Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Triennale di Milano | 30 gennaio – 22 febbraio 2015

Il progetto EX_PO. Milano e la sua distanza nasce da un’interessante riflessione che l’architetto Attilio Stocchi da tempo sta conducendo sulla posizione e il legame che Milano ha con il suo territorio. Sovrapponendo regole costruttive e scienze naturali compone un racconto che mette in scena un luogo con le sue geometrie e le sue tracce, ambiente in cui si ritrovano tutte le sue caratteristiche uniche.
Il suo concetto diventa tanto una macchina-scultura, quanto uno strumento di misura – la stadia metallica rossa – che permette la definizione degli spazi geografici che si compongono e scompongono in un rimando continuo di immagini.
Con figure, sequenze di suoni, abachi di colori, radici di parole, frammenti letterari, reperti materiali, Stocchi guarda a Milano e alla sua posizione centrale nell’area geografica di appartenenza: Mediolanum, medium land, la terra di mezzo tra due fiumi (l’Adda e il Ticino, affluenti del Po) che è equidistante (EX) dall’acqua del grande fiume (PO) nei punti di guado storici a Magenta, Vigevano, Vaprio d’Adda e Lodi. Tradotto in numeri sono 29.640 metri, 20 miglia romane, 20.000 passi.

EX_PO. Milano e la sua distanza. Un progetto di Attilio Stocchi, Triennale di Milano, Milano

Questa misura definita trova, inoltre, precisa corrispondenza anche nel raggio del nono anello della sua costruzione aurea costitutiva: una lettura che, secondo Stocchi, potrebbe aiutare a comprendere e percepire con maggior consapevolezza, la dimensione urbana e il suo territorio circostante.
La scala territoriale milanese mette in rapporto stretto Milano con le sue acque, acque che ne hanno segnato la nascita e la storia: con l’imminente Expo 2015 si trova qui uno spunto ideale per riconsiderare le specificità insediative del capoluogo lombardo e, con il progetto di Stocchi, si pone una prima traccia e un esempio di rilettura.
Questa mostra prova a mettere in luce il DNA specifico di Milano e il suo rapporto territoriale per segnalare le “profonde geometrie e le antiche storie”, dove il passo umano – fatto di ritmo e resistenza – si misura con nuovi modelli di relazioni spaziali.
La Stadia, esposta in Triennale, vuole proprio essere il dispositivo narrativo per conservare e diffondere queste riflessioni. Inoltre, Viginti Milia, sarà una linea che, da Milano all’Adda, traccia un itinerario verso l’acqua caratterizzato da nove tonalità di azzurro (Celeste, Turchese, Ciano, Ceruleo, Blu reale, Cobalto, Blu elettrico, Blu di Prussia, Oltremare), numero che torna negli anelli concentrici della sua progressione. Un’impronta ulteriore del legame della metropoli meneghina con le sue acque e il suo intorno. 

EX_PO. Milano e la sua distanza. Un progetto di Attilio Stocchi

30 gennaio – 22 febbraio 2015 

Triennale di Milano
Viale Alemagna 6, Milano 

Orari: da martedì a domenica 10.30-20.30;
giovedì 10.30-23.00; lunedì chiuso
Ingresso libero 

Info: +39 02 724341
www.triennale.org

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi