Ti sarà inviata una password per E-mail
BOLOGNA | LABS Gallery | 7 maggio – 7 giugno 2016

di CHIARA SERRI

Segno, ironia e storie di ordinaria follia. Una mostra che nasce come un’ipotesi tutta da verificare, da una scelta curatoriale che, a partire da alcune connessioni stilistiche e formali, ipotizza un dialogo immaginario tra Vanni Cuoghi (Genova, 1966) e Marcel Dzama (Winnipeg, Canada, 1974), artisti che si sono formati in differenti ambiti culturali e che oggi vivono ad oltre 6.000 chilometri di distanza. L’incontro “reale” – non dei due autori, ma delle loro opere – avviene alla Labs Gallery di Bologna con Masked Tales, doppia personale a cura di Ivan Quaroni.

Vanni Cuoghi, Sibilla 1, 2016, china e acquerello su carta, cm. 70x100

Vanni Cuoghi, Sibilla 1, 2016, china e acquerello su carta, cm. 70×100

In esposizione, undici inchiostri ed acquerelli su carta di Dzama, realizzati nei primi anni Duemila, e quindici opere recenti di Cuoghi, dall’acquerello al paper cutting, dai Monolocali alla tecnica mista su tela. E qui qualcosa “accade”. Tra le ricerche dei due artisti, sfasate da un punto di vista temporale di una quindicina d’anni, si crea una connessione, generata da affinità di ordine linguistico e narrativo.

_MG_1069 copia (Copia)

Marcel Dzama, Senza titolo, 2003, disegno, inchiostro e acquerello su carta, cm. 35,6×27,9

Ad accomunarli, la carta, supporto d’elezione per entrambi, anche se Vanni Cuoghi dipinge pure su tela (ricordate la mostra allestita nel 2013 a Crema?) e la recente produzione di Marcel Dzama comprende anche pittura, scultura e cinema, evidenziando quella maggiore leggerezza che The Guardian ha sintetizzato, a ragione, nel motto “More dancing, fewer guns”. Una frase che, con significato inverso, si potrebbe associare anche al lavoro dell’artista italiano, tra citazioni colte, divertissement e regressione all’infanzia.

Ma torniamo alle assonanze formali. Oltre alla predilezione per la carta, li accomuna anche un segno grafico che rimanda al mondo del fumetto e l’impostazione teatrale della scena, a volte conchiusa in un perimetro circolare, a volte incorniciata da quinte prospettiche.

«L’illustrazione – spiega Vanni Cuoghi – viene beffata e usata solo come “abito” da entrambi. Dzama raffigura frame di storie senza capo né coda, il cui senso profondo è sempre avvolto dal mistero. Io, invece, metto sul piatto tutti gli ingredienti di una storia che di fatto non racconterò mai, chiedendo a chi guarda di riportarmi la sua versione dei fatti».

Labs Gallery, allestimento Masked Tales

Labs Gallery, allestimento Masked Tales

Orsi, gangster e poliziotti per Dzama, figure ricorrenti di un immaginario erotico-macabro che non censura mai se stesso, sublimando la violenza in colori pacati per creare sfasamento ed incanto. Intagliatrici e Sibille per Cuoghi, nella cui iconografia, scrive Quaroni, «si fondono il mito classico delle amazzoni e l’immaginario visivo steampunk e cyberpunk […], sebbene il teatro delle loro gesta non sia la megalopoli, ma una natura astratta, mentale, popolata di animali totemici e disseminata di rovine medievali». 

Vanni Cuoghi, Monolocale 44, Discorsi da salotto, 2016, acquerello e china su carta, cm. 21×30

E ancora maschere, occultamento del volto, definizione non di persone, ma di personaggi, che rivelano l’ambiguità della pittura, tesa a costruire mondi paralleli, ma anche l’ambiguità della società in cui viviamo dove, direbbe Pirandello, «Nulla è come sembra».

 

Vanni Cuoghi e Marcel Dzama, Masked Tales
a cura di Ivan Quaroni

7 maggio – 7 giugno 2016

Labs Gallery
Via Santo Stefano 38, Bologna

Info: +39 348 9325473
info@labsgallery.it
www.labsgallery.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi