Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Sedi varie | 12-23 settembre 2012

È iniziata la 17° edizione di Milano Film Festival che continuerà sino al 23 settembre 2012. Centro nevralgico del festival sarà come sempre il Teatro Strehler di Milano, al quale si affiancano numerosi altri luoghi della città, che si animeranno per 12 giorni di cinema, musica e incontri con ospiti e registi internazionali. Le location di questa edizione 2012 sono il Teatro Studio, il Parco Sempione, lʼAuditorium San Fedele, Anteo spazioCinema, Spazio Oberdan, Cinema Ariosto, Cinema Palestrina, Cinema Rosetum e Cascina Cuccagna.

Per lʼedizione 2012 si consolida la doppia direzione artistica di Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, i più giovani direttori del panorama italiano delle kermesse cinematografiche, che anche per il 2012 curano un festival attento alle nuove produzioni e al cinema indipendente, dallʼidentità tesa alla ricerca e alla scoperta del cinema innovativo, coraggioso, di qualità. In programma il CONCORSO LUNGOMETRAGGI, aperto solo a opere prime e seconde di registi provenienti da ogni parte del mondo, e il tradizionale CONCORSO CORTOMETRAGGI, riservato a registi under 40, affiancati da SEZIONI FUORI CONCORSO, film in anteprima, ospiti, workshop, eventi paralleli.

CONCORSO INTERNAZIONALE LUNGOMETRAGGI

Esiste un cinema diverso? La domanda si pone attraverso i 12 film selezionati in anteprima italiana, come Lʼâge atomique di Héléna Klotz, lʼopera prima Un gând, un vis, Doyle… şi-un pix (A Dreamʼs Merchant) del rumeno Bogdan Ilie-Micu, China Heavyweight di Yung Chang, Le sommeil dʼor di Davy Chou; Chocó di Jhonny Hendrix Hinestroza e La Playa D.C. di Juan Andrés Arango, This Time Tomorrow, esordio di Shane Bissett, Toată Lumea din Familia Noastră (Everybody in Our Family) di Radu Jude, il documentario di Raphaël Siboni Il nʼy a pas de rapport sexuel.

CONCORSO INTERNAZIONALE CORTOMETRAGGI

Riservato ad autori under 40, il concorso, composto da 46 opere, vuole essere una panoramica e mostra la ricchezza del cortometraggio, un cinema che ha poco mercato ma molta creatività da spendere, soprattutto giocando sulla trasgressione e la rilettura dei generi, come A film by Thomas de Brabanter con il divo francese Mathieu Amalric; Fireworks dellʼitaliano Giacomo Abbruzzese, Menzione Speciale David di Donatello 2012, storia di una distruzione sullo sfondo di Taranto dilaniata dallʼIlva; Life and Freaky Times of Uncle Luke di Jillian Mayer, ispirato a “La Jetée” di Chris Marker.

OMAGGI E RETROSPETTIVE
  • ITALIA 80. QUANDO LA TELEVISIONE PROVÒ A MANGIARSI IL CINEMA
    Milano Film Festival presenta “Italia 80. Quando la televisione provò a mangiarsi il cinema”, unʼampia retrospettiva collettiva (in due atti) dedicata al cinema italiano degli anni 80. Un’occasione preziosa per riscoprire e rivedere sul grande schermo le opere che hanno segnato un decennio del nostro cinema ancora poco indagato, e spesso trascurato. Una fase critica, in cui la televisione commerciale indebolisce il sistema-cinema e ne cambia irreversibilmente le regole; ma anche il decennio in cui le esperienze indipendenti italiane si organizzano intorno ai nuovi festival, e in cui una serie di talentuosi esordienti tenta nuove strade, rifiutando l’eredità per certi versi ingombrante del grande cinema italiano del passato. Come evento speciale della rassegna, in programma anche la tavola rotonda “Essere indipendenti, ieri come oggi: Indigena, Gaumont, i Festival” sulle esperienze produttive e i festival di quegli anni alla luce delle esperienze attuali; il tempo è passato ma, allora come oggi, fare rete è l’unica chiave per emergere della produzione indipendente.
  • MR POSTER PRESENTS: PLAY IT AGAIN, WOODY!
    Evento speciale e molto atteso dellʼedizione 2012 è la rassegna sulla musica nel grande cinema di Woody Allen, curata dal celebre music supervisor Randall Poster, nuovamente ospite del Milano Film Festival dopo lo scorso anno. Poster presenta e analizza sette grandi classici del cinema alleniano, mettendone in luce la costruzione musicale e la scelta dei brani non originali, e rivelando curiosità sui leggendari artisti che fanno da sfondo musicale a opere indimenticabili come Annie Hall, Manhattan, Hannah and her sisters.
  • OMAGGIO A BEN RIVERS
    In collaborazione con Filmmaker e con il sostegno di British Council, un tributo alla filmografia completa di uno dei maggiori e innovativi documentaristi inglesi contemporanei, il quarantenne Ben Rivers, il cui percorso sconfina da tempo nei territori della sperimentazione e contaminazione artistica. Il suo ultimo lavoro, che è anche il suo primo doc lungo, Two Years at Sea è stato presentato a Venezia nel 2011 e il suo ultimo doc corto Sack Barrow ha vinto il premio per il miglior film a Filmmaker 2011.
  • THE OUTSIDERS
    Torna la rassegna “fuori categoria” del Milano Film Festival: anteprime, inediti, opere senza distribuzione, pellicole invisibili, film a mezzanotte, al tramonto e all’alba. Tutto ciò che non sta da nessun’altra parte, è un outsider. Da quest’anno la sezione comprende anche i documentari musicali.
  • COLPE DI STATO
    Ottava edizione della rassegna COLPE DI STATO, che si sofferma sulla realtà complessa del sistema di potere nel mondo, con undici documentari e altrettanti sguardi sulla contemporaneità. Colpe di Stato è la sezione destinata dalla sua nascita, sette anni fa, a raccontare il nostro presente – puntando il dito su responsabilità che spesso sfuggono alla cronaca e all’informazione ufficiale.
  • INCONTRI ITALIANI
    Un panorama delle più recenti e interessanti produzioni del cinema italiano.
  • CINEMA IN UN AMBIENTE DIVERSO
    È invece la rassegna che promuove la sostenibilità ambientale attraverso il cinema, realizzata in collaborazione con Air Dolomiti e Aeroporto di Monaco, che prevede cinque lungometraggi selezionati da festival internazionali, e i 3 cortometraggi vincitori del concorso Ecocorti, che da maggio a luglio ha presentato sul sito tracieloeterra.aeroportodimonaco.it una selezione di 15 cortometraggi a tema, votati poi dagli utenti. Una giuria di esperti assegnerà il premio al miglior film.

  • FOCUS ANIMAZIONE
    Se lo scorso anno il Focus Animazione ha guardato al confine tra cinema e nuovi media, la selezione di questʼanno sembra esprimere un chiaro ritorno allʼautorialità, esplorando le potenzialità del cinema, da un punto di vista narrativo e sperimentale. Due i lungometraggi presentati: due opere complesse e inconsuete, da studiare e da godere in una notte di fine estate. Infine, in collaborazione con VisitSweden, una panoramica dellʼanimazione svedese contemporanea: sette opere scelte per mostrare il fermento in questo settore, mettendo in luce la predominanza di animazioni in stop-motion, tecnica tradizionale che qui si piega alla volontà di stupire, sperimentare, rielaborare.
  • VERNIXAGE
    VerniXage, la rassegna dedicata allʼincontro tra cinema e video arte, prosegue unʼindagine sugli spazi interstiziali tra estetiche, linguaggi, tecnologie e circuiti distributivi differenti che dovrebbero rappresentare il futuro del nostro orizzonte culturale. Il dialogo tra cinema e arte contemporanea è raccontato da Anna Franceschini, che parte dal cinema per declinare le potenzialità dellʼaudiovisivo con una molteplicità di soluzioni linguistiche; dal “cinema espanso” del collettivo romagnolo ZAPRUDERfilmmakersgroup dalla ricerca di Carlos Casas e dai suoi paesaggi ai confini del mondo creati attraverso un intimo dialogo tra immagine e suono; dallʼeclettismo dellʼisraeliano Roee Rosen che spazia dalle arti visive alla letteratura, passando per il cinema; dalla giustapposizione di realtà e finzione nellʼopera di Duncan Campbell, che in Arbeit riscrive la storia recente della finanza internazionale ritraendo Hans Tietmeyer, protagonista del panorama finanziario europeo tra gli anni ʼ80 e ʼ90; dalla complessità linguistica di Invernomuto e dalle sue opere ripensate per la sala cinematografica del Milano Film Festival.

VAI AL PROGRAMMA

Milano Film Festival
17. Edizione

12 – 23 settembre 2012

Sedi varie, Milano
Teatro Strehler, Teatro Studio, il Parco Sempione, lʼAuditorium San Fedele, Anteo spazioCinema, Spazio Oberdan, Cinema Ariosto, Cinema Palestrina, Cinema Rosetum e Cascina Cuccagna

Info: +39 02 713613 – info@milanofilmfestival.it
www.milanofilmfestival.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi