Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | La Triennale | 19 novembre 2013 – 2 febbraio 2014

Intervista a MASSIMO MININI di Ilaria Bignotti

Massimo Minini e la sua galleria sono parte integrante della recente storia dell’arte contemporanea, grazie a mostre di molti fra i più importanti artisti degli ultimi decenni, italiani e internazionali.
A meno di un mese dall’apertura della mostra a La Triennale di Milano – che attraversa, come ricorda il titolo, Quarantanni d’arte contemporanea, dal 1973 ad oggi – e reduce da una serie di trasferte in occasione delle più importanti fiere internazionali di settore, raggiungiamo Massimo Minini per un botta e risposta secco e deciso che segue con tono a volte ironico, a volte dissacrante il fil rouge della mostra…

02_Alighiero Boetti copia

In un certo senso, la storia che la sua Galleria ha tracciato è una storia dell’arte vincente e avvincente.
GRAZIE!

Se dovesse scegliere un titolo per ciascun decennio, come in un manuale di storia dell’arte appunto, come chiamerebbe gli anni ’70, ’80 e ’90? L’ultimo decennio di Massimo Minini e della sua Galleria?
’70 VE LA FACCIO VEDERE IO
’80 INGRATA PATRIA NON AVRAI LE MIE OSSA
’90  CHI SE NE FREGA, MAGARI CHIUDO
2000 RIECCOMI
2010 ORA MI OCCUPO DI BRESCIA E GLI FACCIO VEDERE IO…

Un gallerista lavora sul gusto del collezionista…
Almeno ci prova

… e spesso sa indirizzarlo nelle scelte…
Spesso non ci riesce

Come è cambiato, se è cambiato, invece, il suo gusto estetico?
Cambiato molto, nel ’65 mi piaceva Salvatore Fiume, nel ’66 Bepi Romagnoni, nel ’68 Ceroli e la Cassa Sistina, nel ’69 Boetti e le carte a quadretti, nel ’70 Paolini e Disegno Geometrico, nel ’71 Blinky Palermo e i Triangoli, nel ’72 Daniel Buren e le Righe 8,7…

Quarantanni d'artecontemporanea_Installation view

Ci sono stati mutamenti forti nelle sue scelte o il percorso di selezione degli artisti, e quindi di progettazione di mostre, è proseguito negli anni linearmente?
A zig zag…

Ci sono stati dei coup de foudre che hanno segnato e mutato il tracciato?
Sempre colpi di fulmine alternati a certezze e conferme. Ultimo colpo: Haris Epaminonda

Se dovesse affidare a un’opera o a un momento dell’arte contemporanea il compito di rappresentarla oggi, cosa sceglierebbe?
Giovane che guarda Lorenzo Lotto, 1967, Giulio Paolini.

Il libro segna e celebra anche un altro suo aspetto al quale lei ci ha abituati, quello di scrittore
Vero.

Da dove nasce l’ispirazione alla scrittura?
Italo Calvino, Alberto Savinio, Leonardo Sciascia.

E come si relaziona la scrittura all’oggetto artistico?
Con un miracolo.

Quale il contributo specifico che ritiene negli anni di avere dato, rispetto alle altre forme di analisi critica, all’arte?
Ho sdrammatizzato il critichese, ho aggiunto la favola alla tragedia.

Quarantanni d'artecontemporanea_Installation view

Un libro può contenere una mostra?
No.

Quali le scelte espositive per la Triennale di Milano?
Ho esposto gli invenduti.

Come si relazionano queste scelte con le pagine scritte?
Per contraddizione.

Come si immagina i prossimi quarant’anni della Galleria Minini?
Un disastro… “Coraggio, il meglio è passato” (Ennio Flaiano)

Quarantanni d’arte contemporanea Massimo Minini 1973-2013

19 novembre 2013 – 2 febbraio 2014

Triennale di Milano
Viale Alemagna 6, Milano

Info: +39 02 724341
www.triennale.org

Appuntamento:
Presentazione del libro Massimo Minini Quarantanni 1973-2013
Massimo Minini con Filippo Feroldi parleranno del libro dei 40 anni della Galleria Massimo Minini

lunedì 9 dicembre ore 18.30

Libreria Serra Tarantola
Via Fratelli Porcellaga 4, Brescia
Info: www.tarantola.it

Galleria Massimo Minini
Via Apollonio 68, Brescia
+39 030383034
info@galleriaminini.it
www.galleriaminini.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi