BOLOGNA | Parco del Cavaticcio | 22 gennaio – 28 febbraio 2016
BOLOGNA | Cappella Farnese – Palazzo d’Accursio | 30-31 gennaio 2016

La sesta edizione di ON, il progetto di arte contemporanea che coinvolge artisti internazionali e italiani con opere site specific, azioni e performance pensate per spazi pubblici nella città di Bologna, vede protagoniste Ludovica Carbotta e Adelita Husni Bey.
Le artiste, in Dopo, domani, titolo della rassegna di quest’anno che rientra nel palinsesto di ART CITY Bologna 2016, muoveranno con un’individuale riflessione su temi inerenti la sfera pubblica e sociale dell’arte con un particolare sguardo rivolto e concentrato sul nostro futuro.

Ludovica Carbotta, A motorway is a very strong wind, 2015

Il concetto di futuro si identifica, in questa circostanza, come spazio fisico dei pensieri a lungo termine, ma diventa anche motivo di speranza rispetto alle difficoltà del nostro presente e prospettiva plausibile e praticabile per ritrovare fiducia sia in un ambito particolare che universale.
Con l’intallazione intitolata Monowe  Carbotta esplora la realtà fisica della città e, nel del Parco del Cavaticcio, pensa a come questa sia fruita dagli stessi suoi abitanti. Qui, il suo intervento, propone un’ipotesi di ambiente pensato per l’ideale comunità del futuro che abiterà una nuova città sopraelevata. Ponti, passerelle e scale si espandono in un conglomerato destinato a sovrastare quello esistente, ma destinato ad essere vissuto da una sola persona.
Questo lavoro spinge lo sguardo a vivere luoghi immaginari e di invenzione nei quali la coscienza riporta, però, attenzione sul valore dell’immaginazione quale virtù essenziale allo sviluppo di nuove consapevolezze e conoscenze. Per l’inaugurazione del 22 gennaio, per tutta la durata della mostra e nel weekend di ART CITY Bologna (il 29-31 gennaio), la sua installazione sarà fruibile grazie ad una guide tour sonora dedicata a questa città immaginaria (il podcast si scarica liberamente da www.onpublic.it).

Adelita Husni Bey, Working for a world free of poverty, 2014. Series of 6 photographs, 70x100 cm each. Digital c-print on pearl archive paper (detail)

Adelita Husni Bey propone un evento pubblico realizzato nella forma di un focus group aperto e accessibile a tutti, che prevede il coinvolgimento diretto di un gruppo di 20 persone temporaneamente disoccupate, le quali, scelte con una open-call, verranno sollecitate a pensare gli scenari dell’inevitabile processo di cambiamento ed evoluzione del lavoro nei prossimi 25 anni.
Quattro atti sul lavoro raccoglie, nella giornata inaugurale (il 30 gennaio dalle 15.00 alle 20.00), le esperienze, i risultati di questo confronto e interazione, che sarà accessibile anche in streaming (sempre dal sito www.onpublic.it che diventa anche piattaforma per una riflessione allargata sul tema del lavoro coinvolgendo altri artisti e teorici che si occupano di questo argomento), con la compilazione di un questionario tradotto poi in precise statistiche, rese pubbliche i giorni seguenti. Il 31 gennaio, presso la stessa Cappella Farnese, gli spettatori avranno a loro disposizione la documentazione dell’incontro in un’installazione audio-video oltre ad avere la possibilità di compilare i questionari prodotti.

Dopo, Domani. 6^ edizione di ON
Ludovica Carbotta
Adelita Husni Bey
a cura di Martina Angelotti
realizzato grazie a fUNDER35
in collaborazione con Comune di Bologna
nell’ambito di ART CITY Bologna 2016
inserito nel progetto Obiettivo “Paesaggio Bologna” del Comune di Bologna, presentato dalla Città Metropolitana  alla Regione Emilia-Romagna nell’ambito della L.R. 37/94 

Ludovica Carbotta (outdoor) > Monowe
Installazione e audio-tour 

22 gennaio – 28 febbraio 2016
Inaugurazione 22 gennaio ore 18.00 

Parco del Cavaticcio
ingresso da via del Porto, via Fratelli Rosselli, via Azzo Gardino, Bologna 

Adelita Husni Bey (indoor) > Quattro atti sul lavoro
evento pubblico

30-31 gennaio 2016
Focus group aperto 30 gennaio ore 15.00-20.00 

Cappella Farnese – Palazzo d’Accursio
piazza Maggiore 6, Bologna 

Info: www.onpublic.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •