Ti sarà inviata una password per E-mail
VENEZIA | Forte Marghera – Parco del contemporaneo
15 settembre – 28 ottobre 2012

A Forte Marghera un’ampia esposizione dedicata all’arte contemporanea di Taiwan. Si tratta del quarto appuntamento in Veneto del progetto Two Points, la cui ultima edizione ha aperto nel 2011 il Festival di Asolo e che viene presentato a Forte Marghera in una edizione completamente rinnovata grazie all’impegno di Chen Mei Yuan, curatrice che svolge il suo lavoro fra Taiwan e il Veneto, dopo aver compiuto i suoi studi all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Così il lavoro di curatore/curatrice si rivela essere una volta ancora un ponte fra culture diverse, una messa in relazione fra situazioni e paesi che si vengono di fatto sempre più avvicinando non solo quale conseguenza dei processi di globalizzazione economica e produttiva, ma anche grazie alla progettazione culturale, come elemento qualificante della libera circolazione delle idee e delle persone. A questo rimanda il titolo dell’intera rassegna Two points, cioè a tracciare una linea di congiunzione fra punti geograficamente remoti, rassegna che, per l’edizione di quest’anno, adotta l’immagine di un punto cardinale, con cui usualmente si connota il quadrante orientale dell’Italia, come voluta sottolineatura della specificità del progetto per Forte Marghera – Parco del Contemporaneo: Near East Far East.

Ed è proprio sulla apparente dicotomia di quel che ci è vicino e di quel che è lontano che si articola la proposta espositiva basata su una decina di artisti, molto noti a Taiwan e internazionalmente, fra cui un collettivo composto a sua volta da una trentina di membri. Che Venezia si sia rivolta a Oriente per creare la sua primazia è cosa risaputa, così come è veneziano il viaggiatore per eccellenza, Marco Polo. Ora non è più tempo di viaggi fuori dall’ordinario, l’estrema penetrazione delle tecnologie informatiche (su cui Taiwan ha basato una parte molto rilevante della sua crescita economica) e la pervasività della comunicazione ha effettivamente steso una capillare rete sul mondo. Ma è altrettanto vero che questa apparente prossimità che rende tutto vicinissimo con la ‘semplice’ digitazione di un indirizzo web, sembra librarsi, sospesa nella rapidità degli scambi e delle informazioni, in una globosfera comunicativa senza più avere luoghi concretamente da attraversare e a cui riferirsi. Quando si parla di identità, e di identità culturale, in realtà si parla anche di questa connessione mancante con un ‘qui e ora’, che sia in grado di restituirci un senso non ovvio della prossimità, di farci risentire il contatto con un luogo da abitare e vivere.

A Taiwan la complessità del rapporto fra un’economia da tigre asiatica, l’incalzante sviluppo tecnologico, le sopravvivenze di aspetti tradizionali, la funzione svolta per lunghi decenni di fortezza militare di contro alla Cina continentale, il conseguente rapporto con modelli occidentali di sviluppo, ha generato di fatto una particolarissima condizione dell’immaginario collettivo. Entro questa condizione, e cercando un nuovo senso dell’identità da riconoscere come propria, si muove molta dell’arte contemporanea taiwanese, facendo di Formosa (l’isola bella dei portoghesi) un punto privilegiato per osservare i profondi cambiamenti dell’area pacifica. Un viaggio inconsueto fra graffiti e pitture, installazioni, video arte, performance, calligrafie; un racconto dove è l’arte a proporre una intensa riflessione sul tempo presente, sulla realtà e su come possa essere espresso il senso di una ritrovata vicinanza alle cose. Una riflessione che riconsidera anche, ed è forse uno degli aspetti più sorprendenti del viaggio che viene proposto a Forte Marghera, quale sia il senso del passato e della religiosità in una società contemporanea globalizzata. In fondo non è inutile ricordare che a Taiwan sono ancora moltissimi i templi dedicati a Metsu, madre ancestrale che protegge la gente di mare e che regge nella mano il simbolo a spirale dell’infinito.

Testo di Riccardo Caldura


Two Points
– Edizione 2012
Forte Marghera – Parco del contemporaneo

NEAR EAST FAR EAST
a cura di Chen Mei-Yuan

con la collaborazione di Riccardo Caldura

Inaugurazione 15 settembre, ore 18.00
15 settembre – 28 ottobre 2012

Incontri con gli artisti

  • venerdi 14 settembre, ore 16.00
    aula didattica: Pittura nel quartiere e nella vita quotidiana
  • sabato 6 ottobre, ore 18.00
    Mr. Candle: acrobatic performance

Forte Marghera, Venezia – Mestre | Padiglione 36
Via Forte Marghera 30, Venezia Mestre

Orari: da giovedì a domenica dalle 17 alle 22
Info: +39 041 5319706
www.fortemarghera.org
www.parcodelcontemporaneo.it

Artisti: Shi Jin-Hua 石晉華 Huang Ning 黃甯 Huang Ming- Cheng 黃明正 Tu Wei -Cheng 涂維政 Ho I-Ting 侯怡亭 Hsu Wei-Hui 徐薇蕙 Ko Liang -Chih 柯良志 Wu Chi -Tsung 吳季璁 Tsai Shiu-Cheng 蔡旭晟 Formosa Wall Painting Group (Bywood) in collaborazione con Chiang Yao-Hsien 蔣耀賢

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi