BOLOGNA | Autostazione | 28 – 31 gennaio 2016

L’arte contemporanea fa ancora fermata all’Autostazione di Bologna dove, per l’art week cittadina, torna a rinnovarsi l’appuntamento con SetUp Contemporary Art Fair.
La quarta edizione della manifestazione si presenta ancor più ricca, configurandosi come appuntamento atteso per la varietà dei suoi contenuti e per il format innovativo e dinamico che rappresenta, ritagliatasi uno spazio di eccellenza tra le manifestazioni fieristiche italiane, coinvolge, infatti, un pubblico ampio ed eterogeneo che nel tempo ha confermato il suo successo.

Raffaele Montepaone, Memoria, 2015, stampa fine art, 50x75 cm, Carta Canson Infinity Plantine Fibre 310, Pannello D-Bond 3 mm, serie LIFE, RNN PROJECT

Cresciuta nel numero delle gallerie partecipanti, che in questa nuova edizione toccano le 44 presenze, la fiera vanta anche numerose adesioni internazionali le quali, provenienti da Spagna, Germania, Regno Unito e Stati Uniti, sottolineano il prestigio conseguito da SetUp.
Tema di quest’anno, scelto da Simona Gavioli (Presidente di SetUp Contemporary Art Fair) e da Alice Zannoni (Direttore), è L’Orientamento e, inteso quale facoltà peculiare nel comprendere dove ci si trova o come rotta da seguire, si allinea con le scelte tematiche delle precedenti edizioni, sempre scelte nel segno di recepire le nuove tendenze artistiche connesse all’attualità del nostro tempo.
Secondo il consueto format basato su progetti curatoriali che legano un curatore under 35 e almeno un artista under 35, le scelte espositive si allineano alla proposta suggerita dal tema, guardando all’articolata soluzione del nostro domani e quali rotte occorre perseguire per raggiungerla.

Nacho Zubelzu, Serie Oro Parece, 2015, GALERIA ESTELA DOCAL, DRAWING IN THE WORLD

Un lungo fine settimana per vivere, gustare e apprezzare il ricco calendario (vedi) di proposte che comprendono quattordici Special Project che raccolgono opere inedite e innovative; l’interessante proposta di Drawing the world curato da Mónica Álvarez Careaga; sei solo show oltre alle tradizionali partecipazioni negli stand delle gallerie; un Vip Program dedicato a un selezionato gruppo di grandi collezionisti italiani ed europei; la SetUp Wrapping Station, servizio dedicato all’imballaggio delle opere acquistate.
Ad attendere gli spettatori, negli spazi dell’Autostazione non manca neppure una serie di incontri che, aperti al pubblico e previsti per il Programma Culturale dell’Area Talk, si suddividono in ben 18 appuntamenti, ulteriore contributo al progetto culturale della fiera.
Ritorna anche la Rassegna Performativa In Corpo 6 curata da Giovanni Gaggia per Sponge ArteContemporanea, in cui, per il sesto anno, questo peculiare codice espressivo si promette di rivitalizzare i contenuti, le percezioni e le visioni del vigente sistema dell’arte.

Maria E Santiso Ventana al alma, 2015, disegno e filo, Barcel one

Durante i giorni di SetUp, come di consueto, saranno assegnati sette diversi premi rivolti ad artisti, curatori, gallerie e pubblico: il Premio SetUp per artisti e curatori under 35 presentati dalle gallerie i cui vincitori (€1.000 sono destinati al migliore artista, €500 al miglior curatore) vengono indicati dai comitati scientifico e direttivo della fiera; la seconda edizione del Premio Residenza Sponge ArteContemporanea; il Premio >>43 gradi in Sardegna – zona 9, con l’esperienza formativa di residenza per dieci giorni presso lo Studio Casa Falconieri in Sardegna. Tornano due riconoscimenti, il Premio Dispensa, con la pubblicazione dell’opera nel numero di marzo dell’omonima rivista, e il Premio Emil Banca 2016 che, con il pubblico nel ruolo di giuria popolare, assegna un premio di 500 Euro all’opera vincitrice che, di pari valore, viene assegnata a sorte tra tutti i partecipanti.

Vincenzo, Frattini, Senza titolo 3-15, 2015, colore acrilico scolpito su legno e resina, Bonelli LAB

Le novità di questa edizione sono: il Premio Fusion Art Gallery, promosso dalla Fusion Art Gallery di Torino che offre un premio residenza all’interno della sua programmazione, e il Premio Luis.it, assegnato a una delle gallerie partecipanti. I vincitori dei Premi saranno proclamati venerdì 29 gennaio (ore 20.00-21.00) presso l’Area Talk, con l’unica eccezione del Premio EmilBanca 2016, per il quale di dovrà attendere domenica 31 gennaio (ore 19.00) presso l’area talk per permettere al pubblico di votare fino a sabato sera. Infine con SetUp+ la fiera si apre al capoluogo emiliano con un contenitore di eventi ospitati in città con 45 diversi progetti espositivi.
Completano la proposta fieristica il Bookshop, l’Area Editoria, l’area di ristoro del Ristorante Il Lumachino e il Kinder SetUp, spazio dedicato ai più piccoli.

SetUp Contemporary Art Fair 2016
comitato Direttivo Simona Gavioli e Alice Zannoni
comitato scientifico Silvia Evangelisti, Giuseppe Casarotto

28 – 31 gennaio 2016
Inaugurazione 28 gennaio 2016 ore 20.00
dalle 23.00 presso gli spazi della Velostazione SetUp Party, in consolle Marco Maldarella accompagnato dai visual di Andrea Masciadri e dal  DJ set curato da Alivelab 

Autostazione
Piazza XX Settembre 6 angolo Via dell’Indipendenza, Bologna 

Orari: 29 e 30 gennaio ore 17.00-1.00; 31 gennaio 12.30-22.00
Ingresso €5.00

Info: info@setupcontemporaryart.com
www.setupcontemporaryart.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •