Intervista a MARGOT ZANNI di Francesca Di Giorgio

Margot Zanni al Fuorisalone 2016, Palazzo Turati, Milano

Margot Zanni al Fuorisalone 2016, Palazzo Turati, Milano. Foto: Francesco Romeo

Sulla home di Dalani.it alla voce “internazionale” ci accorgiamo di tante bandiere quante sono i luoghi in cui questo “giovane” e-commerce ha messo piede. Quattordici Paesi nel Mondo. Oltre all’Italia e alla Germania, il gruppo è presente in Spagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Austria, Svizzera, Brasile, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Russia e Kazakistan.

Margot Zanni, fondatrice e style director dell’azienda italiana Dalani Home & Living insieme a Diego Palano, Mattia Riva e Karim El Saket, ci racconta che: «Appena qualche mese dopo la fondazione dell’e-commerce in Germania, dove è conosciuto con il nome di Westwing, nel novembre 2011 lo stesso modello di vendite online esordisce in Italia.
L’idea è stata quella di costruire una sorta di shoppable Magazine, un sito che le persone potessero consultare ogni giorno come una rivista, potendo al contempo comprare, così da poter riprodurre nelle proprie abitazioni gli stili, le soluzioni per la decorazione e le idee di arredamento proposte». Un approccio che fa di Dalani un “luogo” dove un prodotto è contestualizzato anche grazie ai suggerimenti del magazine

Dalani al Fuorisalone, Orto Cinetico, Milano

Dalani al Fuorisalone 2016, Orto Cinetico, Milano. Foto: Francesco Romeo

Da Style Director, Margot si occupa dello stile del sito, ma anche di branding e dei contenuti editoriali del Magazine collegato all’e-commerce, dettando le linee guida dell’immagine coordinata del sito e delle selezioni di arredi presentate online. È anche per questo che la scorsa settimana, durante la design week milanese, ci siamo fatti accompagnare dai suoi consigli, ora, per chiudere il cerchio: qualche riflessione sulla settimana del design e qualcosa di più sul suo lavoro…

Dalani al Salone del mobile 2016, Diesel Living, Milano - Rho Fiera

Dalani al Salone del mobile 2016, Diesel Living, Milano – Rho Fiera. Foto: Francesco Romeo

Riflessioni sulla Milano Design Week appena conclusa?
Il trend più forte messo in evidenza dal Salone del Mobile 2016 è riconducibile al concetto di interiorità, inteso come modo di vivere la casa. La concretizzazione del desiderio di vivere un ambiente cosy, confortevole, in grado di proteggerci dal mondo esterno. Ormai sommersi da continui stimoli derivanti dai social media, da una vita indaffarata e convergente, la casa deve trasformarsi in un rifugio personale.
Questo concetto chiave si collega a quello di spiritualità. Mai come in questo caso, infatti, il design diviene “interior”, nella ricerca personale che ognuno di noi compie del proprio essere e della propria personalità, appunto, all’interno della casa.
L’altro grande trend raccontato dal Salone del Mobile 2016 di Milano, legato al concetto di interiorità ma nettamente distino da questo, è legato alla filosofia del “Bring the outside in“, del ricreare una dimensione naturale anche all’interno della casa: portare indoor il verde che si trova al di fuori, nei prati e nei boschi.

Orientarsi tra i marchi con cui collaborare. Quali linee guida seguire?
Per poter valutare al meglio i brand, individuarne di nuovi e scegliere quelli da presentare ai nostri utenti, cerco di tenermi aggiornata il più possibile tramite fonti diverse, sia italiane sia estere. Prendo ispirazione dai migliori, dai quali si può sempre imparare qualcosa e mi confronto direttamente con le persone, a partire dal mio team. Inoltre, mi documento su siti americani, scandinavi, magazine di settore, tenendo sempre d’occhio i nuovi progetti dei personaggi più influenti nel mondo del design e della decorazione di interni.

Fuorisalone 2016, Ladies and Gents

Fuorisalone 2016, Be&Liv, Ladies and Gents. Foto: Francesco Romeo

Due o tre fonti D.O.C. per essere sempre aggiornati?
Le fiere di settore, come il Salone del Mobile e Maison&Objet, sono la fonte principale per essere sempre aggiornati sull’arredamento e la decorazione. Qui, infatti, è possibile trovare un’altissima concentrazione di spunti interessanti. Se, invece, si vogliono anticipare i tempi e prevedere quali saranno i trend della casa, è fondamentale seguire la moda: le nuove tendenze passano sempre dalle passerelle.
Da non dimenticare, poi, il nostro Magazine online, un concentrato di pratici consigli d’arredamento, suggestioni e qualche regola per una casa perfetta ed elegante, nuovi esempi di soluzioni abitative concrete da cui trarre ispirazione, interviste e approfondimenti sui principali trend di arredamento e design.

Giovani designer da tenere d’occhio?
Innanzitutto Lee Broom, designer britannico che durante quest’ultimo Salone del Mobile ha presentato la sua ultima collezione di luci “Optical” all’interno del suo studio-furgone guidato direttamente da Londra a Milano, una soluzione espositiva di certo originale e d’impatto. Molto interessante anche Be&Liv, brand scandinavo guidato dal creative director Janne Uusi-Autti. Una bellissima scoperta avvenuta durante questo Salone al primo piano di Palazzo Litta. Amore a prima vista, i delicati vasi mono fiore mi hanno conquistata. C’è poi Lanzavecchia + Wai, una collaborazione creativa tra una designer di Milano e un designer di Singapore. Il risultato è divertente, eclettico e moderno come la collezione Play play presentata all’ultimo Salone.

PLAYplay L+W for Journey East Entire. Collection. Foto: Davide Farabegoli

PLAYplay L+W for Journey East Entire. Collection. Foto: Davide Farabegoli

Se dovessi definire il “gusto Dalani”?
Il gusto di Dalani.it può essere sintetizzato da tre aggettivi – ispirazionale, femminile e pratico – aggettivi che contraddistinguono anche il nostro pubblico di riferimento, costituito a grande maggioranza da donne. Dalani.it è uno shopping club ispirazionale, in grado di proporre tante idee e soluzioni home & living sempre nuove e diverse, che si contraddistinguono per una forte femminilità e per la capacità di essere adatte ad ogni occasione.

Ci racconti qualcosa che non sappiamo sullo stile “shabby (chic)”, diventato un vero trend negli ultimi anni?
Lo shabby chic è uno stile amato da chi apprezza il fascino del passato. I mobili e i complementi così definiti riproducono l’effetto dell’usura del tempo, lasciando intravedere le precedenti lavorazioni e il legno grezzo sottostante. Ci sono, poi, le decorazioni che accompagnano questi mobili, contraddistinte da un gusto retrò molto romantico, come delicate alzatine in vetro e ceramica, barattoli, caraffe, ceste di vimini e nastrini. Ciò che non tutti sanno è che anche lo shabby chic può risultare freddo e impersonale. Ciò accade quando si sceglie di arredare tutta la casa in un unico stile. Per evitare questo effetto consiglio sempre di combinare fra loro elementi stilistici diversi, seguendo il proprio gusto e l’istinto. Il mix & match è il segreto per rendere l’ambiente davvero personale.

Lee Broom, Optical Light, Fuorisalone 2016, Foto: Lea Anouchinsky

Lee Broom, Optical Light, Fuorisalone 2016, Foto: Lea Anouchinsky

Esistono oggetti passepartout che danno carattere alla casa?
L’elemento che più di ogni altro riesce a dare calore e personalità all’ambiente è l’illuminazione. Dei punti luce ben studiati e di qualità riescono letteralmente a trasformare una stanza, rendendola accogliente e confortevole. Un altro accorgimento che può rivelarsi davvero strategico è la personalizzazione delle mura di casa: un tocco di colore o la scelta di una bella carta da parati su una sola parete della stanza può dare un effetto eccezionale.

Cosa portarsi a casa da un viaggio?
Avendo un’indole da viaggiatrice, sono quel tipo di persona che predilige la praticità negli spostamenti. Per questo consiglio di concentrarsi su piccoli oggetti, che possono portare con sé il ricordo del viaggio con discrezione o quegli elementi, come i tessuti, che possono essere trasportati comodamente e offrono tantissimo della cultura e dell’artigianalità di un luogo.

Oltre all’e-commerce avete firmato linee di design. Collaborazioni attive e all’orizzonte?
Fino ad ora abbiamo realizzato delle piccole capsule collection, ma la nostra intenzione è di svilupparne delle altre. Personalmente trovo il confronto con le aziende molto stimolante ed è una vera soddisfazione contribuire alla nascita di progetti interessanti. Fra questi c’è senz’altro la Allude Home Collection, la prima collezione per la casa firmata dal brand tedesco specializzato nel cashmere, composta da cuscini, plaid e boule per l’acqua calda. Un’altra capsule, presentata lo scorso anno, è quella che abbiamo realizzato assieme a Crespi Milano, con cui abbiamo sviluppato l’esclusiva profumazione per la casa “Love your home”, caratterizzata da note fiorite e aromatiche.

Allude Home Collection, 2015

Allude Home Collection, 2015

Contenere i costi e proporre prodotti scontati anche del 70%…
La nostra natura di e-commerce ci permette di abbattere gran parte dei costi. I grandi volumi di vendita, favoriti dalla temporaneità delle offerte – su Dalani.it presentiamo delle flash sales delle durata media di cinque giorni – e il rapporto diretto con i produttori ci consentono di presentarci con prezzi competitivi e in linea con l’offerta del mercato e di offrire così prezzi realmente vantaggiosi ai nostri clienti.

A grande richiesta da parte di un’amica: quando lanciate le offerte sul vintage potete aggiungere più oggetti? Vanno a ruba subito!
Sono felice che qualcuno si sia accorto delle nostre offerte vintage e che ci segua anche per questo. Abbiamo sempre presentato questo settore sul sito, ma è soltanto da settembre che abbiamo iniziato a riservargli un appuntamento fisso, ogni due sabati, e ci siamo accorti che è stato fondamentale per dargli maggiore visibilità e comunicarlo meglio ai nostri iscritti.
Terrò presente la richiesta della tua amica e, visto che è un’appassionata, devi dirle di non perdere il vintage corner berlinese, che presenteremo il mese prossimo. Non posso ancora svelare la data, ma sarà certamente di sabato.

Info: www.dalani.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •