Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | HangarBicocca | 31 gennaio – 4 maggio 2014

di MATTEO GALBIATI

Untitled, Vorkuta, Mindfall, 432 Hz e Sub: solo cinque opere, eppure tanto potenti e coinvolgenti. Cinque grandi installazioni, ambientali, percorribili, vivibili. Cinque “macchine della meraviglia” che Micol Assaël (1979) ha preparato per la sua personale negli spazi di HangarBicocca con un allestimento sobrio, efficace, preciso. Un mostra che testimonia le precise scelte e proposte di Andrea Lissoni che, anche in questa occasione, ci conferma non solo la sua attenta indagine e ricerca critica nell’ambito delle esperienze degli artisti più attuali e innovativi, che sempre propone nello spazio milanese da lui diretto, ma anche la sua raffinata capacità di individuare progetti che – benchè complessi – sanno far presa sulla sensibilità del pubblico e lo coinvolgono, lo stupiscono, lo affascinano.

Micol Assaël, 432Hz, 2009-14, installazione, legno, cera d’api, miele, impianto elettrico, audio, 330x475x575 cm Foto Agostino Osio Courtesy Micol Assaël, Museo MADRE, Napoli e Fondazione HangarBicocca, Milano

Non è un caso che chi scrive, nelle due volte che ha avuto modo di visitare questa esposizione, ha verificato, toccandoli con mano, il successo e il riscontro della gente per questa mostra: lunghe file e molte presenze per un Hangar visitato da artisti, da famiglie, da un pubblico davvero vario ed eterogeneo. Micol Assaël, inoltre, con questi interventi riesce a sottolineare anche la naturale propensione di HangarBicocca nell’accogliere e evidenziare la forza e la grandiosità di opere che difficilmente sarebbero ugualmente godibili, con tanta libertà e suggestione, come avviene in questo luogo.

Micol Assaël, Sub, 2014, installazione, vetro, ferro, generatore Kelvin (acqua, plastica, conduttori, lavandino), 360x465x520 cm Foto Agostino Osio Courtesy Micol Assaël e Fondazione HangarBicocca, Milano

Chi visita la mostra si trova ad affrontare cinque ambienti chiusi, quasi impenetrabili e, forse, apparentemente ostili (solo Sub, opera prodotta da Pirelli per questa occasione, è completamente trasparente e lascia vedere chi la vive in un gioco di dentro/fuori) in cui Assaël ricava uno spazio performativo dove il visitatore stesso diventa l’agente primario della loro definizione. Non resta ammiratore passivo, ma rientra appieno nella determinazione tangibile e ultimativa delle opere. Ed ognuno ne ricava un’esperienza unica, personale, individuale, intimamente privata.
Affascinata dai fenomeni fisici, naturali, da situazioni estreme e al limite, l’artista romana ricrea ambienti – sono vere e proprie stanze – le cui condizioni sollecitano la fisicità dei sensi di chi vi entra: odori, suoni, rumori, venti violenti, sciamare di api, scariche elettriche, freddo intenso, motori accesi, gocciolare d’acqua, strani congegni… Condizioni disarmanti e al contempo attraenti, straordinarie e minacciose, si dislocano in uno spazio che si trasforma in una sorta di sala macchine dello stupore, dove si incontrano e convivono la logica del sapere tecnico-scientifico con la dialettica e la libera associazione dell’immaginazione del singolo individuo, sollecitato tanto nel fisico, quanto nel pensiero.

Micol Assaël, Senza Titolo, 2003, installazione, ventilatori, ferro, cavi elettrici, vetro, scintille, 258x500x500 cm Foto Agostino Osio Courtesy Micol Assaël e Galleria Zero, Milano

Aperta da un titolo impronunciabile – accostamento di termini greci che lo rendono uno scioglilingua misterioso e criptico – questa mostra ci trasporta nel pieno della visionarietà dell’artista, dei suoi gusti, delle sue memorie, delle sue ossessioni, delle sue passioni e dei suoi interessi. Elementi che ci fanno conoscere la personalità, schiva e riservata, di una ragazza che non ama il clamore dei riflettori, ma lascia alla forza comunicativa delle sue opere il suo raffinato pensare, il vigore intellettuale della propria riflessione. Se al grande pubblico forse il suo nome è poco conosciuto, a dispetto della giovane età, il suo curriculum testimonia, invece, un percorso di tutto rispetto con la partecipazione ai maggiori eventi artistici internazionali come la Biennale di Venezia o Manifesta e le esposizioni nei più prestigiosi musei internazionali dal Palais de Tokyo alla Kunsthalle di Basilea.
Si potrebbero descrivere una ad una queste sue cinque installazioni, sarebbe bello parlare dell’emozione veramente stupefacente che si prova a viverle, ma sarebbe sempre troppo riduttivo e limitante, un torto all’ampiezza di senso che ci regalano. Solamente – ed è già moltissimo! – perché i lavori di Micol Assaël vanno, e devono essere, vissuti. Senza mezze misure, senza filtri, senza condizionamenti.

Micol Assaël, Mindfall, 2004-07, installazione, cabina con vetri appannati (container), motori elettrici, cavi elettrici, fumo, tavoli, sedia Mixed media, 252x557x250 cm Foto Agostino Osio Courtesy Micol Assaël e Johann König, Berlin

La mostra, che prosegue fino a maggio, vogliamo consigliarla vivamente a tutti.
Data la natura particolare delle installazioni si ricorda che le visite sono contingentate e per questo è necessaria e consigliata una prenotazione preventiva.
Una sola avvertenza ci sentiamo di dare: si devono lasciare fuori tutti i pregiudizi, le sovrastrutture e le preclusioni verso l’arte contemporanea per farsi vivere dalla sollecitazione libera che i lavori di Micol Assaël sapranno suggerire. Non vanno vissute come il classico carrozzone del divertimento da lunapark, come accade spesso per altre situazioni, in cui l’arte attuale perde senso e si trasforma in un divertimento sciocco, banale e superficiale. Qui tutto è retto da una forte e sobria intelligenza e da una salda e netta presenza d’animo. Percebili ovunque, in ogni minimo elemento, in ogni parte, in ogni sensazione, in ogni ingranaggio e dispositivo meccanico.
Bisogna lasciarsi trasportare, lasciarsi toccare dentro e sentire quell’imprevedibile stimolo che può dare la conoscenza quando assume un’altra, imprevedibile, forma e manifestazione.

Micol Assaël. ILIOKATAKINIOMUMASTILOPSARODIMAKOPIOTITA
a cura di Andrea Lissoni 

31 gennaio – 4 maggio 2014

HangarBicocca
Via Chiese 2, Milano 

Orari: da giovedì a domenica 11.00-23.00
Ingresso libero 

Info:
+39 02 66111573
info@hangarbicocca.org
www.hangarbicocca.org

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi