Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Frigoriferi Milanesi | 21 – 23 settembre 2012

Torna la prima vetrina italiana della moda etica

Dopo il successo dell’edizione 2011, torna a Milano So Critical So Fashion il primo evento in Italia dedicato alla moda critica e indipendente. Da venerdì 21 a domenica 23 settembre, la prestigiosa location di Frigoriferi Milanesi, ospiterà 50 realtà selezionate, nel panorama nazionale e internazionale, che avranno a disposizione un corner per la vendita della collezione in corso e l’anteprima della creazioni P/E 2013.
Giunto alla sua terza edizione, So Critical So Fashion, si conferma come l’appuntamento di riferimento della moda etica durante la settimana della moda milanese. Tre giorni di eventi, incontri e workshop per presentare al pubblico una moda che segue principi di responsabilità etica, sociale e ambientale senza rinunciare a bellezza, innovazione e tendenze. Protagonisti dell’evento saranno stilisti, artigiani e produttori attenti alla qualità e all’ambiente, marchi di sartoria ricercata ed indipendente i cui prodotti finali sono il risultato di una precisa ricerca di materiali, di artigianalità innovativa e recupero di antiche tradizioni, ma anche di scelte di produzione, packaging e distribuzione attente all’impatto ambientale.

Tra le novità di quest’anno Ligneah: una linea di borse, portafogli, cinture e cappelli interamente realizzata… in legno! Si tratta di un innovativo materiale realizzato con sottilissimi fogli di legname certificato FSC, accoppiato con un tessuto e microinciso con laser: l’effetto finale è del tutto paragonabile ad una morbida pelle naturale, ma realizzata con materie prime completamente vegetali e sostenibili. La collezione, presentata in anteprima a So Critical So Fashion, vuole fornire un’alternativa all’utilizzo della pelle animale nel settore moda a favore di materiali innovativi e con un impatto ambientale inferiore.
“Recuperare, riutilizzare, ricreare” saranno alcuni tra i leit motiv dell’edizione 2012. Ne sono esempio le creazioni di Caracol: gioielli cruelty free realizzati a mano con materiale recuperato dalle discariche, o gli stravaganti accessori per capelli di Moku in stile vintage, creati con ritagli di tessuto e inserti originali come metri da sarta e rocchetti di filo o vecchi ingranaggi di sveglia. Esempio di originalità e artigianalità sono i gioielli aromatici di Lalu: spezie incastonate in resine colorate che ne mantengono l’aroma, creando così accessori insoliti e profumati, e gli sfiziosi ventagli da collo di Cadò.
All’interno della tre giorni il visitatore di So Critical So Fashion potrà partecipare a workshop in cui imparare a creare o personalizzare accessori e capi di abbigliamento, assistere a performance di artisti, gustare cibo a km zero e ascoltare musica live e dj-set.

Anche quest’anno il pubblico avrà la possibilità di partecipare ad uno shooting professionale: i visitatori potranno indossare un capo in esposizione e sottoporsi ad una seduta di make-up personalizzato, realizzato con cosmetici biologici e naturali. Tra gli scatti realizzati durante i tre  giorni verrà selezionata la protagonista della prossima campagna pubblicitaria di So Critical So Fashion.
L’evento ospiterà anche momenti di incontro per addetti ai lavori, esperti di moda, istituzioni e cittadini che vorranno confrontarsi sul tema della moda critica a Milano e all’estero. Non mancheranno spunti di riflessione sul “sistema moda” come il documentario-inchiesta “Behind the label”, che indaga sull’altra faccia del cotone indiano: le conseguenze e sull’impatto ambientale e sociale che ha causato l’utilizzo dei semi geneticamente modificati in India, secondo produttore della fibra tessile più utilizzata al mondo.

“The price is Rice” è, invece, un progetto che analizza le condizioni di lavoro delle donne bengalesi che ricamano secondo l’antica tecnica khanta, realizzato dagli studenti di Naba (Nuova Accademia di Belle Arti) e dall’Associazione Solidarietà Terzo Mondo Onlus di Sondrio. Quanto riso vale un capo di abbigliamento in tessuto Khanta? Vale a dire, quanto guadagna un’artigiana per il proprio lavoro, in termini di riso? La stima è stata realizzata confrontando i prezzi del settore moda tradizionale con quelli commercio equo e solidale. Il progetto ha portato alla produzione di un grembiule ricamato, a tiratura limitata, in vendita durante i tre giorni di So Critical So Fashion. La Provincia di Milano, che patrocina e sostiene l’evento, presenterà due progetti dedicati ai giovani creativi: Start in Style metterà a disposizione risorse per la formazione delle necessarie competenze e per la costruzione degli adeguati strumenti per affrontare la competizione internazionale.
Fashion in Fiber: mostra–concorso di abiti realizzati con fibre tessili di recupero, per dare una vita nuova vita ai tessuti dismessi e creare nuovi codici di stile e design. So Critical So Fashion diventa, dunque, la casa del nuovo Made in Italy e presenta una moda dall’alto valore aggiunto, che unisce etica ed estetica, bellezza e rispetto, qualità e innovazione.

So critical so fashion
III edizione

Frigoriferi Milanesi
Via Piranesi 10, Milano

21-23 settembre 2012

Orari: venerdì 21, ore 11.00–17.00 ingresso su invito, riservato a giornalisti e addetti ai lavori | ore 17.00–23.00 ingresso gratuito e aperto al pubblico | sabato 22, ore 10.00–22.00 | domenica 23 ore 10.00–20.00 | Ingresso libero e gratuito
Info: info@criticalfashion.it
www.criticalfashion.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi