Ti sarà inviata una password per E-mail
a cura di Sponge Arte Contemporanea

Intervista a SITE SPECIFIC

Una nuova avventura, pellegrinando per l’Italia tra strutture autonome che, dall’interno di un sistema statico, tentano di indicarci nuove direzioni di sperimentazione e di contaminazione tra mondi altri.
Sponge ArteContemporanea invita a conversare gli indipendenti più affini, in un interscambio di contenuti, attraverso una serie di dialoghi tra realtà che condividono una “comunione d’intenti” e una linea di pensiero comune.
Per questo primo appuntamento, Sponge chiama SITE SPECIFIC. Perché come Sponge, SITE SPECIFIC porta l’arte contemporanea in luoghi nuovi da abitare e vivere.
Il luogo d’azione è Scicli (RG) cittadina del ragusano Patrimonio dell’Umanità, dove il barocco siciliano avvolge e coinvolge. A “costruire” gli eventi i membri dell’associazione Culturale PASS/O attiva dal 2008. Qui strutture pubbliche e private vengono messe in rete, in funzione di una riflessione sull’identità e le problematiche culturali di un territorio.

Qual è la genesi di SITE SPECIFIC (PASS/O – CLANG – SITE SPECIFIC) le tappe, l’evoluzione, il qui e ora?
L’associazione culturale PASS/O è stata fondata nel 2008. La prima sede ufficiale è stata inaugurata a Modica nella storica via Grimaldi. Successivamente per volontà del Direttore Artistico Sasha Vinci, PASS/O si sposta a Scicli in una nuova sede, dove prosegue l’attività di ricerca sviluppando diversi progetti d’arte contemporanea: mostre personali, collettive, installazioni urbane, workshop.
Nel dicembre del 2012 PASS/O, in partnership con l’impresa di produzione s.r.l. DEARTE, inaugura il progetto CLANG, uno spazio di ricerca che sperimenta un nuovo modo per generare valore fondendo espressioni artistiche con innovazioni imprenditoriali.
CLANG era un piccolo spazio multifunzionale in un’intima casa del ‘900 situata nel centro storico di Scicli, in via Francesco Mormino Penna. Luogo d’arte, di costruzione e di partecipazione CLANG ha visto coinvolti numerosi artisti del panorama nazionale ed internazionale e autorevoli critici e curatori – Francesca Alfano Miglietti, Antonio Arévalo, Luigi Fassi, Zara Audiello, Salvatore Davì, ecc…
Nel settembre del 2013 l’entusiasmante esperienza con il progetto CLANG volge al termine, l’Associazione Culturale PASS/O decide di espandere l’indagine delle arti contemporanee in nuovi luoghi, in nuovi spazi di ricerca in cui “abitare ed esistere”. Da un’idea di Sasha Vinci, nasce SITE SPECIFIC un progetto ambizioso e di ampio respiro che mette in rete alcune strutture pubbliche e private della città di Scicli.
SITE SPECIFIC si sviluppa per volontà di un gruppo di giovani professionisti – Sasha Vinci, Marilina Buscema, Francesca Vinci Mortillaro, Maria Grazia Galesi – che si confrontano e investono nella propria città per generare un impulso alla sperimentazione, per raggiungere, attraverso l’arte, obiettivi comuni.
È così che prende forma una realtà dinamica che necessita di interagire con spazi differenti; interventi site-specific che trasformano Scicli in uno spazio da vivere, in cui gli artisti lasciano tracce e segni del loro transito.
Attualmente SITE SPECIFIC comprende:
SITE CHURCH | Chiesa di Santa Maria della Consolazione | Via Santa Maria La Nova – Scicli
SITE CHURCH è un esempio splendido di barocco siciliano, una chiesa monumentale nel cuore del centro storico di Scicli. Nelle cinque sale della parte absidale SITE SPECIFIC aspira a creare un museo dinamico e sperimentale.
SITE ART | Spazio di Ricerca per le Arti Contemporanee | Via Catena n.20 – Scicli
Uno spazio espositivo volto alla ricerca e alla sperimentazione delle arti contemporanee che sarà inaugurato a dicembre 2013. All’interno sarà allestito un art shop per presentare manufatti e oggetti realizzati “con arte” dal Laboratorio di Ricerca Creativa.
SITE GARDEN | Giardino della Chiesa San Giovanni Evangelista | Via Spadaro – Scicli
Un piccolo giardino incastonato nel cuore barocco del centro storico di Scicli. Un’oasi mediterranea immersa in un’atmosfera di suoni, aromi, luci, parole, un luogo in cui sostare e rilassarsi per assistere ad eventi di natura diversa.
SITE LAB | Laboratorio di Ricerca Creativa
Il Laboratorio di Ricerca Creativa ha l’obiettivo di rigenerare il settore manifatturiero e dell’artigianato attraverso l’interazione con la creatività degli artisti.
Nasce dal desiderio di riconoscere alla tradizione dell’artigianato in Sicilia, il valore che ha avuto nello sviluppo culturale e artistico dell’intera regione.
SITE RESIDENCE | Case d’arte
SITE SPECIFIC comprende anche tre case d’arte, messe a disposizione dagli ideatori del progetto per offrire ospitalità alle personalità coinvolte nei diversi eventi.

Chiesa di San Matteo, Scicli, Foto: Sasha Vinci

Che cosa significa operare nella provincia siciliana?
La Sicilia, a partire dalla sua stessa natura territoriale e dalla sua collocazione geografica, è “centro”, punto di mezzo del Mediterraneo, un territorio dalle immense potenzialità in gran parte inespresse.
Scicli è una splendida città d’arte animata da un’intensa vivacità culturale e da una luce che permea tutto, un luogo che emoziona e coinvolge appieno i cinque sensi, in un viaggio che ha il sapore primario di un’esperienza estetica. Svolgere un’attività creativa, di sperimentazione delle arti contemporanee in una cittadina che deve ancora esprimere il suo vero potenziale è un’esperienza entusiasmante. Emerge un’insolita creatività, un dinamismo progettuale con una forte identità. Per una seria attività professionale è necessario però mantenere uno sguardo attento sull’età contemporanea, per non chiudersi in circuiti provinciali che rischiano di limitare la ricerca.
SITE SPECIFIC è infatti una realtà in movimento che si disloca per creare sempre nuove possibilità di dialogo e relazioni con altre realtà nazionali e internazionali.

SITE SPECIFIC si presenta con ORGANUM un progetto multisensoriale dove le arti visive incontrano la musica, location la chiesa consacrata di Santa Maria della Consolazione di Scicli, ce ne parlate?
Santa Maria della Consolazione – SITE CHURCH – è una chiesa consacrata che diventa spazio d’interazione ed espressione per le arti contemporanee.
Un bene monumentale denso di memorie, in cui gli artisti – Rebecca Agnes, Daniele Cascone, Claudio Cavallaro, Doren, Francesco Lauretta, Sebastiano Mortellaro, Piero Roccasalvo Rub, Lino Strangis, Sasha Vinci & Maria Grazia Galesi – in occasione di ORGANUM hanno creato delle opere che dialogano con l’ambiente, l’architettura, la simbologia. ORGANUM, scritto da Sasha Vinci e Daniela Galesi, è il primo evento a cura di SITE SPECIFIC ideato come una performance culturale per trasformare Scicli in un Teatro Vivo. Un progetto in cui discipline diverse si uniscono e si concretizzano nell’esecuzione di un evento unico che ci incoraggia ad osservare e tutelare con attenzione il passato per connetterlo con l’età contemporanea.
Le opere concepite per ORGANUM interagiscono con il luogo che le accoglie e attraversano i suoni, i pensieri, le memorie di una collettività, creano una forte analogia fra la metafora anatomica e quella musicale: l’organo come corporeità in relazione con l’organo in quanto strumento musicale.
La città di Scicli ha obliato la cura e l’amore per l’arte organaria. Oggi gli organi rimangono involucri vuoti e immobili nelle chiese, dimenticati, degradati, ricordi appannati di un passato glorioso. Attraverso il progetto ORGANUM gli antichi strumenti concettualmente hanno risuonato e tramite i differenti linguaggi dell’arte è stata rievocata la loro memoria. Il Progetto ORGANUM ha ricevuto il riconoscimento scientifico dell’Associazione Culturale “Il Saggiatore musicale”; vanta il patrocinio di Enti autorevoli come: Dipartimento delle Arti di Bologna, Regione Siciliana – Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Ragusa, Diocesi di Noto, Comune di Scicli.

Organum è una sorta di work in progress nella città, ultima fase il 27 dicembre, che cosa accadrà?
La particolarità di ORGANUM è quella di essere un progetto che si articola nel tempo in tre differenti momenti.
La prima fase si è svolta all’interno della chiesa di Santa Maria della Consolazione – SITE CHURCH – con gli interventi di arte contemporanea.
In occasione della seconda fase del progetto si è tenuta una conferenza nella chiesa di San Michele Arcangelo sui temi trattati dallo Special Project Organum, in cui sono intervenuti come relatori la Dott.ssa Daniela Galesi, il Maestro Organaro Antonio Bovelacci, la Prof.ssa Maria Rosa De Luca, il M° Andrea Macinanti, il M° Diego Cannizzaro, Don Antonio Sparacino e Sasha Vinci. A conclusione della conferenza il pubblico si è spostato nella chiesa di Santa Maria La Nova per assistere al concerto per organo del M° Andrea Macinanti.
L’ultima fase del progetto si svolgerà il 27 dicembre e vedrà coinvolto il M° Diego Cannizzaro, che eseguirà un concerto per organo nella chiesa di Santa Maria La Nova.

Non ci fermiamo a SITE SPECIFIC, un altro innesto SEM, Spazi Espressivi Monumentali, che cos’è? Perché la necessità di costruire una piattaforma altra dalla neonata Site Specific?
SITE SPECIFIC è una piattaforma in cui si sperimentano prevalentemente le arti contemporanee e nasce in seno all’associazione PASS/O.
SEM, acronimo di Spazi Espressivi Monumentali è un modello di sviluppo sostenibile che a Scicli ridisegna la gestione integrata dei monumenti, unendo strategie fieristiche sostenibili a contenuti culturali, dell’arte e delle tradizioni.
Gli ideatori di SEM, sono tutti professionisti che hanno scelto di vivere e costruire il proprio futuro in Sicilia. Sensibili a nuove visioni e ispirati dal grande potenziale della città, provano a restituire memoria, identità e funzione economica, agli spazi culturali e monumentali di Scicli, trasformandoli in motore trainante per le attività turistico-commerciali, e spingendo tutti i cittadini a partecipare attivamente.
Con SEM i beni monumentali spesso chiusi e inaccessibili, si aprono a nuove possibilità, diventando contenitori di eventi culturali, organizzati in una rete di servizi che osserva nuove prospettive ed esalta le diverse identità di Scicli.

SEM si presenta con Rubino, dall’1 al 3 novembre. Tra le 10.00 e le 18.00, i palazzi, le chiese, le piazze e le colline di Scicli, diventano un unico itinerario dedicato al vino e alla cultura, qual è l’importanza di un evento di questo genere? Snocciolateci il calendario…
Il vino ha sempre avuto varie interpretazioni simboliche, è un antico prodotto della terra, elegante e raffinato, che ben rappresenta la tradizione e la cultura mediterranea. Ispirati dai molteplici significati che racchiude, dal colore intenso e dal profumo inebriante, il team di SEM ha ideato un viaggio sensoriale che vede il vino protagonista. L’evento Rubino si sviluppa in più fasi e luoghi della città di Scicli. Si inizia con l’Expo delle migliori case vinicole siciliane accolte nelle sale e nei chiostri del Convento della Croce, si continua con le degustazioni guidate a cura dell’AIS Sicilia e Slow Food Modica in centro storico e le “cene con i produttori” presso i ristoranti convenzionati.
Durante i tre giorni della manifestazione SEM ha ideato DITHYRAMBUS, un percorso dedicato all’arte contemporanea, alla musica e alla poesia per dar vita ad un ritmo di linguaggi creativi, un “canto corale” che si espande sul tessuto urbano della città.
SEM ravviva i monumenti della città di Scicli, spazi espressivi che altrimenti rimarrebbero chiusi e silenziosi.

Info:

www.passonontemporanea.it

www.clangsite.it

www.sitespecific.it

www.semscicli.it

 

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi