Ti sarà inviata una password per E-mail

Per celebrare 150 anni di attività, Sasso, storica azienda produttrice d’olio, promuove una mostra itinerante in collaborazione con l’altrettanto nota agenzia fotografica Contrasto. Un connubio che conferma il rinnovato interesse per l’arte  contemporanea già dimostrato dall’azienda ligure in altre occasioni. Il progetto ha  una natura itinerante ed en plein air. La prima tappa, in corso fino al 22 maggio, vede la città di Milano, e precisamente via Dante, come location prescelta. A ruota, seguiranno Torino, Bologna, Verona, Roma, Genova, Firenze, Napoli, Catania… Abbiamo chiesto a Denis Curti, curatore del progetto nonché direttore della sede milanese di Contrasto, di raccontarci intenti e filosofia di questo tour sotto forma di racconto per immagini.

Francesca Di Giorgio: 150 PRIMAVERE CON SASSO. Sasso viaggia per l’Italia con una mostra fotografica. Iniziamo con l’illustrare il perché di questa iniziativa e com’è nata la sua collaborazione con la storica azienda d’olio da tavola?

Denis Curti: L’azienda quest’anno compie 150 anni, un traguardo davvero importante e un numero ambizioso che celebra un’autentica storia italiana. Abbiamo pensato ad un vero e proprio racconto fotografico: un viaggio attraverso 150 immagini che rappresentano le diverse primavere nel mondo. Primavera è sinonimo di rinascita, benessere, gioia e vitalità valori che abbiamo interpretato con la fotografia.

Le collaborazioni di Sasso con l’arte non sono nuove se pensiamo ai manifesti di Plinio Nomellini, agli inizi del ‘900, e ad Armando Testa negli anni ’50…
Certo alcune immagini che si ricordano di quegli anni sono davvero delle icone, e Sasso, in questo progetto, mantiene una totale coerenza con la sua tradizione, una comunicazione fatta di fotografie di forte impatto, quasi delle vere cartoline del mondo.

In qualità di direttore della sede milanese di Contrasto, nella prima tappa del progetto vediamo in parte attiva la città di Milano. Come proseguirà il viaggio?
Le immagini sono le vere protagoniste di questa mostra fotografica e dopo Milano avremo altre 8 città: Torino, Bologna, Verona, Roma, Genova, Firenze, Napoli e Catania
Un regalo che Sasso farà alle città coinvolte in questo Tour Italiano.

Tra gli artisti coinvolti nel progetto cinque giovani fotografi: Lorenzo Pesce, Daniele Dainelli, Simona Ghizzoni, Davide Monteleone e Lorenzo Cicconi Massi. Ci racconta in pillole chi sono e come hanno collaborato?

Gli autori di Contrasto sono stati coinvolti sin dall’inizio, ad ognuno di loro è stato affidato un diverso tema legato alla primavera: le piazze, le sagre, le feste di paese, il pic-nic, il pranzo della domenica.
Una produzione fotografica composta a più mani e ognuno secondo la propria sensibilità, ha interpretato la primavera delle nostre città.

Pensando alla fotografia come strumento di promozione e consolidamento di una filosofia aziendale riportiamo il discorso al circolo virtuoso instaurato negli anni tra arte e pubblicità e che affascina per i continui cortocircuiti che – digitale si/digitale no – aprono infinite possibilità di interpretazione…
La fotografia è un linguaggio straordinario, e come abbiamo imparato è duttile e universale. È certamente figlia dei grandi cambiamenti tecnologici: negli anni ha raccontato, interpretato, e denunciato adeguandosi allo sviluppo della nostra società e alla domanda del mercato.

Sul prossimo numero di Espoarte (#65 giugno-luglio) incontreremo Gianni Berengo Gardin, di cui possiamo trovare un portfolio on line su www.contrasto.it.
Qual è la più grande eredità che un giovane fotografo può assorbire da un maestro? E soprattutto, nella sua esperienza, quali sono oggi le occasioni e gli strumenti offerti per progredire nella ricerca?

Gianni Berengo Gardin è uno dei più importanti fotografi che da oltre cinquant’anni racconta, con sguardo onesto e partecipe, le trasformazioni del nostro mondo.
Attraverso i suoi reportages ha sempre raccontato la società, i suoi vizi e virtù con profondo rispetto. Ecco, credo che questo sia un buon insegnamento, saper guardare, ascoltare con curiosità ma anche rispetto; mi viene in mente anche il suo istinto come motore per catture con l’occhio ma anche con la mente.
Questo dovrebbero fare i giovani fotografi: concentrarsi e cercare di utilizzare tutti i sensi che hanno a disposizione.

Il progetto in breve:
150 PRIMAVERE CON SASSO. Sasso viaggia per l’Italia con una mostra fotografica
in collaborazione con Contrasto
a cura di Denis Curti
Prima tappa:
Via Dante, Milano
Info: 800 907929
www.150primavere.it
Fino al 22 maggio 2010
Prossima Tappa
Via Teofilo Rossi, Torino
1 – 16 giugno 2010

In alto, da sinistra:
150 PRIMAVERE CON SASSO, photo by Lorenzo Pesce
150 PRIMAVERE CON SASSO, photo by Davide Monteleone

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi