 2015

Gianluca Quaglia, VOLATILI, intagli su carta, collage, 100×70 cm, 2015

Per lo studio di Jorn, Quaglia ha concepito un allestimento in cui opere precedenti e inedite dialogano in modo orizzontale, prive di un ordine di lettura e interpretazione preordinato.
Una certa cosa o l’altra è anche il titolo dell’installazione centrale, realizzata appositamente per l’occasione ricorrendo a una pratica collaborativa e relazionale affine, per certi versi, a quella che fu di Asger Jorn, pur essendo aggiornata sui processi mediali e comunicativi contemporanei.
Tutte le opere, e con esse il dialogo con il pubblico, lambiscono i confini di una certa idea di natura, in cui i cicli stagionali e i passaggi di stato, maturano in noi lo stupore e, al contempo, uno sguardo analitico verso l’esterno ma anche l’interno del nostro mondo.
La mostra è curata da Luca Bochicchio, in collaborazione con Stella Cattaneo e Diego Drago.

Gianluca Quaglia. Una certa cosa o l’altra
a cura di Luca Bochicchio
in collaborazione con Stella Cattaneo e Diego Drago

Casa Museo Asger Jorn
Via Gabriele D’Annunzio, 6 – Albissola Marina (SV)

17 maggio – 1 luglio 2018
Inaugurazione: 17 maggio ore 18

Info:
Associazione Amici di Casa Jorn
tel. 333 1700316
amicidicasajorn@gmail.com
www.amicidicasajorn.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •