Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | La Triennale | 11 ottobre – 4 novembre 2012

Doppio appuntamento per Dior a La Triennale di Milano con la mostra Lady Dior As Seen By – che presenta le creazioni di circa 80 nomi noti al mondo dell’arte che hanno interpretato la borsa Lady Dior – e il premio Lady Dior As Seen By / A New Generation of Italian Artists, dedicato ai giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Brera anche loro chiamati a rivisitare la leggendaria borsa.

Sono 24 i  nomi dei giovani selezionati: Pietro Agostoni, Rosario Caponetti, Alessandro Carano, Maria Giovanna Cicciari, Donatella di Cicco, Isabella Costabile, Lisa Dalfino, Antonio Gramegna, Dario Guccio, Luca Lomonaco, Chiara Luraghi, Daniele Milvio, Anna Mostosi, Marco Mucci, Francesco Musci, Mario Pellegrini, Matteo Pomati, Nuvola Ravera, Giacomo Rossetti, Francesco Joao Scavarda, Filippo Maria Selvaggio, Davide Stucchi e Massimo Vaschetto. A chiamarli dei professionisti del settore e  insegnanti a Brera – Laura Cherubini, Filippo De Filippi, Giacinto Di Pietrantonio, Alberto Garutti, Fabrizio Gazzarri e Andrea Lissoni – che hanno indicato 4 nomi ciascuno. Una giuria internazionale (Mariuccia Casadio, Giulio di Gropello, Chus Martinez, Chiara Parisi, Andrea Viliani) ha poi scremato ulteriormente a 12 progetti pubblicati nel catalogo del premio. Fra i dodici la seconda giuria ne ha infine scelti due, Alessandro Carano e Davide Stucchi, le cui opere sono ora esposte in Triennale.

La Lady Dior ha sempre ispirato i più grandi artisti di tutto il mondo: fotografi, artisti visivi, video artist e registi di spicco hanno raccontato la storia di una misteriosa Lady Dior, impersonata da Marion Cotillard, nelle capitali del mondo, proiettando la borsa ai vertici del patrimonio culturale della Maison Dior. Prima di diventare un couturier, monsieur Dior fu un gallerista appassionato ed esperto. A Parigi fu il primo a esibire le opere di Calder, Dalì, Mirò, e Giacometti e espose anche lavori di Picasso, Dufy, Ernst e Klee. Una delle sue migliori clienti fu Gertrude Stein. Il giovane uomo che aveva sognato di frequentare le accademie d’arte rimase vicino agli artisti per tutta la sua vita, al punto che questa sua fervente passione si può trovare anche nel cuore delle sue creazioni e di quelle dei suoi successori.

Una passione per l’arte che è fondazione stessa dell’identità più profonda della Maison e che oggi alimenta un vibrante dialogo tra la borsa Lady Dior – icona assoluta della Maison – e i lavori degli artisti più talentuosi. Da David Lynch a John Cameron Mitchell, da Patrick Demarchelier a Arne Quinze, per passare attraverso i lavori di Wen Fang, Maarten Baas, Olympia Scarry e Recycle Group e approdare a quelli degli Italiani Luca Trevisani e del duo Vedovamazzei. Per finire con le opere di Alessandro Carano e Davide Stucchi, i due vincitori del concorso.

La galleria immagini che abbiamo pubblicato fa parte del “reportage” fotografico di Nuvola Ravera e Davide Pambianchi presenti alla serata dell’opening in Triennale a Milano. Tra le gli scatti anche il lavoro presentato da Nuvola Ravera tra i finalisti del progetto Lady Dior As Seen by realizzato in collaborazione con l’Accademia di Brera.

La borsa Lady Dior

La borsa Lady Dior fu creata nel 1995 e regalata dalla première dame di Francia a Lady Diana, principessa del Galles e beniamina dei media di tutto il mondo, che era in visita a Parigi per la mostra di Cezanne. La principessa la portò sempre con sé e ne ordinò una di ogni variante. L’impuntura a cannage della borsa, i cerchi dorati che ne collegano il corpo rettangolare ai manici arcati e le lettere dorate pendenti – omaggio alla passione di Christian Dior per i ciondoli portafortuna – ne hanno fatto un accessorio Iconico degli ultimi 15 anni. Creata in pelle o in pellami esotici, la raffinatezza suprema della Lady Dior e il suo stile couture le conferirono fin da subito una classe che non conosce confronti.

Lady Dior.  Lady Dior as Seen By / A New Generation of Italian Artists
a cura di Cloe Piccoli

11 ottobre – 4 novembre 2012

Triennale di Milano
Viale Alemagna 6, Milano

Orari: martedi – domenica, 10.30 – 20.30 | giovedi, 10.30 – 23.00
Info: +39 02 724341 –  bpiovella@christiandior.fr
www.triennale.it
www.dior.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi