Ti sarà inviata una password per E-mail
RAVELLO | Villa Rufolo | 24 giugno – 8 settembre 2012

Il Ravello Festival compie un viaggio suggestivo nella memoria, ripercorrendo le fasi che hanno segnato la nascita di un genere raffinato ed importante come la videoarte. A guidarlo, in questo percorso attraverso i fantasiosi anni Settanta, sarà un partner prestigioso come la Biennale di Venezia. Il Ravello Festival ospita la mostra di video d’artista dalle collezioni ASAC – Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia – dal titolo VIDEO MEDIUM INTERMEDIUM, organizzata dalla Biennale di Venezia e presentata da Bice Curiger, direttrice della Biennale Arte 2011.

Il Presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta ha dichiarato:

“Abbiamo accolto volentieri l’invito al colloquio con il Ravello Festival, lieti che abbia deciso di ospitare questa mostra molto rappresentativa per la Biennale di Venezia perché riguarda il patrimonio delle sue collezioni da poco restaurate. Video Medium Intermedium documenta la video arte negli anni del suo nascere, periodo di straordinario interesse che siamo felici possa essere conosciuto anche da un pubblico che frequenta un festival musicale. Siamo inoltre grati alla sensibilità del Presidente della Fondazione Ravello e dei suoi organizzatori, soddisfatti di questa collaborazione che è la prima e non sarà l’ultima.”

In seguito al successo della mostra sui suoi manifesti storici (Venezia, Ca’ Giustinian 25 febbraio – 20 maggio 2011), la Biennale, con il suo archivio, offre al pubblico, agli studiosi e appassionati della storia dell’Istituzione un’occasione per riscoprire una selezione di 32 video realizzati da 53 artisti tra 1969 e il 1975, oltre che fotografie e altri documenti appartenenti ai Fondi dell’ASAC. Dopo un’anteprima dei lavori digitalizzati presentati alla 52. Esposizione Internazionale d’Arte nel 2007, e a 24 anni dalla storica rassegna Gli Art/tapes dell’ASAC tenutasi a Venezia presso Ca’ Corner della Regina nel novembre 1977, è oggi visibile un ricco patrimonio che documenta la nascente videoarte in Europa all’inizio degli anni Settanta.

Si trattadi un fenomeno transnazionale che si intreccia ai contemporanei movimenti d’avanguardia come Body Art, Land Art, Performance Art, Lettrismo e Minimalismo, e che anche in Italia ha avuto notevoli risvolti fino ad ora non sufficientemente valorizzati. La Biennale di Venezia ha avviato un ampio programma di ricostruzione filologica e di restauro di più di 200 videotapes, con la conservazione delle matrici nel formato originale U-matic e Open e la riproduzione dei contenuti in formato digitale (DVD). Il recupero è stato condotto dalla Biennale avvalendosi della collaborazione di un gruppo di ricercatori dell’Università di Udine. Una buona parte di questi lavori provengono da art/tapes/22, celebre studio di produzione video fiorentino diretto da Maria Gloria Bicocchi tra il 1973 e il 1976.

Il titolo VIDEO MEDIUM INTERMEDIUM indica come il mezzo video sia diventato negli anni Settanta non solo uno strumento di autoriflessione sulle pratiche espressive, ma anche un mezzo in grado di unire artisti provenienti da discipline diverse (arti visive, letteratura, teatro, danza, musica) e zone geografiche lontane tra loro, creando così una vera e propria comunità internazionale.

I video presentati in mostra sono stati raccolti da Bice Curiger attorno a 7 nuclei tematici:

  1. Video-galleria di Gerry Schum
    Schum realizza nel 1969 la prima mostra televisiva dal titolo Land Art sulle produzioni di artisti come Boezem, Dibbets, Flanagan, Long, De Maria, Oppenheim e Smithson. Nel 1970 è la volta di Identifications che documenta le azioni e le performance di 20 artisti internazionali quali Anselmo, Beuys, Boetti, Brown, Buren, Calzolari, De Dominicis, Van Elk, Fulton, Gilbert&George, Kuehn, Merz, Rinke, Rueckriem, Ruthenbeck, Serra, Sonnier, Walther, Weiner, Zorio.

  1. Fluxus e Happening Art (Joseph Beuys, Giuseppe Chiari, Allan Kaprow, Nam June Paik)
    Gli esponenti del movimento Fluxus sono attratti dall’idea di un’arte totale che combina musica, danza, poesia, teatro e performance.

  1. Artisti che lavorano in performance (Marina Abramovic, Eleanor Antin, Christian Boltanski, Simone Forti, Rebecca Horn, Joan Jonas)
    La performance art si sviluppa grazie al lavoro di artisti concettuali che utilizzano il proprio corpo come mezzo espressivo.

  1. Linguistica e tautologie (Vincenzo Agnetti, John Baldessarri, Dan Graham, Maurizio Nannucci)
    Il video diventa un mezzo di riflessione e di esplorazione del linguaggio visivo e verbale.

  1. Autoriflessioni (Vito Acconci, Douglas Davies, Ketty La Rocca, Arnulf Rainer)
    Con la videocamera gli artisti esaminano la loro identità individuale e il rapporto uomo e società.

  1. Esperimenti elettronici (Ed Mellnik, Pamela Shaw, Nina Sobel, Woody Valsuka, Bill Viola)
    Procedimenti tecnici d’avanguardia rendono possibile la manipolazione del segnale elettronico.

  1. Estensione della ricerca artistica attraverso il video (Alighiero Boetti, Daniel Buren, Les Levine, Urs Lüthi, Giulio Paolini, Lucio Pozzi)
    La diffusione di nuove tecnologie video produce un allargamento del campo della sperimentazione.

Video Medium Intermedium
Mostra di video d’artista degli anni Settanta
dalle collezioni ASAC – Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia

a cura di Bice Curiger

Villa Rufolo
Piazza Duomo, Ravello

24 giugno – 8 settembre 2012

Orari: 9.00 – 20.00
Info: boxoffice@ravellofestival.cominfo@villarufolo.it
www.ravellofestival.com
www.villarufolo.it



Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi