Ti sarà inviata una password per E-mail

Hugo Pratt. Un genio italiano dai comics alla pop-art

TORINO | Galleria Allegretti Contemporanea | 27 settembre – 27 ottobre 2012

«Io faccio della pittura… forse figurativa? La pittura può essere molte cose. Io posso dire che dopo l’esplosione della Pop art in America, tutto il mondo ne parla quando in verità, tutto è partito dai comics. Io, ho cercato di fare una cosa diversa… lavorare in un altro senso. La Pop art è un fumetto ingrandito; i pittori si sono impadroniti di questa forma popolare per fare dei quadri tratti dal fumetto. In verità, io prendo una porzione di uno dei miei disegni e la ingrandisco. Io non prendo il disegno intero. Prendo una parte di 1 centimetro e la ingrandisco a 2 metri così quella parte diventa astratta. Ma rimane sempre un fumetto». Hugo Pratt, Phénix, primi anni ‘70

Little Nemo Art Gallery e Allegretti Contemporanea dedicano una mostra dedicata al maestro di Malamocco.

Disegni, grafiche e serigrafie firmate, manifesti di mostre, portfolii, oggetti pubblicitari, cels e tutte le opere a stampa.
Da Ernie Pike a Corto Maltese, un excursus visivo sui grandi characters di Pratt. Per l’occasione verrà realizzato un catalogo illustrato con presentazione di Vincenzo Mollica e testo critico di Armando Audoli.

A Hugo Pratt, forse per vezzo o forse per intima convinzione, piaceva considerarsi ostinatamente un “fumettaro”. Egli era, in verità, un artista in senso assoluto: a prescindere dal linguaggio adottato. Un artista cerebrale e lirico a un tempo. Attraverso il suo segno inconfondibile, la cultura – una cultura di alto profilo – si stemperava in un lirismo rapsodico, sempre e comunque letterario, talvolta percorso da un fremito di indefinita nostalgia. Tutto ciò avveniva, però, con una naturalezza istintiva che è solo caratteristica del vero genio. Dando ormai per scontato il debito iniziale nei confronti di alcuni “patriarchi” del fumetto nordamericano (ne citiamo uno, esemplare, su tutti: Milton Caniff), ci interessa sottolineare la comunque precoce maturazione di uno stile davvero personalissimo e l’approdo, in un anno-chiave quale fu il 1967, al linguaggio internazionale della Pop Art. Infatti, sull’onda lunga dei recenti successi di Roy Lichtenstein, Pratt volle percorrere un cammino inverso: partire dal fumetto per arrivare all’arte. Nacque così la serie di 12 serigrafie dal titolo BRR… BRRR! The British Winter’s Grenadiers, esposta per la prima volta nella Galleria L’Elefante di Venezia dal dicembre 1967 al febbraio 1968. In quegli stessi frangenti, con Una ballata del mare salato, prendeva il largo Corto Maltese. Armando Audoli

 


Hugo Pratt. Un genio italiano dai comics alla pop-art

a cura di Little Nemo Art Gallery

Galleria Allegretti Contemporanea
Via San Francesco d’Assisi 14, Torino

Info: www.allegretticontemporanea.it

Little Nemo Art Gallery
+39
  011 7630397
www.littlenemo.it

27 settembre – 27 ottobre 2012
Asta sabato 27 ottobre 2012

 

 

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi