Non sei registrato? Registrati.
MILANO | Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea | 16 novembre 2018 – 31 gennaio 2019

La realtà, nella sua componente di oggettività e di relatività interpretativa, è il tema su cui indagano le tre artiste Keith Edmier (1967), Joana Vasconcelos (1971) e Chiharu Shiota (1972) chiamate a Milano negli spazi della galleria Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea dal critico Antonio D’Amico: nel progetto espositivo intitolato Chissà che fine ha fatto il cagnolino di mia nonna, gli artisti, dall’esperienza internazionale, si spendono in un dialogo suggestivo che, partendo da immaginari tangibili e definiti nella realtà, portano l’opera ad aprire altri spiragli nella mente e nella riflessione dello spettatore.
Ecco allora che il visibile viene spinto a nuove possibilità dello sguardo che portano a far subentrare al dato sensibile, quello intellettivo, spirituale, mentale e immaginativo, allargando quindi i confini che determinano e definiscono la stessa sua origine. In questo modo le opere, dissimulando la mimesi della realtà, cercano il lato nascosto, intimo e soggettivo, che si completa nell’esperienza di ciascun spettatore che contribuisce, in tal modo, all’esito finale con la sua personale lettura.

Keith Edmier

Spiega il curatore della mostra:

“Quando ero piccolo mia nonna aveva in campagna un cagnolino dispettoso che faceva la pipì sui fiori e per disperazione lei li rivestiva con sacchetti di plastica colorati e bucherellati per far vivere e respirare le sue meravigliose creature. Quel cagnolino era così dispettoso però che guardando la nuova “pianta” creata da mia nonna, più grande e ancor più colorata, si divertiva a smuoverla con la zampa e ad abbaiargli contro, forse perché non riconosceva più la sua fonte di attrazione e soprattutto probabilmente aveva capito che sotto si nascondeva il suo desiderio. Chissà che fine ha fatto il cagnolino di mia nonna? Molte volte mi sono chiesto come mai non faceva più la pipì sulla grande e attraente forma di plastica, ai miei occhi ancor più attraente della pianta, ma si fermava soltanto a guardarla con sospetto. Una risposta non sono mai riuscito a darmela e a ripensarci bene non saprei darla neanche adesso, forse. Però, un collegamento con l’arte potrei suggerirlo perché alcuni artisti si comportano allo stesso modo di quel cagnolino. Anzi, prendendo spunto dalla fonte di partenza, se ne servono per riproporla con nuove sembianze. La pianta custodita sotto la forma creata da mia nonna rimane pur sempre viva ma nascosta, celata alla vista di quel cagnolino che però rimane a fissarla e a farne memoria, anche se adesso vede qualcosa di diverso. Proprio come accade con molte opere d’arte! Gli artisti si fermano a guardare il dato oggettivo con insistenza e applicano un’evasione mentale e creativa per comportarsi come quel cagnolino.”

Joana Vasconcelos

Dal ricordo personale di D’Amico si origina, quindi, Chissà che fine ha fatto il cagnolino di mia nonna, titolo emblematico di questa mostra il cui celato interrogativo, dal critico e dagli artisti passa poi a ciascun visitatore che è mosso alla ricerca di quel nesso esclusivo che unisce, attraverso l’azione perseguita con e da queste opere, le esperienze di tutti e per tutti in modo sempre singolare.
Edmier, Vasconcelos e Shiota aprono il mistero del proprio linguaggio, con il “rispecchiamento” e la rielaborazione di figure reali, al sentire dell’altro; tre fisionomie peculiari vivono nell’ispirazione singola l’esperienza di racchiudere il fascino di un’immaginazione soggettiva che dalla vita presente si proietta all’infinito del senza tempo, oltre la capacità stessa della memoria, dove l’immaginazione stessa, che sta in un altrove, vive ora senza confini e senza limiti.

Keith Edmier | Joana Vasconcelos | Chiharu Shiota. Chissà che fine ha fatto il cagnolino di mia nonna
a cura di Antonio D’Amico

16 novembre 2018 – 31 gennaio 2019
Inaugurazione giovedì 15 novembre ore 18.30

Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea
via Goito 7, Milano

Orari: da lunedì a venerdì 11.00-19.00; sabati su appuntamento

Info: +39 02 36526809
milano@mimmoscognamiglio.com
www.mimmoscognamiglio.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •