Non sei registrato? Registrati.

PARMA | PALAZZO DEL GOVERNATORE | 25 MAGGIO – 28 LUGLIO 2019

Dal 25 maggio sarà ospitata a Parma la più grande mostra dedicata all’arte cecoslovacca mai allestita prima in Italia. La Forma dell’Ideologia. Praga: 1948-1989 porterà nella storica sede del Palazzo del Governatore oltre 200 opere tra dipinti, disegni, acquerelli, lavori di grafica e di stampa, fotografie, oggetti di design e proiezioni cinematografiche.

Jaromír Schor, senza titolo, trittico, anni ’70-’80, olio e tempera su carta applicato su tela

Promossa da Fondazione Eleutheria, Collezione Ferrarini-Nicoli e Comune di Parma, in collaborazione con il Museo di Arte Decorative di Praga, l’esposizione è curata da Gloria Bianchino, FrancescoAugusto e Ottaviano Maria Razetto e gode del patrocinio di importanti Istituzioni italiane e ceche.

La mostra, allestita su entrambi i piani del Palazzo, proporrà al pubblico un percorso temporale, a partire dagli anni ’20 del Novecento fino agli anni ’80, in cui verrà approfondita l’atmosfera culturale di Praga e dell’intera nazione cecoslovacca, altamente influenzata dalle vicende storico-politiche, che portò a una particolarissima produzione artistica, parte della quale trovò espressione nella pittura realista di artisti di primo piano come Josef Štolovský (1879-1936), Josef Brož (1904-1980), Adolf Žábranský (1909-1981), Jaromír Schoř (1912-1987), Sauro Ballardini (1925-2010) ed Alena Čermáková (1926-2009).

Martin Sladký, Tre minatori, fine anni ’60, olio su tela

Dalla pittura alla scultura, dalla fotografia al cinema fino al design, l’arte di quel periodo è declinata nelle sue variegate sfaccettature sottolineando, in particolare, l’impatto che ebbe lo “stato di regime”, dal ’48 in poi, sulla cultura della città e dell’intera nazione.

«La mostra – spiegano FrancescoAugusto e Ottaviano Maria Razetto, presidente e vicepresidente della Fondazione Eleutheria – è un viaggio all’interno di oltre un settantennio di arte e cultura cecoslovacca. In questo senso il visitatore sarà accompagnato a scoprire una Praga diversa da quella che risplende davanti al turista di oggi, ma anche meno lontana di quanto dovesse emergere dalle scarse cronache “Oltrecortina” antecedenti il 1989. Il percorso che ha portato a questa mostra parte però da lontano, e precisamente nel 2016, quando la Fondazione Eleutheria iniziò a pensare di realizzare una serie di iniziative che portassero Parma a Praga ad essere sempre più unite in un rapporto di amicizia e collaborazione. A questo scopo nel 2018 la Fondazione Eleutheria organizzò, nella capitale ceca, una tre giorni di presentazione della città di Parma. In quella occasione oltre all’apertura di una mostra sul Parmigianino, alla redazione di due libri editi per l’occasione e incentrati sul rapporto tra le due città nella storia e a vari incontri istituzionali, fu soprattutto tracciata una strada che vedeva, a fianco della nostra Fondazione, le istituzioni politiche, amministrative ed economiche delle due città».

Adolf Zábranský, Febbraio 1948, (cartone del Ciclo “Tradizione rivoluzionaria dei nostri uomini VI”), 1972-81, carboncino e guazzo su carta applicata su tela

La Forma dell’Ideologia. Praga: 1948-1989
A cura di Gloria Bianchino, FrancescoAugusto Razetto, Ottaviano Maria Razetto

25 maggio – 28 luglio 2019
Orari: dal martedì al venerdì 10,00-19,00, sabato e domenica 10,30-19,30, primo e ultimo sabato del mese aperto fino alle ore 24.00

Biglietto intero € 7, biglietto famiglia € 10, ridotto € 5, ridotto speciale € 4, scolaresche e gruppi
€ 3

Catalogo edito da Eleutheria, a cura di FrancescoAugusto Razetto e Ottaviano Maria Razetto, con testi di Gloria Bianchino, FrancescoAugusto Razetto, Vittorio Sgarbi, Magdalena Kracik Storkanova e ricco apparato iconografico

Info: +39 0521 218929
info@palazzodelgovernatore.it
www.eleutheria.cz
www.collezioneferrarininicoli.com
www.comune.parma.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •