Ti sarà inviata una password per E-mail
INTERVISTA A NICOLA LOI DI FRANCESCA DI GIORGIO

Nel 1986 apre Studio Copernico a Milano con una vocazione all’arte scultorea. Dopo vent’anni (2006) apre Materima a Casalbeltrame una vera e propria città/laboratorio d’arte plastica internazionale. Nel 2007, la prima edizione del Premio Internazionale Giovane Scultura Fondazione Francesco Messina dedicato alla generazione di scultori under 40. Oggi il Premio è una realtà, giunta alla sua seconda edizione, in apertura domenica 9 ottobre. Nicola Loi, ideatore del Premio e fondatore di Studio Copernico, racconta, in sintesi, i passi che hanno portato alla nascita del progetto: dalla collaborazione con il Maestro Francesco Messina e, successivamente con la Fondazione a lui dedicata, alla volontà di preservare la grande tradizione scultorea italiana aprendola al confronto con le ricerche internazionali. Dalle idee agli strumenti per poterle realizzare…
Nell’epoca di arti liquide e interdisciplinari, ribadire l’autonomia della ricerca plastica, riportando il discorso su materiali tradizionali e manualità esecutiva significa rivalutare le potenzialità della materia, restituendo all’artista capacità e forza per affrontare ogni tipo di progetto…

Francesca Di Giorgio: La nascita del Premio Internazionale Giovane Scultura Fondazione Francesco Messina si inserisce nella storia di Studio Copernico. Come nasce Materima e, poco dopo, il Premio che oggi giunge alla sua seconda edizione?
Nicola Loi:
Ho lavorato con Francesco Messina per molti anni e l’idea del Premio è nata da una delle tante discussioni a proposito delle difficoltà incontrate dai giovani scultori nella realizzazione delle loro opere, difficoltà che lui, dopo tanti anni a Brera, conosceva molto da vicino. Dopo la morte di Messina e l’istituzione della Fondazione e grazie all’interesse della figlia Paola il progetto è diventato realtà e ha trovato la sua naturale collocazione a Materima, il centro nato per salvaguardare la grande tradizione della scultura italiana dotato di spazi espositivi adeguati.

Il vostro è un progetto culturale che abbraccia molti aspetti – dalla selezione alla promozione – cui il Premio rappresenta un’importante fase. 20 artisti: 10 italiani (scelti da Claudia Gioia) e 10 spagnoli (scelti da Lorena De Corral). Dopo la Francia avete attivato un gemellaggio con la Spagna… Come vengono selezionati gli artisti? Quali sono le caratteristiche che distinguono la vostra iniziativa e su cui puntate per il futuro?
Ad ogni edizione viene assegnato l’incarico a un curatore italiano e ad uno del Paese ospite affinché invitino gli artisti che, a loro giudizio, rappresentano lo stato della ricerca plastica nei rispettivi Paesi. La peculiarità e la forza della nostra iniziativa sta nella possibilità di seguire tutto il processo creativo, dall’ideazione all’esposizione delle opere, all’interno di un’unica struttura. Il Premio Messina si differenzia da tutti gli altri perché promuove il confronto e la conoscenza reciproca tra diverse realtà e approfondisce ad ogni edizione il rapporto con un paese specifico, la scelta avviene a rotazione e quest’anno è toccato alla Spagna.

Le mostre esito di premi e concorsi hanno spesso la forma di una collettiva. Nel vostro caso sottolineate invece una struttura composta da 20 personali…
Crediamo che una singola opera non rappresenti un artista e non ne permette la conoscenza, per questa ragione si è pensato a una serie di personali in dialogo tra di loro.

Al di là del momento espositivo dedicato ai venti artisti selezionati come si lavora tutto l’anno a Casalbeltrame?
A Casalbeltrame, quando non sono allestite mostre temporanee, sono esposte in permanenza circa 200 opere plastiche dei maggiori artisti italiani e si esaminano progetti che vengono realizzati qui del tutto o in parte.

Scarica il comunicato
Scarica la presentazione di Materima
Scarica la presentazione della Fondazione Messina

Premio Internazionale Giovane Scultura Fondazione Francesco Messina
II edizione
Materima
Via Umberto I, 2
Casalbeltrame (NO)
Info:
+39 02 67075049 (Studio Copernico)
info@studiocopernico.com
www.studiocopernico.com
www.materima.it
www.fondazionemessina.it
9 ottobre – 20 novembre 2011

Artisti:
Lorena De Corral
, commissario per la Spagna, ha selezionato:
Cristina Almodóvar, Susana Botana, Rómulo Celdrán, Fanny Galera, Sol Martínez, Enrique Mesonero, Xavi Muñoz, Anna Talens, Antonio Vigo Pérez, Julio Adán.
Claudia Gioia commissario per l’Italia, ha selezionato:
Francesco Arena, Gianni Caravaggio, Christian Frosi, Carla Mattii, Perino & Vele, Antonio Rovaldi, Sissi, Luca Trevisani, Chiara Camoni, Francesco Barocco.

Chi è Nicola Loi
Frequenta l’ambiente artistico fin dagli anni ’60 e a partire dal ’67 (anno in cui organizza la prima mostra) trasforma la passione in un lavoro a tempo pieno: realizza mostre, propone dipinti e sculture ed edita grafica. Fin dall’inizio è attratto dalla scultura ma è alla fiera di Dusseldorf del ’73 che capisce quanto gli scultori italiani siano apprezzati all’estero, quando l’anno successivo fonda la galleria “La Colomba” a Torino sceglie, primo in Italia, di occuparsi prevalentemente di scultura. Negli anni ‘80 decide di trasferire l’attività a Milano, dove fonda nel 1986 lo “Studio Copernico”: non si tratta più della tradizionale galleria d’arte, ma di uno studio che, privilegiando il rapporto con gli artisti che segue, organizza eventi, cura l’immagine e le pubblicazioni e commercializza le opere. Nel 2006 l’amore per l’arte plastica porta ad un’ulteriore svolta: nasce a Casalbeltrame (NO) Materima, una vera e propria città della scultura.

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi