Ti sarà inviata una password per E-mail
GENOVA | Guidi&Schoen Arte Contemporanea | 4 ottobre – 2 novembre 2013

Turn On The Bright Lights è il titolo del primo album del gruppo newyorkese Interpol pubblicato nel 2002, un anno dopo l’attentato alle Twin Towers. La luce è qui intesa come metafora di qualcosa che si deve riaccendere, nella speranza di ripartire verso il futuro. All’epoca, quando proprio questo sembrava un’utopia e appariva davvero impossibile da attuare, il mondo ha ricominciato a girare.

La nuova stagione espositiva della galleria genovese Guidi&Schoen apre con una mostra collettiva a cura di Luca Beatrice che parte proprio da questo concetto: la luce come chimera, il raggio luminoso come spiraglio, come simbolo di qualcosa che è in divenire, in positiva trasformazione. È la visione di un futuro possibile, di un domani auspicabile e vitale che si vuole trasmettere. Ogni volta infatti che precipitiamo nel buio, nell’ombra delle nostre paure, qualcuno (qualcosa) riaccende la speranza, quell’energia che da il via al nostro agire.

Nove sono gli artisti invitati a interpretare questo soggetto, la luce, attraverso molteplici linguaggi espressivi e differenti codici stilistici. Dalle installazioni del maestro dell’Arte Povera Pier Paolo Calzolari agli Impact del giovanissimo writer Julian T, dall’uso concettuale e assoluto di James Turrell alla scrittura luminosa che disegna lo spazio percettivo di Maurizio Nannucci.
La luce può essere anche materia, sostanza concreta, e a raccontarlo sono le opere di due grandi videoartisti: Nam June Paik per il quale l’oggetto tv diventa fonte luminosa, e Tony Oursler che costruisce videosculture dall’impianto narrativo e inquietante. Un approccio poi del tutto nuovo è espresso dagli artisti della generazione di mezzo: Giacomo Costa adotta la luce come elemento imprescindibile per le sue grandi e scenografiche fotografie retroilluminate, Alessandro Lupi invece dà vita, attraverso un processo di sottrazione, a “pitture” luminose, mentre il duo artistico Bianco Valente rivela una concezione più astratta e pura della luce, non più riconducibile a un immaginario reale quanto a un’ideale trasposizione di uno stato emozionale.
Turn on The Bright Lights
si pone quindi come nota di speranza per una positiva visione del domani, in un tempo – quello attuale – in cui l’incedere generale appare sempre più spesso fragile e incerto.

Turn On the Bright Lights
a cura di Luca Beatrice

Artisti in mostra: Bianco Valente (Giovanna Bianco – Latronico, Pz, 1962, Pino Valente – Napoli, 1967), Pier Paolo Calzolari (Bologna, 1943), Giacomo Costa (Firenze, 1970), Alessandro Lupi (Genova, 1975), Maurizio Nannucci (Firenze, 1939), Tony Oursler (New York, 1957), Nam June Paik (Seul, 1932 – Miami, 2006), James Turrell (Los Angeles, 1943), Julian T (Savona, 1985).

4 ottobre – 2 novembre 2013
Opening in occasione di START Genova venerdì 4 ottobre dalle 18.00 alle 24.00

Guidi&Schoen Arte Contemporanea
Vico Casana 31r, Genova (Centro Storico)

Orari: dal lunedì pomeriggio al sabato 10.00/12.30 – 16.00/19.00

Info: + 39 010 2530557
info@guidieschoen.com
www.guidieschoen.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi