Non sei registrato? Registrati.
Sto caricando la mappa ....

Data/Orario
11 Ott 2018 - 3 Nov 2018
19:00 - 21:00

Luogo
Studio Frontiera

Info


Questo evento è stato inserito da:
ChiaraCGiuliani

Categoria


I Never Promised You a Rose Garden

(Non ti ho mai promesso un giardino di rose)

 

Curatela a r c h i p e l a g o

11 ottobre – 3 novembre

Studio Frontiera / Minimum

Palermo

Alessandro Calabrese

Ange Leccia

Brian Kuan Wood

Dora García

Jean-Philippe Toussaint

Joanne McNeil

Jocelyn Allen

Leah Clements

Lee MacKinnon

Minna Pöllänen

In occasione di Manifesta 12 a Palermo, a r c h i p e l a g o presenta I Never Promised You a Rose Garden: una mostra collettiva in due parti che riunisce il lavoro di artisti visuali (impegnati su diversi media), scrittori e una selezione di libri. La mostra esplora la declinazione presente della nozione di affetto.

Affetto evoca, prima di tutto, un incontro tra alterità. Spinoza definisce “affetti” i cambiamenti prodotti su un corpo, inclusa la mente, attraverso l’interazione con un altro corpo, che aumenta o riduce il suo potere di attività. O, come spiega Brian Massumi: “produrre o subire l’azione di un affetto significa fare un incontro e fare un incontro significa aver già iniziato un’avventura. Contro la chiusura nell’interiorità di un soggetto, l’azione di un affetto si riferisce ad una partecipazione immediata negli eventi del mondo, riguarda intensità ed esperienza”.

La nozione di affetto si relaziona a quelle di connessione e intensità, due elementi essenziali del presente, un tempo in cui le emozioni vengono ovunque esibite: sui cartelloni pubblicitari, nei discorsi dei politici, nella nostra posta di lavoro, nei messaggi di Siri, e, con ancora maggiore intensità, nei nostri social media. Caro X, spero che stia bene, Loving it; Lots of Love; …

Il lessico dell’affetto si è largamente diffuso, contribuendo alla costruzione di una “cultura delle emozioni”. Allo stesso tempo, il dominio digitale influenza il modo in cui ci relazioniamo, condiziona i nostri sentimenti, riconfigura i nostri comportamenti e, a volte, riverbera rituali antichi.

I Never Promised You a Rose Garden affronta la dimensione emozionale delle nostre comunicazioni e l’impatto del digitale sulle relazioni interpersonali.

La mostra esplora le nozioni di emozione collettiva e intimità, di presenza ed assenza, e guarda all’amore nell’epoca del capitalismo e Tinder, al lessico affettivo e alla vocazione romantica. Nello studio Frontiera si presenterà il lavoro di dieci autori, artisti visuali e scrittori. A Minimum sarà esposta una selezione di saggi, romanzi e libri di artista.

 

 

Studio Frontiera – Via Alloro, 36

11 – 31 ottobre; Mercoledì – Domenica, 3 – 8pm

Inaugurazione 11 ottobre; 7 – 9pm

 

Minimum – Via Giacalone, 33

18 ottobre- 3 novembre; Lunedì – Venerdì , 4 – 7pm

Inaugurazione 18 ottobre; 7 – 9pm

La mostra è parte del programma Outer Circle.

 

PRESS OFFICE:

Chiara Ciucci Giuliani chiaracgiuliani@gmail.com mob: +39 392 917 3661

Roberta Pucci robertapucci@gmail.com mob: +39 340 817 4090

Eventi :

 

Instagram Project

Account: INeverPromisedYou

Two artists, who don’t know eachother, dialogue on the same Instagram account as if it was a dating website or … a social media.

Alessandro Calabrese and Jocelyn Allen

Logical Song – Talk by Ange Leccia

Tuesday 16th October, 7pm.

Location to be confirmed. Probably at Teatro Garibaldi

Felice – a visual story about a non-existing character

Bookmaking workshop – Magali Avezou

Saturday 20 and Sunday 21 October – 11/5pm

Minimum – Palermo

Magali Avezou – Bio

Magali Avezou è una curatrice indipendente. Ha fondato a r c h i p e l a g o,

piattaforma curatoriale di arti visive e produzione artistica editoriale. I suoi progetti precedenti includono « burning with pleasure », un progetto di ricerca e una mostra sul libro d’artista, e « Murmur », sull’astrazione in fotografia, presentato alla Flowers Gallery (Londra).

Insegna allo IED Istituto Europeo di Design in Italia e alla Escola Massana in Spagna; ha tenuto talk e workshop al Royal College of Arts, alla Northampton University, al London College of Communication, alla Winchester School of Arts e all’Istituto Marangoni. Ha inoltre scritto per Unseen Platform, Yet Magazine, Photomonitor e The Photocaptionist.

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •