Ti sarà inviata una password per E-mail

TAG – Torino Art Galleries
Torino

Intervista a Valerio Tazzetti
(di Francesca Di Giorgio)

Ve lo avevamo promesso, dopo il week-end di STARTMILANO seguiamo a ruota un’altro opening d’eccezione. Ancora una città capitale del contemporaneo, ancora un tour tra gallerie che da tempo hanno deciso di associarsi per creare una rosa di eventi ed essere protagonisti, ma soprattutto co-firmatari, di progetti culturali e curatoriali sul territorio.
Una tre giorni con aperture simultanee e prolungate. 18 gallerie torinesi riunite in un evento/percorso cittadino. TAG – Torino Art Galleries non ha certo bisogno di presentazioni. Tra progetti futuri, buoni propositi e un pizzico d’auto-critica Valerio Tazzetti, presidente di TAG, in carica dallo scorso gennaio, risponde alle nostre domande…


Francesca Di Giorgio: Può farci entrare nel back stage dell’organizzazione? Cosa comporta nella pratica la messa in opera di un evento del genere?
Valerio Tazzetti:
La progettazione ed il coordinamento dell’evento, la ricerca di sponsors, la pianificazione pubblicitaria e la comunicazione stampa, il back-office organizzativo per l’accoglienza e l’ospitalità degli invitati esterni: per la nostra modesta struttura un cospicuo carico di lavoro!!!

Quando è iniziata la sua esperienza da presidente di TAG?

Dal gennaio scorso, ma facevo già parte del Comitato Direttivo e quindi ero già coinvolto nell’attività dell’Associazione.

Ci sono degli obiettivi che vi prefissate come costante nella vostra attività?
La collaborazione tra gallerie nell’organizzazione di eventi artistici sul territorio regionale al fine di promuovere l’attività galleristica anche in senso culturale e curatoriale.

Un’Ouverture straordinaria, la faccia più manifesta di TAG: una costellazione di mostre in gallerie private ma TAG fa di più… in che modo la vostra associazione collabora con la città e si inserisce nella programmazione culturale cittadina? Quali sono i progetti in programma per questa nuova stagione?
TAG, oltre che attraverso Ouverture, ha collaborato in passato con le istituzioni cittadine in progetti quali ManifesTO, grandi affissioni di artisti nelle vie e piazze torinesi e Stanze d’Artista negli spazi di Palazzo Bricherasio. Abbiamo un dialogo costante con la Fondazione CRT per l’Arte Contemporanea e i direttori dei principali musei e fondazioni piemontesi; partecipiamo inoltre attivamente al cartellone di ContemporaryTorinoPiemonte e certamente abbiamo altri progetti in gestazione che si dovrebbero concretizzare in occasione del prossimo Giorno Per Giorno nel maggio 2011, che dovrebbe essere dedicato all’arte contemporanea in occasione del 150enario dell’Unità d’Italia.

Il periodo autunnale – quello aperto da TAG, che culmina e ruota attorno all’attesa edizione di Artissima, a novembre – rappresenta uno dei migliori biglietti da visita  per la città. Nel complesso la tanto auspicata sinergia tra pubblico e privato, come si ripropone anche il sistema di ContemporaryTorinoPiemonte, si può dire riuscita? Dove si deve ancora lavorare e dove si sono raggiunti i risultati più alti?
Il sistema piemontese e torinese ha lavorato bene in passato in termini di offerta espositiva e questo è stato riconosciuto da tutta Italia ed anche dall’estero. Ultimamente si è ottenuto molto in termini di coordinamento e comunicazione ma penso che occorra di nuovo rafforzare la quantità e la qualità degli eventi in una prospettiva di confronto internazionale, cosa non facile considerata l’esiguità dei fondi a disposizione ma indispensabile nella competizione culturale.

Una cattiva abitudine da dimenticare e un buon proposito da mettere in pratica…
La proverbiale e schiva abitudine dei piemontesi a lavorare molto ma a confrontarsi poco tra di loro, una certa attitudine alla clandestinità del fare che abbinata all’individualismo si è manifestata anche nel mondo dell’arte per molto tempo e che si sta finalmente dissolvendo. Capire che anche il sistema dell’arte progredisce solo con la massima collaborazione reciproca e con una comunicazione congiunta e sinergica.

Il progetto in breve:
Ouverture – (Torino Art Galleries)
23-24-25 settembre 2010
Orari:
Giovedì 23 settembre ore 18.00 – 23.00
Venerdì 24 settembre ore 18.00 – 23.00
Sabato 25 settembre ore 11.00 – 19.30
Info: info@torinoartgalleries.it

In alto, da sinistra:
Ritratto di Valerio Tazzetti
Fabio Viale, “Progetto Cavour”. Courtesy Gagliardi Art System

Sotto, da sinistra:
Tobia Ravà, “1139 Boscone d’estate, il tempio giallo”, 2009, resine e tempere acriliche su seikojet su tela, cm 100×120
Tobia Ravà, “1173 die Seelen von Berlin”, 2010, resine e tempere acriliche su tela, cm 100×100
Per entrambe courtesy Ermanno Tedeschi Gallery

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi