Ti sarà inviata una password per E-mail
PIETRASANTA (LU) | Accesso Galleria | 15 luglio – 21 agosto 2017

di NICCOLÒ BONECHI

Sabatino Cersosimo, Love, Love, Love (I), 2017, olio, ossidazione e incisione acciaio, 75x50 cm

Sabatino Cersosimo, Love, Love, Love (I), 2017, olio, ossidazione e incisione acciaio, 75×50 cm

Accesso Galleria di Pietrasanta (LU) ha inaugurato, sabato 15 luglio, Conversation Piece, mostra personale di Sabatino Cersosimo, in cui si espone una selezione di opere pittoriche di medio/grande formato che appartengono alla sua nuova ricerca, portata avanti durante gli ultimi anni trascorsi a Berlino, dove vive e lavora. In mostra un corpus di lavori che vive di scontri dialettici, sia di natura tecnica sia concettuale: ecco che Cersosimo intende forzare la mano costringendo il fruitore ad avvicinarsi alle opere, perché è il contatto quasi fisico con esse che sottende le volontà dell’autore, non certamente di natura sensazionalistica, bensì di comunicazione passiva con i dipinti stessi. Ebbene ci troviamo di fronte a soggetti disinteressati ad un dialogo aperto, volgono lo sguardo altrove, non intendono comunicare nient’altro se non ciò che sono, ciò di cosa siamo composti. Come afferma lo stesso Cersosimo «Non sono tanto i temi di una conversazione, quanto la conversazione in sé ad affascinarmi, nelle sfaccettature interpretative che permette».

Sabatino Cersosimo, veduta della mostra, Conversation Piece, courtesy Accesso Galleria, Pietrasanta

Sabatino Cersosimo, veduta della mostra, Conversation Piece, courtesy Accesso Galleria, Pietrasanta

Ecco che l’autore, per raggiungere tali risultati, si affida a tecniche pittoriche anticonvenzionali. Pur non abbandonando l’utilizzo della pittura ad olio, decide di sostituire il supporto della tela con sottilissime lastre di acciaio su cui può intervenire attraverso ossidazioni naturali dovute alla miscelazione di acqua e sale. Ecco che la ruggine, corrodendo la superficie, diventa parte integrante della rappresentazione e dà vita ad un altro dualismo dialettico: qui figurazione ed astrazione si uniscono perché l’armonia della composizione sia compiuta, ma non statica. Le opere di Cersosimo, quindi, oltre ad essere per lo più realizzate attraverso la saldature di numerose lastre di acciaio di dimensioni non necessariamente identiche, sono vissute da corpi indefiniti, come se queste presenze abitassero questo spazio solo per un istante, prima di essere portate altrove.

Sabatino Cersosimo, veduta della mostra, Conversation Piece, courtesy Accesso Galleria, Pietrasanta

Sabatino Cersosimo, veduta della mostra, Conversation Piece, courtesy Accesso Galleria, Pietrasanta

Come scrive Giulio Benatti nel saggio che accompagna il catalogo della mostra «Questi volti, questi corpi fuori dal tempo, affermano anche la loro presenza contemporanea e la caparbietà dell’essere nonostante tutto e, a dispetto dell’evanescenza della vita, come i ritratti del Fayyum ci parlano, conversano con noi».

Sabatino Cersosimo. Conversation Piece

15 luglio – 21 agosto 2017

Accesso Galleria
Via del Marzocco 68, Pietrasanta (LU)

Info: +39 340 410 4004
info@accessogalleria.com
www.accessogalleria.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi