Ti sarà inviata una password per E-mail
BOLOGNA | Spazio Testoni | 25 gennaio – 10 marzo 2012

Le opere di Filippo Centenari vivono l’attimo dell’incontro immateriale nel quale la memoria si specchia in se stessa, rivoluzionandosi nel suo opposto e divenendone estensione nel futuro; esse sono permeate di un connubio indissolubile tra tradizione e rinnovamento, tra storia e contemporaneità. La materia fluisce in luce, “un’insostenibile leggerezza” impalpabile, in cui l’essere gioca tra luci al neon azzurro, fili, specchi e materiali intrisi di reminiscenza umana.

L’artista cremonese ci conduce tra intersezioni, verticali e orizzontali, tra piani paralleli e perpendicolari equilibri, in cui l’evanescenza apparente della luce assorbe ogni tangibile struttura architettonica. Centenari recupera, ricicla la materia e quindi si appropria del passato, dei simboli, della sua terra, per poi corrodere il tempo, spostandone il baricentro all’interno dell’enigma tecnologico. L’attrazione per lo spazio, per le geometrie, per la vertigine strutturale della scultura installativa, trova inevitabile continuità nei frames, che rivelano vedute delle grandi metropoli del pianeta. In questi fotogrammi bucati e trafitti affiora lo sguardo di chi naturalmente vive e si relaziona in un mondo sempre più totale, “connesso” in tempo reale sugli eventi e sulle idee, ma che con questo gesto risoluto, “violento” ed inequivocabile, vuole denunciare un mondo pervaso da una patologica assenza di emozioni reali.

Alberto Mattia Martini

Filippo Centenari
Ha partecipato a numerosi progetti e mostre internazionali – “Periplo del Mediterraneo”, Genova 2004, “Radiance & Resonance/ Signals of time” Dashanzi Art District 798 – space, Beijing 2004, “Isola di Pasqua Project”, Isola di Pasqua 2004. Nel 2005 viene insignito del XIX Premio Internazionale per l’arte elettronica “Guglielmo Marconi” , Bologna. Sue opere sono state esposte in importanti rassegne e Gallerie, dalla “Biennale di Arte Sacra di Teramo” presso il Museo della Fondazione Stauros a “Mediterraneo D’arte” presso l’archivio centrale dello Stato, EUR, Roma. Nel 2006 in occasione della “Notte dei Musei” a Cremona, firma insieme al maestro Nino Migliori, l’installazione “Stradivari dalla Tradizione al Sogno”. Nel 2008 partecipa alla mostra Italiana in Cina e Korea “Energie Sottili della Materia” (Shanghai, Beijing, Shenzhen, Seoul). Sempre nel 2008 realizza “Resistenza all’immagine” una grande installazione per il padiglione italiano alla prima Biennale Internazionale di Arte Giovane di Mosca : “Qui Vive?” – “Oltre i confini del corpo” organizzata dal National Centre for Contemporary Arts of Moscow e dal Moscow Museum of Modern Art, al Fabrika Project. La sua opera “San Sebastiano” -2008- è presente nella “Collezione Farnesina: Experimenta” – Ministero degli Affari Esteri. Nel 2010 espone a Shanghai, in occasione dell’Expo, nella mostra “Contemporary Energy. Italian Attitudes” presso il Museo Supec (Shanghai Urban Planning Center).

Filippo Centenari. Materia di luce
a cura di Alberto Mattia Martini
Spazio Testoni

Via D’Azeglio 50, Bologna

25 gennaio – 10 marzo 2012

Orari: dal martedì al venerdì dalle 16.00 alle 20.00 | sabato dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00
domenica e lunedì su appuntamento
Info:
+39 051 371272 – +39 051 580988 – +39 3356570830

la2000+45@giannitestoni.it
www.giannitestoni.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi