Non sei registrato? Registrati.
MILANO | Galleria Bottegantica | 12 ottobre – 2 dicembre 2018

Nell’anno del sessantesimo anniversario della morte la Galleria Bottegantica di Milano inaugura una mostra dedicata a Giacomo Balla (1871-1958), tra i maggiori esponenti del Futurismo e tra le principali personalità artistiche di tutto il XX secolo.
Giacomo Balla. Ricostruzione futurista dell’universo, che avvia il progetto Modern / Lab, format dedicato dalla galleria milanese ai grandi autori del Novecento, getta uno sguardo su un pericolare settore di ricerca dell’artista che guarda, in questo caso, alla sua attività rivolta alle arti applicate e all’arredamento, esperienze che lo hanno portato a sviluppare, anche se solo in fase sperimentale, un moderno concetto di design.

Giacomo Balla, Linee forza di mare, 1926, olio su tela, 150×210 cm

Con trenta opere esposte, l’esposizione sia apre con alcuni lavori progettuali e una selezione di dipinti del periodo compreso tra il 1912 e il 1930 e si completa con la parte dedicata alle arti applicate che riunisce complementi di arredo, paraventi, disegni per opere di design (per piatti, tappeti, cuscini) che sono stati concepiti dopo la pubblicazione del Manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo del 1915 (firmato con Depero).
Spetta, infatti, a Balla il merito di aver liberato e rinnovato il concetto di Avanguardia, facendo rientrare nell’esperienza artistica, oltre la pittura e/o la scultorea, anche nuovi campi di sperimentazione, sempre coniugati all’ipotesi di formalizzare un linguaggio radicalmente originale e innovativo: fu lui, tra i

Giacomo Balla, Paravento, 1916-1917, due ante dipinte su entrambi i lati, olio su tavola, 124×115.5 cm

Futuristi, ad aver seguito, con esperienze tangibili, questo percorso di arte totale, lavorando sistematicamente a progetti legati alla moda, all’arredamento, al design, al teatro, al cinema, all’architettura, espandendo il raggio d’azione della sua estetica innovativa.
Concorrono al suo nuovo linguaggio anche la sperimentazione di materiali diversi e innovativi, spesso di derivazione industriale, che amplificano l’esperienza della sua astrazione e del suo ritmo dinamico, coinvolgendo la bellezza di un’estetica che si apre alle nuove forme dettate dal futuro.

Giacomo Balla. Ricostruzione futurista dell’universo
mostra e catalogo Bottegantica edizioni a cura di Fabio Benzi

12 ottobre – 2 dicembre 2018

Galleria Bottegantica
via A. Manzoni 45, Milano

Orari: da martedì a sabato 10.00-13.00; 15.00-19.00; aperture straordinarie domenica 14 ottobre e domenica 2 dicembre 10.00-13.00 e 15.00-19.00
Ingresso libero; visite guidate su prenotazione €5.00 ciascuno. Gruppi compresi tra le 10 e le 20 persone

Info: +39 02 35953308; +39 02 62695489
milano@bottegantica.com
info@bottegantica.com
www.bottegantica.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •