Ti sarà inviata una password per E-mail
MATERA | Palazzo Pomarici | 14 luglio – 5 settembre 2012

Primo appuntamento per la rassegna musicale del MUSMA Dal segno al suono. Dal suono al segno dedicata, in questa III edizione, al compositore americano John Cage in occasione del centenario della nascita. Roberto Masotti e Giuseppe Appella hanno presentato la mostra 4CAGEwalls (1999/2012), evoluzione multimediale e performativa del Cage Wall, ideato per il palcoscenico del Teatro Piccolo Regio di Torino nel dicembre 1999, in occasione del John Cage Party, festa musicale a cura di Carlo Boccadoro con musiche di John Cage e i musicisti di Sentieri Selvaggi. Roberto Masotti condivide questo progetto che diventa poi una installazione a carattere fotografico/teatrale, inserendosi nel gruppo dei Lavori Musicali.
Il Cage Wall viene riproposto poi in luoghi e forme diverse fino ad alleggerirsi e divenire più essenziale tralasciando una certa sfacciata enfasi scenica, sino a giungere al MUSMA completamente rinnovato e con il titolo 4CAGEwalls.


Allestita nel piano superiore di Palazzo Pomarici sino a 5 settembre 2012, giornata conclusiva della rassegna musicale, la mostra accoglie numerose fotografie in cornici di varie fogge e dimensioni (molte delle quali create da Cecé Casile) e i video Looking for Cage (2007) di Roberto Masotti e Live-mix-demo, Open Cage (2007) realizzato con Lino Greco e Gerardo Lamattina per il festival Milano Musica, con la musica di Alvin CurranLe fotografie in mostra immortalano l’innovatore della musica del Novecento nella sua casa a New York davanti ad un bonsai, mentre il compositore cucina, ride e gioca a scacchi con Grete Sultan o insieme a Tenee Duchamp su un taxi a Bonn. Istantanee del fotografo ravennate che catturano Cage quando scrive o compone davanti alla pensione Calcina a Venezia, mentre beve una tazza di te macrobiotico o acquista radici al mercato di Porta Palazzo a Torino; mentre è nei boschi di Montestella d’Ivrea o in un ristorante, sempre macrobiotico, davanti all’Antico Squero a Venezia dove si fabbricano e riparano gondole. Tra gli scatti del fotografo ufficiale del Teatro alla Scala di Milano, John Cage figura al teatro lirico di Milano per le prove di “Empty Words” o sul Treno di Cage, straordinaria installazione sonora nata dalla creatività del compositore statunitense in viaggio dalla stazione di Bologna il 26 giugno del 1978 alla volta di Rimini,  Ravenna  e  Porretta. Masotti registra i momenti di quel viaggio alla ricerca del tempo perduto, quando sedici microfoni disposti nelle carrozze raccoglievano i rumori del treno mentre alcuni altoparlanti disposti sui tetti delle carrozze erano pronti ad entrare in funzione durante la sosta nelle stazioni. E, infine, in compagnia di Merce Cunningham, David Tudor, Aldo Clementi e dello stesso Masotti, autore di questo singolare racconto fotografico vissuto accanto allo straordinario compositore statunitense, un fondamentale punto di riferimento per Masotti (come Duchamp, Man Ray, Bussotti, Feldman, Sun Ra, Braxton, Mengelberg e Godard), e con il quale ha operato in stretta collaborazione. Il suo ricordo di una mostra su Cage e con Cage a Torino, nel maggio del 1984:

“Preparo la scelta, controllo le stampe, creo una sequenza da sottoporgli che lui approva subito, dopo aver suggerito qualche variazione. Qualsiasi cosa dica, anche la più semplice, suona sorprendentemente acuta, stimolante; oltretutto è molto gentile, affettuoso e simpatico.


Cage è uno di quei personaggi che non si smetterebbe mai di fotografare, un po’ come Leonard Bernstein o, penso, Warhol e Beuys. Sono perfetti sempre”.

La rassegna è patrocinata dal Comune e della Provincia di Matera, dalla Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici della Basillicata, dal Conservatorio E.R. Duni di Matera, dal comitato Matera 2019, dalla etichetta discografica Stradivarius e da Rai Radio 3.

La programmazione degli eventi della rassegna sarà consultabile anche tramite smartphone e tablet all’indirizzo  http://johncage.ego55.com sulla versione mobile sviluppata dall’agenzia di comunicazione, pubblicità e web EGO55 che ha curato anche l’intero progetto grafico della manifestazione.

Roberto Masotti: il Cage Wall

Il Cage Wall nasce per il palcoscenico del Teatro Piccolo Regio di Torino nel dicembre 1999, in occasione del John Cage Party, progetto che ho condiviso con Carlo Boccadoro, che lo ha ideato, e che ospitava solisti dell’ensemble “Sentieri Selvaggi”. Diventa poi una installazione a carattere fotografico / teatrale, inserendosi nel gruppo dei Lavori Musicali. Viene riproposta poi in luoghi e forme diverse fino ad alleggerirsi e divenire più essenziale tralasciando una certa sfacciata enfasi scenica. Questo lavoro non intende rinunciare ad una sua umorale variabilità e imprevedibile essenza. Tra le fotografie: ritratti a New York, la casa, un bonsai, mentre cucina, mentre ride, mentre gioca a scacchi con Grete Sultan, mentre è nei boschi di Montestella d’Ivrea (con l’ombrello ), mentre scrive o compone davanti alla pensione Calcina a Venezia, ritratto di gruppo con Cunningham e Tudor, con la compagnia di danza di Merce, mentre gioca a scacchi su un taxi a Bonn con Tenee Duchamp, infreddolito con il Tavolino per You Tourned the tables on me, in Rejoyce (immagine realizzata con la collaborazione ideativa di Cage, lui di spalle alle Zattere con lo sfondo della Giudecca a Venezia), mentre beve una tazza di te macrobiotico ( le ultime foto), mentre è in un ristorante, sempre macrobiotico, davanti all’ Antico Squero a Venezia dove si fabbricano e riparano gondole (ma che sembra l’Indocina), mentre acquista radici al mercato di Porta Palazzo a Torino, Branches eseguito da Carlo Boccadoro, 4’ 33’ eseguito da Angelo Miotto, entrambi in azione nel John Cage Party, panoramica dal treno di Alla Ricerca…, sequenza del treno, Empty Words al Lirico a Milano e a Bonn, Europeras a Ferrara, il pianoforte preparato (da Giancarlo Cardini ), …
4CAGEwalls nasce invece come evoluzione multimediale e performativa del Cage Wall di cui sopra, su invito di Massimo Fargnoli per Todi Arte Festival 2004 in associazione all’esecuzione di Four Walls di John Cage da parte di Giancarlo Simonacci con Jung Yeon Kim. CAGEwall era destinato ad espandersi in 4CAGEwalls da tempoma solo ora, a Matera si realizza.Sono stati inseriti 4 provini a contatto di alcune photosession con il compositore e i due video in alternanza che danno luogo ad una nuovissima tipologia di wall. Un progetto site-specific! Molto cageano, ovviamente…Lo stimolo a progettare più in grande è senz’altro venuto dall’ascolto dello straordinario ritratto sonoro di Cage costruito da Alvin Curran e tuttora non pubblicato dopo la prima esecuzione a Donaueschingen nel 2001, quanto dai ripetuti ascolti di Four Walls, tuttora opera poco frequentata del compositore.

Roberto Masotti. 4CAGEwalls
per la rassegna musicale del MUSMA
Dal segno al suono. Dal suono al segno
III edizione

Speciale John Cage nel centenario della nascita

Palazzo Pomarici
Via San Giacomo (Sasso Caveoso), Matera

14 luglio – 5 settembre 2012

Orari: martedì – domenica | 10.00-14.00 | 16.00-20.00
Info: info@musma.it
www.musma.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi