Ti sarà inviata una password per E-mail
BOLOGNA | spazio abc | 30 novembre 2013 – 10 gennaio 2014

di MATTIA ZAPPILE

Lo spazio abc di Bologna propone quindici inediti dell’artista americano – ma napoletano d’adozione – Ryan Mendoza. Chromophobia, a Ryan Mendoza, Helen Street-Detroit- Michigan-85x110 cm-olio su lino-2013discapito del titolo, è un pantheon di colori e sfumature tanto potenti da scomparire di fronte alla figura che tratteggiano. Pittore che rifugge ogni semplicistica classificazione, Mendoza è uno dei rari esempi d’artista capace di coniugare il grande successo commerciale con quella autenticità del gesto pittorico che forse sopravvive oramai solo negli spazi privati e amatoriali, nelle pagine di qualche diario pieno di bozzetti mai condivisi. Proprio questa sembra essere la cifra interpretativa e insieme la chiave del successo delle sue tele: se pur ogni opera trasuda un’istintualità, una forza creativa prorompente, l’attenzione al dettaglio e la perfezione della tecnica danno spessore ad una collezione di ritratti che sfiorano l’oggettualità materica del reale.

Un primo e ancora distante sguardo alle tele preannuncia e risveglia suggestioni primitiviste e fauves. Poi l’occhio, ormai giunto al cospetto dei volti e dei corpi, scorge il chiaroscuro del colore, la potente architettura mai astratta e prospettica, bensì affidata alla pennellata e al potere della luce. Padronanza tecnica e intensità del pathos sono gli ingredienti attraverso cui Mendoza costruisce uno spazio tanto virtuale quanto oggettivo nel quale l’osservatore si ritrova catapultato, quasi costretto ad una intimità scandalosa con l’anima dell’altro.

Ryan Mendoza, Abandoned house interior with large wig-250x200cm-2011-13 bassa

La personale in mostra presso l’associazione culturale abc, ideata con intelligenza, riesce a creare una profonda armonia tra la poetica del pittore e lo spazio espositivo. Accompagnano i quindici inediti una conversazione tra Mendoza e l’ex presidente americano G. W. Bush ed Everything is mine, diario personale dell’artista. Pagine e parole che danno ulteriore profondità e senso al discorso che già le tele costruiscono, rivelando la complessa e profonda personalità dell’autore. Dalle fobie di una politica rifuggita, anche nella scelta di vita europeista – Berlino, Parigi e soprattutto Napoli sono le sue città adottive – al peso di un passato che, come emerge dalle confessioni sussurrate di Everything is mine, non può che essere carico di rimpianti per le corde emotive di un così viscerale e sincero artista.

Estremamente permeabile alle influenze di una realtà tanto privata quanto pubblica, scandagliata con quella profondità e franchezza che solo l’artista può sopportare, Ryan Mendoza espone le sue e le nostre phobie consegnandoci oggetti scolpiti con le cromie di una luce passata attraverso le lenti della pulsione più profonda.

Ryan Mendoza. CHROMOPHOBIA

30 novembre 2013 – 10 gennaio 2014

Associazione culturale abc
Via Farini 30, Bologna

Orario: dal lunedì al sabato dalle 16 alle 20

Info: www.abcbo.it

 

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi