Ti sarà inviata una password per E-mail
RIMINI Luoghi vari | 6 settembre – 26 ottobre 2014

Silvia CamporesiRimini Foto d’Autunno, che celebra quest’anno la sua terza edizione, accresce il suo programma e arricchisce ulteriormente le sue proposte con un’offerta espositiva che presenta i diversi orientamenti e indirizzi della fotografia contemporanea.
Per celebrare l’anniversario della Seconda Guerra Mondiale la mostra Rimini 1944-2014 “… Pur l’avvenir siam noi”. Racconti di guerra, in due distinte sezioni ripropone due diversi sguardi sulla città romagnola nel ricordo del secondo conflitto mondiale: da una parte si rivivono testimonianze e memorie grazie alle immagini di una selezione attinta dal vasto fondo fotografico della Biblioteca Gambalunga che riportano lo sguardo sugli istanti vissuti settant’anni or sono; dall’altra l’intera città torna mettersi in posa per la mostra Ricostruire Rimini dello Studio Morosetti. Questa esposizione riporta l’attenzione sulle stesse prospettive dei vecchi scatti, lasciando decorrere lo scorrere del tempo che ha agito stratificando interventi, cancellando o alterando il tessuto originario di una città costretta a subire quasi quattrocento incursioni e bombardamenti aerei che l’hanno ridotta a un cumulo di macerie. Da considerare che i sette decenni da quel periodo terrificante intrecciano anche il centenario della “grande guerra”.
Riporta, invece, all’attenzione del pubblico il concetto di fotografia “preparata” (staged) la mostra, in collaborazione con la Galleria Paci Contemporary di Brescia, La camera del racconto. Staged photography che, tra l’altro, pare porsi in stretta continuità con la recente monografica di Paolo Ventura proposta da FAR – Fabbrica Arte Rimini.
Se la fotografia pare, in un certo senso, essere “preparata” e quindi “staged” fin dai suoi albori nelle ricerche dei suoi pionieri, nel lavoro di Pietro Paolini, vincitore del Premio Pesaresi 2013, questa preparazione, in accordo con uno spirito reportagistico, diventa minima, lo stesso autore ne divine implicito fautore.
Daniele Lisi, invece, lavora su un doppio registro che porta la sua fotografia a due standard differenti: da una parte troviamo la fotografia diretta, dall’altra la simulazione virtuale. Sembra invece formarsi alla fase preliminare della scelta fotografica Sandro Cristallini che, con una stesura quasi infinita dei suoi provini, si muove in una considerazione di lavoro d’archivio esorcizzando il “fotografo per vedere il negativo” di Winogrand.
Gli scatti di Isabella Balena si riferiscono ad una mostra che, prodotta dieci anni fa per il medesimo anniversario, resta validissima nell’approfondire e aggiornare il ricordo: nelle sale dell’ex Ospedale di Rimini il suo racconto, stanza dopo stanza, ci riporta dentro ad un intenso reportage dedicato ai luoghi legati al secondo conflitto mondiale.
Ritroviamo anche il progetto biennale Vie di Dialogo che, per la quarta edizione, mette a confronto le ricerche dell’artista emiliana Valentina D’Accardi e quella della romagnola Silvia Camporesi. La loro fotografia, pur con esiti individuali, diventa un luogo di indagine e ricerca, il filtro linguistico usato per leggere diversamente la temporalità della visione, in logica armonia con il tema di questa edizione di Rimini Foto d’Autunno.

Rimini Foto d’Autunno 2014

6 settembre – 26 ottobre 2014
Inaugurazione sabato 6 settembre 2014 ore 18.00
Rimini 1944-2014 “…Pur lavvenir siam noi” inaugurazione domenica 21 settembre 2014 ore 18.00

Programma:

Rimini 1944-2014 “… Pur l’avvenir siam noi”. Racconti di guerra
a cura della Biblioteca Civica Gambalunga, Consorzio dei saperi
coordinata da Angela Piegari, Mila Fumini, Egisto Seriacopi
con la collaborazione dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea
con il patrocinio dell’Università degli Studi di Bologna – Sede di Rimini
La mostra si articola in due sezioni: 

Sezione 1
Ricostruire Rimini. 
Archivio Moretti – Studio Morosetti
a cura di Elena e Tommaso Morosetti
FAR – Fabbrica Arte Rimini

Sezione 2
Le carte della memoria. Immagini e documenti della città in guerra nelle collezioni della Biblioteca Gambalunga
a cura di Oriana Maroni
con la collaborazione di Nadia Bizzocchi
FAR – Fabbrica Arte Rimini

Vie di dialogo / 4. Silvia Camporesi – Valentina D’Accardo
a cura di Claudia Collina e Massimo Pulini
in collaborazione con Comune di Rimini – Ala Nuova Museo della Città, Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna
comitato scientifico Davide Benati, Laura Carlini, Claudia Collina, Marco Pierini, Massimo Pulini, Claudio Spadoni
Ala Nuova, 1° piano
Museo della Città, Rimini

Pietro Paolini. Bolivianas
Vincitore del Premio Pesaresi Edizione 2013
Ala Nuova, 1° piano
Museo della Città, Rimini

La camera del racconto. Staged photography
Opere di Leslie Krims, Sandy Skoglund, Teun Hocks, Arthur Tress, Grace Weston, Mei Xian Qiu, Nicola Civiero, Lori Nix
in collaborazione con Galleria Paci Contemporary, Brescia
Ala Nuova, 2° piano
Museo della Città, Rimini

Sandro Cristallini. Infinito presente. Il Fotografo e l’archivio
Sala delle Teche
Museo della Città, Rimini

Isabella Balena. Ci resta il nome. I luoghi della memoria della II Guerra Mondiale in Italia (1940-1945)
Ala Nuova, 3° piano
Museo della Città, Rimini

Daniele Lisi. Cluster. New Jersey Counties
Galleria dell’Immagine, Rimini

Orari: 10.00-13.00 e 16.00-20.00, lunedì chiuso
Ingresso gratuito per tutte le mostre

Info: Comune di Rimini Assessorato alla Cultura
+39 0541 704416-14
www.museicomunalirimini.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi