Ti sarà inviata una password per E-mail
MONTRÉAL | FESTIVAL DU NOUVEAU CINEMA | 21 ottobre 2011

In occasione della 40esima edizione del prestigioso Festival du Nouveau Cinéma di Montréal dedicato al cinema d’innovazione, Zapruder presenta i primi due film brevi del progetto SPELL – The Hypnotist Dog e Suite, premio Persol 3D alla 68. Mostra del Cinema di Venezia – e la Prima Mondiale del live concert Suite per tennis da tavolo e organo.


Chamber Cinema
A 3D film about Oscar, a hypnotist dog with supernatural powers

Il progetto SPELL nasce come componimento misto, a ricalcare la natura sfaccettata dello stesso lemma da cui muove. Spell infatti corrisponde ad incantesimo, formula magica, malia, ma è anche un lasso temporale, un momento, ciò che in meteorologia viene indicata come ondata; ed è il compitare una dietro l’altra le lettere che compongono una parola. Denominatore comune a tutti i progetti Spell è la dualità, il doppio, inteso come compartecipazione ad un’economia unitaria; la combinazione di elementi Spelltende a dar luogo ad accadimenti criptici e solenni dalla manifestazione incerta o quanto meno sospetta. Del progetto fanno parte 2 film brevi, 2 installazioni audiovisive ed un concerto/performance.

The Hypnotist Dog

(Film, 20 min., HD stereoscopic, Col., 2011) 

Con:
Werner Hirsch nel ruolo di Master;
Chimera nel ruolo di Oscar, il cane ipnotizzatore;
Monaldo Moretti nel ruolo di membro della troupe;
Nadia Ranocchi voce intervistatrice

Credits: Scritto e diretto da David Zamagni & Nadia Ranocchi; Direttore della fotografia: Monaldo Moretti; Assistente alla fotografia e capo elettricista: Manuel Zani; Operatore: David Zamagni; Montaggio: David Zamagni, Nadia Ranocchi; Stereografi: David Zamagni, Monaldo Moretti; Suono in presa diretta: Manuel Zani; Set design: David Zamagni, Nadia Ranocchi; Dog trainer: Stefano Cavina; Post produzione stereoscopica: David Zamagni, Monaldo Moretti; Colorist: Andrea ‘Mario’ Marini; Mix audio: Mattia Dallara; Traduzioni: Nadia Ranocchi, Luca Scarlini; Attrezzature cinematografiche LM Cineservice;

Canzone di Oscar | voce: Oscar; armonica: Fernando Villa; chitarra: Andrea Ambrosino

Produzione: ZAPRUDER; Coproduzione: Leonardo Monti, Cristina Zamagni.

Sinossi: Oscar é un cane dai poteri paranormali, le persone sedute al suo cospetto si assopiscono assolte dalle costrizioni quotidiane. Il cane ha scelto Werner Hirsch come suo Master e medium. I due danno conto del loro dono ad una troupe televisiva intervenuta per documentare questo involontario oggetto di culto, cinomorfo.

Suite

(Film, 5 min., HD stereoscopic, col., 2011)

Con: Paolo Bisi, Li Weilong, Elena Biserna, Eleonora Amadori

Credits: Scritto e diretto da David Zamagni & Nadia Ranocchi; Direttore della fotografia: Monaldo Moretti; Assistente alla fotografia e capo elettricista: Manuel Zani; Montaggio: David Zamagni, Nadia Ranocchi; Stereografi: Lilliwood; Post-produzione stereoscopica: David Zamagni, Monaldo Moretti; Suono in presa diretta: Manuel Zani, Francesco ‘Fuzz’ Brasini; Mix audio: Mattia Dallara; Colorist: Andrea ‘Mario’ Marini; Set design: David Zamagni, Nadia Ranocchi; Attrezzature cinematografiche: LM cineservice

Produzione: ZAPRUDER;

Co-produzione: Leonardo Monti

Sinossi: Tra gli esperimenti sulla telepatia, negli anni ‘70 un parapsicologo americano, Charles Honorton, introdusse il metodo cosiddetto di Ganzfeld (campo uniforme) in cui uno dei due soggetti in esame veniva deprivato sensorialmente con due mezze palline da pingpong applicate sugli occhi e in cuffia un indistinto rumore di fondo. Questa condizione gli avrebbe facilitato la ricezione di informazioni e immagini provenienti dal soggetto posto nella stanza accanto. Suite è un gioco di stanze comunicanti.


Suite per tennis da tavolo e organo

(live concert, 30 min.)

Credits:
Annie Laurin: organo

con: Célestin Bouchard & Xavier Thérien – FTTQ (Federation Tennis de Table du Quebec)

Mattia Dallara: microfoni e suono

ideazione e regia:  David Zamagni & Nadia Ranocchi – ZAPRUDER

produzione: ZAPRUDER 2011

Le performance sonore di Zapruder nascono come estrusioni di scene originariamente filmate per i progetti cinevideo del gruppo. Nel concerto Suite, come per il film breve, due atleti si cimentano in una partita di pingpong. Il tempo e il ritmo di questa “suite” è scandito dai ponghisti in un’esecuzione tra racchetta, tavolo, racchetta.

ZAPRUDER Filmmakersgroup
SPELL – The Hypnotist Dog  | Suite | Suite per tennis da tavolo e organo
FESTIVAL DU NOUVEAU CINEMA

21 ottobre 2011, alle ore 20.30
Quartier général, Montréal (Canada)
www.nouveaucinema.ca
www.zapruderie.com

Zapruder Filmmakersgroup
nasce dal sodalizio tra David Zamagni e Nadia Ranocchi, a loro si unisce nel 2001 Monaldo Moretti e risale al 2006 l’inizio della collaborazione con il musicista Francesco Brasini. Dal 2005 il gruppo esplora ed applica i principi delle tecniche stereoscopiche per la produzione di film e installazioni che recuperano le tecniche del cinema 3-D, progettando e costruendo sia i dispositivi di ripresa stereoscopica sia quelli di visione realizzando ciò che il gruppo definisce ‘Cinema da Camera’, sorta di cinema incarnato e tattile ma anche forma di teatro incorporeo. Nel gennaio 2011 ha inaugurato zapruderie.com, galleria on line completamente anaglifa  con estratti della produzione stereoscopica di Zapruder. Oltre a una costante presenza in autorevoli festival e sedi espositive internazionali (fra cui Centre Pompidou di Parigi, Museo Reina Sofia Madrid, Triennale di Milano, Rencontres Internationales Paris/Berlin/Madrid, StadtKino Wien, Biennale de l’image en mouvement Ginevra, Milanesiana, Steirischer Herbst Graz, Kunsten Festival des Arts Brussel) contributi significativi del lavoro di Zapruder sono legati alla collaborazione con compagnie di spicco del teatro di ricerca italiano quali Motus Fanny&Alexander Romeo Castellucci / Societas Raffaello Sanzio. Tra i riconoscimenti: Werkleitz Award al 48° Oberhausen Short Film Festival 2002, Premio Iceberg 2002, Premio Riccione TTV Performing Arts on Screen 2006, Premio “Lo Straniero” 2010; nel 2011 Zapruder ha ricevuto il  Premio Persol 3D alla 68. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia per “la pionieristica riscoperta e applicazione delle tecniche stereoscopiche, unita a una ricerca coerente e radicale, che rendono l’uso del 3D in Zapruder scelta linguistica necessaria mai accessoria, fino a incidere sulla dimensione temporale dell’immagine”. Zapruder ha base a Roncofreddo (FC); collaboratori assidui ai progetti del gruppo sono il sound designer Mattia Dallara, Andrea ‘Mario’ Marini, web e digital effects, Leonardo Monti, co-produttore dei progetti di Zapruder dal 2008, ed Elena Biserna.

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi