Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Museo Diocesano Milano | 18 marzo – 27 aprile 2014

di MARIA CHIARA CARDINI

Nanni Valentini, Annunciazione, 1983

Attraversando l’ex Parco delle Basiliche in direzione del Museo Diocesano di Milano, la primavera si palesa ai nostri occhi esplosiva, colorata e feconda. Non c’è migliore preparazione di questa per la visita alla mostra Terra di Nanni Valentini (1931-1985), con le sue argille colme di forza e suggestione.
Di origine marchigiana, Valentini dedica la sua ricerca espressiva al disegno e alla ceramica, confrontandosi con artisti del calibro di Fontana e Tancredi. A cura di Paolo Biscottini e Flaminio Gualdoni, la mostra, allestita al primo piano del Museo Diocesano, rende omaggio ad un artista dalla grande profondità emotiva e intellettuale.
Il percorso espositivo ha inizio con un piccolo e potente lavoro, Volto, più un memento mori che una testa, un segnale che ci mette immediatamente in allerta, rendendo chiaro che quella che ci apprestiamo a varcare è la soglia di un cammino per nulla scontato.
Quasi a compensare il forte impatto iniziale, ecco venirci incontro l’immagine simbolo della mostra, Volto (da L’inno della perla), splendido, sereno nel suo placido cromatismo. E poi Angelo Dioniso, un totem, figura in questo caso senza volto, dove ci ritroviamo a fissare un baratro che ci attrae e allontana, potente e pauroso come tutti i suoi Angeli.
Nella sala succesiva l’opera Annunciazione, affascinante con il suo gres a fogli che porta un messaggio sì privato ma destinato a tutti (peccato per quelle tracce di silicone che, forse mi sbaglio, non penso possano appartenere all’artista ma ad un restauro impreciso).
Seguono enciclopedie di terre, studi sulla materia e il colore, come in Una materia per Pitagora o l’elegante Il volto di Endimione e i 28 volti di SeleneSi alternano crateri, case, il polipo e la brocca, spirali e pozzi, altri volti…
Per Valentini la terra è il fulcro della sua ricerca di artista, luogo in cui trovare la risposta alla domanda che egli stesso si pone: cosa c’è fra la parola e il silenzio?
Terra come solco di contadino, cavità da fecondare o sepolcro.
Terra come Natura, indifferente e inesorabile nel suo ciclo continuo di morti e rinascite. 

Nanni Valentini. Terre
a cura di Paolo Biscottini e Flaminio Galdoni

18 marzo – 27 aprile 2014

Museo Diocesano Milano
Corso di Porta Ticinese 95, Milano

Orari: tutti i giorni 10.00-18.00; chiuso lunedì
Ingresso: intero €8.00; ridotto e convenzioni €5.00; il martedì €4.00; scolaresche €2.00; gruppi da 15 a 25 persone €6.00

Info: +39 02 89420019
www.museodiocesano.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi